giovedì 3 gennaio 2013

Amazon batte Apple in tribunale: termine App Store non è ingannevole


Amazon batte Apple in tribunale: il giudice della corte distrettuale di San Francisco, Phyllis Hamilton, ha infatti archiviato le accuse di pubblicità sleale avanzate di Cupertino nei confronti di Amazon per l'uso del termine "App Store" per il software dei dispositivi Android. La sentenza di primo grado è un precedente che potrebbe mettere a rischio la proprietà intellettuale di tale termine.

"Non ci sono prove del fatto che Amazon abbia espressamente o implicitamente comunicato che il suo 'App Store' per Android possedesse le caratteristiche e le qualità che il pubblico si aspetta di avere dall'app store di Apple", afferma il giudice, secondo quanto riportato dall'agenzia Bloomberg.

Il produttore di iPhone, che ha lanciato il suo App Store nel 2008, ha detto che l'uso del termine di Amazon era pubblicità ingannevole, perché inganna i clienti a credere che il servizio di Amazon ha le qualità del negozio di applicazioni di Apple, ha detto Hamilton nella sua sentenza.

Apple non ha dimostrato il tentativo di pubblicità di Amazon per imitare Apple, non è riuscito a dimostrare che Amazon abbia fatto alcuna dichiarazione falsa, e non ha presentato alcuna prova del fatto che i clienti sono stati tratti in inganno dall'uso del termine di Amazon, ha detto Hamilton.

Apple aveva fatto causa ad Amazon ad aprile 2011, accusandola di infrazione del proprio marchio, falsa pubblicità e concorrenza non corretta sull’uso del termine app store. La denuncia era stata in seguito modificata (http://bit.ly/UIspsT) per includere affermazioni di pubblicità ingannevole. Amazon ha risposto al fuoco facendo riferimento al termine come generico.

Nel 2008, Apple ha applicato l'US Patent and Trademark Office per registrare APP STORE. Microsoft Corp. si è opposto alla registrazione, dicendo che il termine è generico. L'anno scorso il Trademark Trials and Appeals Board ha emesso un procedimento di opposizione in attesa dell'esito della causa di Hamilton.  Kristin Huguet, portavoce di Apple a Cupertino, ha rifiutato di commentare la sentenza.

Fonte: Bloomberg
Via: La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...