venerdì 31 agosto 2012

Tribunale Tokio boccia Apple, nessun brevetto è stato violato da Samsung


Secondo il tribunale di Tokyo la Samsung non ha violato i brevetti Apple di iPhone e iPad per i propri smartphone e tablet e pertanto non è tenuta ad alcun risarcimento nei confronti della "Mela morsicata". La guerra dei brevetti tra i colossi della tecnologia diventa anche una guerra tra le procure dei rispettivi Paesi dopo che, solo una settimana prima di questa sentenza, la corte della California ha condannato Samsung al pagamento di danni ad Apple per un totale di 1,05 miliardi di dollari, proprio per la violazioni dei brevetti di smartphone e tablet.

Apple cerca di "capitalizzare" la sentenza, puntando a mettere al bando delle vendite 8 device Samsung negli Stati Uniti. Nel respingere il ricorso di Apple, il giudice della Corte distrettuale di Tokyo Tamotsu Shoji ha detto che i prodotti di Samsung non violano la tecnologia della casa di Cupertino. Il giudice Tamotsu Shoji ha dichiarato che il responso libera lo smartphone Galaxy e un tablet dalla violazione dei brevetti del colosso di Cupertino sulle modalità di sincronizzazione dai dati musica e video verso i server.

Tuttavia, una sentenza non significa che la battaglia apparentemente senza fine sia finita, perché Apple potrebbe presentare appello contro la decisione a un tribunale superiore. La corte di Seoul ha condannato Apple e Samsung per aver violato i rispettivi brevetti, vietando infine la vendita di alcuni prodotti delle due società nel Paese. Samsung rilancia e, dall'IFA di Berlino, ha presentato una serie di nuovi prodotti, tra i quali il nuovo smartphone Galaxy Note II, che dovrebbero riportare l'attenzione dei media sulla capacità di innovazione del gruppo coreano.

Ma l'eterna querelle giudiziaria tra Samsung e Apple sta per arricchirsi di un nuovo capitolo. Questa volta è il colosso giapponese ad appellarsi ai giudici invocando una presunta violazione di brevetti sulla tecnologia 4G bloccando l'uscita del nuovo melafonino, l'iPhone 5, prevista in un keynote per il 12 settembre, basato proprio sulla tecnologia Lte, di cui Samsung detiene il 10% dei brevetti. Insomma la sfida sembra davvero infinita ma la cosa non sorprende se si considera lo scenario sullo sfondo: il mercato mondiale degli smartphone, stimato nel 2011 in oltre 200 miliardi di dollari.



Fonte: TM News
Via: Engadget

Samsung presenta Galaxy Note II, nuovo riferimento per la sua categoria


In occasione dell'evento Samsung Mobile Unpacked tenuto presso l'IFA, a Berlino, Samsung ha presentato il Galaxy Note II, un nuovo livello di innovazione per la categoria Galaxy Note. Il nuovo Samsung GALAXY Note II permette esperienze uniche nella creazione di contenuti personalizzati ed espressivi, il che rende lo smartphone definitivo per creatività on-the-go. Dal momento della prima introduzione della categoria Galaxy Note, Samsung ha continuato a migliorare ed espandere l'esperienza del prodotto Galaxy Note.

Nel marzo del 2012, Samsung ha introdotto Suite Premium, un aggiornamento del software che ha fornito una migliorata esperienza utente. Con l'aggiornamento del sistema operativo Ice Cream Sandwich, Samsung ha offerto funzionalità innovative come la Shape Match e Formula Match, proponendo un nuovo modo per organizzare ed esprimere le idee nella propria vita personale e professionale.

Inoltre nel mese di agosto, Samsung ha ulteriormente ampliato la categoria con Galaxy Note 10.1, che ha un schermo da 10.1 pollici di grandi dimensioni, una funzione multischermo per il multitasking finale, e funzionalità avanzate per le abilità di produttività, la creatività e l'apprendimento degli utenti. Con ulteriori miglioramenti, Samsung Galaxy Note II aiuterà gli utenti a liberare la loro creatività interiore, consentendo loro di scoprire le informazioni più velocemente, catturare le idee, ed esprimere in un modo più organizzato ed efficiente.



Il Galaxy II è dotato di un schermo super Amoled 5,5 "(140,9 millimetri) HD, fornendo visuali mozzafiato e dettagli in cristallo chiaro. Il formato 16:9 dello schermo garantisce un cinema coinvolgente e arricchito come esperienza di visualizzazione del video, perfetto per guardare video HD on-the-go. Il suo schermo più grande permette agli utenti di visualizzare i contenuti in modo chiaro e vivido, con risoluzione maggiore. Il Galaxy Note II è dotato di un processore Quad-Core 1.6GHz e connessione HSPA Plus o 4G LTE. Il Galaxy Note II è alimentato da Android 4.1 Jelly Bean.

Oltre al display con risoluzione di 1.280 x 780 pixel è previsto il supporto dello standard NFC. Le opzioni di memoria sono 16 GB, 32 GB e 64 GB espandibili con slot per micro SD. Grazie ad una batteria 3100 mAh, gli utenti possono godere di contenuti multimediali, essere sempre produttivi anche in viaggio, e catturare le idee sempre e ovunque senza soffrire di limitazione di potenza. Il Galaxy Note II è dotato di una fotocamera posteriore da 8 megapixel e frontale da 1,9 megapixel, con registrazione video HD.

La fotocamera dispone di funzioni quali Share Foto Buddy, Burst Photo Shot e Best, che sono stati introdotti nel ​​Galaxy S III nella prima parte dell'anno. In aggiunta a ciò, il Galaxy Note II dispone di una funzione camera unica chiamata Best Faces. Best Faces consente agli utenti di scegliere il volto preferito o posa di ogni persona dalle foto di gruppo. Gli utenti possono anche personalizzare le foto lasciando note scritte a mano sul retro di una foto utilizzando la S Pen. Note scritte a mano foto possono essere condivise con gli altri in formato jpg.


Il dispositivo ha la nuova funzione di rilievo gesto, chiamato Quick command, che consente agli utenti di attivare rapidamente le applicazioni utilizzate di frequente con la S Ped. Inoltre, gli utenti saranno in grado di condividere le loro esperienze con gli altri in modo rapido e facilmente utilizzando Screen Recorder. Esso consente agli utenti di registrare una sequenza di azioni intraprese sul loro schermo - una dimostrazione di come utilizzare un'applicazione, per esempio - e poi condividerla con gli amici per un commento, o solo per divertimento.

La dichiarazione di JK Shin: "L'anno scorso all'IFA, abbiamo lanciato il Galaxy Note, che ha aperto una nuova categoria di dispositivi mobili intelligenti. Quest'anno, ancora una volta all'IFA, sono orgoglioso di annunciare la Galaxy Note II, che incoraggerà gli utenti a 'liberare la loro creatività interiore'. Con una perfetta esperienza visiva e le caratteristiche uniche e differenziate, gli utenti possono trovare informazioni e catturare le loro idee più velocemente, esprimere pensieri liberamente e gestire le attività in modo più efficiente".

"Per chi vuole essere creativo, espressivo e unico nel suo genere, il Samsung Galaxy Note II sarà il dispositivo ideale, consentendo agli utenti di vivere una vita straordinaria", ha aggiunto il presidente di IT & Mobile Communications Division di Samsung Electronics. Disponibile in opzioni di colore marmo bianco o titanio grigio, il Samsung Galaxy Note II sarà lanciato a partire dal mese di ottobre in Europa, Asia e Medio Oriente. Il prezzo di listino del nuovo smartphone della casa coreana al momento non è stato reso noto.



Via: Samsung

Kaspersky riceve il premio B2 Awards da Business Marketing Association


Kaspersky Lab, leader europeo nello sviluppo di soluzioni di sicurezza informatica e nella gestione delle minacce IT, annuncia di essere stata insignita dalla Business Marketing Association del premio “B2 Awards” 2012. La campagna marketing di Kaspersky Lab “Be Ready for What’s Next” ha ricevuto il premio “Award of Excellence” nella categoria Integrated Marketing nel corso del “B2 Awards”.

Be Ready for What’s Next è una campagna B2B ancora in corso, utilizzata con successo per il lancio di Kaspersky Endpoint Security 8, Kaspersky Security Center 9 e Kaspersky Security for Virtualization. È stata progettata per consentire alle aziende di ogni dimensione di essere in grado di affrontare le minacce che si manifestano ogni giorno e incentivare la conoscenza delle soluzioni B2B di Kaspersky Lab.

John Malatesta, Vice President of Global B2B Marketing di Kaspersky Lab, ha commentato: “Questa campagna ha avuto successo perché soddisfa le esigenze di business dei nostri clienti e spiega le caratteristiche tecniche dalle soluzioni Kaspersky Lab. Anche noi abbiamo affrontato le stesse problematiche dei manager IT e per questo motivo, insieme ai nostri partner, siamo pronti a mettere a disposizione la nostra esperienza delle aziende, rendendole Ready for What’s Next.”

Alexander Erofeev, Chief Marketing Officer di Kaspersky Lab, ha aggiunto: “La strategia di marketing di Kaspersky Lab ha il compito di identificare e segmentare le esigenze dei clienti, selezionando i segmenti di mercato ed evidenziando le capacità di tutte le funzioni aziendali per soddisfare tali bisogni. Con questa campagna crediamo di aver applicato ancora una volta la nostra filosofia di marketing”.

Petr Merkulov, Chief Product Officer di Kaspersky Lab, ha sottolineato: “Kaspersky Endpoint Security 8 è il cuore della campagna. Questa soluzione combina la migliore protezione e gestione ed è ideale per le aziende di ogni dimensione”. La campagna comprende una serie di contenuti customer-oriented diffusi attraverso la pubblicità, il marketing online e email, i social media, le PR, i webinar, gli eventi e micro-siti multi-lingue.


Via: Kaspersky

App 187 di Telecom, le bollette si pagano anche con device iOS e Android


Per i clienti Telecom Italia avere informazioni sulla propria linea telefonica di casa e pagare la bolletta e' ancora piu' semplice. Con la nuova versione dell' ''App 187' - scaricabile gratuitamente dall'Apple Store e dal Google Play Store - e' possibile pagare il conto Telecom Italia con dispositivi iOS e Android, utilizzando le carte di credito piu' diffuse. Un semplice tocco e si entra in un mondo di informazioni e servizi utili per la propria linea telefonica di casa.

L'applicazione consente inoltre di inviare sul proprio indirizzo email la fattura in formato pdf, consultare le ultime sei fatture, visualizzare le richieste commerciali effettuate e tutte le comunicazioni ricevute da Telecom Italia. Con l'App 187 l'assistenza tecnica e' sempre disponibile sui principali dispositivi mobili per inviare una segnalazione, una diagnosi della propria linea fissa o ADSL, oppure della posta elettronica.


Inoltre per facilitare l'accesso all'assistenza tecnica e commerciale 187 e' ora disponibile una sezione dedicata sul canale 999 del Digitale Terrestre Cubovision. Direttamente dal televisore di casa si potranno visualizzare i dati relativi al proprio profilo commerciale, le ultime sei bollette, i servizi e le offerte della linea fissa, eseguire una diagnosi tecnica sull'utenza telefonica e sul servizio ADSL e verificare i dispositivi connessi alla propria rete domestica.

Il servizio e' consultabile dai clienti residenziali Telecom Italia sul canale 999 del Digitale Terrestre attraverso il decoder Bollino ''DGTVi Gold'' o sulle smart tv compatibili. L'Associazione DGTVi ha promosso, in collaborazione con i produttori di "set-top box" e di televisori digitali integrati, l'iniziativa "Bollino DGTVi", per garantire delle caratteristiche tecnico-qualitative dei ricevitori a tutela del consumatore.

Le nuove funzionalita' 187 rientrano nel progetto di Caring ''multipiattaforma'' avviato da Telecom Italia e confermano l'impegno aziendale finalizzato ad offrire una migliore qualita' del servizio, anche attraverso innovative modalita' di caring, in grado di soddisfare in modo semplice e intuitivo le esigenze di assistenza del cliente, sfruttando le potenzialita' offerte dalla multimedialita' in mobilita'.



Via: TM News

Samsung Netherlands aderisce a iniziativa Startupbootcamp Amsterdam


E' Samsung Electronics Netherlands l'ultimo partner in ordine di tempo ad aderire all'iniziativa Startupbootcamp Amsterdam e fornirà ai partecipanti l'hardware, diversi mentori, oltre a un contributo finanziario. Il programma Startupbootcamp Amsterdam incoraggia 10 aziende innovative ad accelerare la loro crescita (durante un periodo di tre mesi) con il supporto di oltre 150 mentori.

Microsoft, Vodafone, Boer&Croon, ABN Amro, PWC e VMWTaxand fanno già parte della famiglia di Startupbootcamp Amsterdam che è in continua crescita. Patrick de Zeeuw, co-founder of Startupbootcamp Amsterdam: "Siamo molto contenti che Startupbootcamp è in grado di collaborare con il leader del mercato olandese nel mercato hardware mobile. Samsung è un'azienda che porta innovazione e si adatta perfettamente con i nostri altri partner".

Geert Mol, Marketing Manager Samsung Mobile Nederland, ha detto: "Siamo lieti che la nostra conoscenza e i prodotti innovativi sono ora parte di Startupbootcamp Amsterdam. Grazie all'approccio intensivo e personale di Startupbootcamp Amsterdam starting tech gli imprenditori possono eccellere. Ci aspettiamo che le nostre soluzioni di business non solo siano abbracciate da Startupbootcamp Amsterdam, ma anche dagli imprenditori".

Startupbootcamp Amsterdam ha anche lanciato lo Starters Kit. Questo nuovo kit offre ai nuovi imprenditori la possibilità di profilare se stessi on-line, e una guida su come aprire un conto in banca e organizzare molti servizi, fornendo sia informazioni e l'accesso diretto alle offerte di terzi. Samsung sarà rappresentata anche nello starters kit come raccomandazione di smartphone e fornitore tablet.

Startupbootcamp
Startupbootcamp è un programma di accelerazione di start up paneuropeo, attualmente in essere a Copenhagen, Dublino (febbraio-maggio '12), Amsterdam (aprile-giugno '12) e presto ne verranno attivati a Londra e Berlino. Al momento sono aperte le iscrizioni per Startupbootcamp Amsterdam, con termine ultimo 12 febbraio 2012.

Startupbootcamp consiste in una rete di contatti e nel far parte di un ecosistema di start up internazionali che aiuteranno i partecipanti ad accelerare i tempi. Il programma non solo vanta una vasta rete di mentori, sponsor e investitori, ma anche ambassador che diffondono il concetto di Startupbootcamp in tutto il mondo. Per maggiori informazioni, visitare http://www.startupbootcamp.org o Twitter: @SBootCamp

Founder's Minute 2013 from Jonathan Marks on Vimeo.

Via: Axicom

Doodle Google celebra 142° anniversario della nascita di Maria Montessori


Google celebra Maria Tecla Artemisia Montessori, nota per il suo metodo didattico utilizzato nelle scuole pubbliche e private in tutto il mondo. Il metodo di istruzione Montessori cerca di scoprire il potenziale creativo di un bimbo e dà enfasi alla sua indipendenza. Il logotipo rappresenta le fasi dello sviluppo didattico attraverso degli strumenti. Scorrendo il mouse si legge "142° anniversario della nascita di Maria Montessori". Cliccando su di esso si ottengono i risultati della chiave di ricerca "Maria Montessori".

Maria Montessori nasce a Chiaravalle (Ancona) il 31 agosto 1870 da una famiglia medio borghese. Trascorre l'infanzia e la giovinezza a Roma dove decide d'intraprendere studi scientifici per diventare ingegnere, un tipo di carriera che a quel tempo era decisamente preclusa alle donne. Grazie alla sua ostinazione e all'ardente desiderio di studiare, Maria riesce a strappare il consenso per l'iscrizione alla facoltà di medicina e chirurgia dove si laurea nel 1896 con una tesi in psichiatria.

I primi passi della sua straordinaria carriera, che la porteranno a diventare un simbolo del filantropismo, la vedono alle prese con i bambini disabili, di cui si prende amorevolmente cura e a cui rimarrà affezionata per il resto della sua vita, dedicandovi tutti i propri sforzi professionali. Intorno al 1900 inizia un lavoro di ricerca presso il manicomio romano di S. Maria della Pietà dove, tra gli adulti malati di mente, si trovavano bambini con difficoltà o con turbe del comportamento.

L'eccezionale pedagogista, oltre alla profusione di amore e di attenzione umana che elargisce a queste povere creature, si rende ben presto conto, grazie al suo acume e alla già ricordata sensibilità, che il metodo di insegnamento usato con questo tipo di "pazienti" non è corretto. Dopo numerosi tentativi, anni di osservazioni e prove sul campo, la Montessori arriva così ad elaborare un metodo innovativo di istruzione per bambini disabili, differente da qualsiasi altro in uso all'epoca.

Montessori stessa sosteneva che il metodo applicato su persone subnormali aveva effetti stimolanti anche se applicato all'educazione di bambini normali. Il suo pensiero identifica il bambino come essere completo, capace di sviluppare energie creative e possessore di disposizioni morali (come l'amore), che l'adulto ha ormai reso inattive. Il principio fondamentale deve essere la libertà dell'allievo, poiché solo la libertà favorisce la creatività del bambino già presente nella sua natura.

Maria Montessori visse in diverse parti d'Europa prima di far ritorno in Italia, dopo la caduta del fascismo e la fine della Seconda Guerra Mondiale. Muore il 6 maggio 1952 a Noordwijk, in Olanda. La sua opera continua a vivere in diverse parti del mondo attraverso le centinaia di scuole istituite a suo nome. Tra il 1990 e il 1998 il suo volto è stato raffigurato sulle banconote italiane da Mille Lire, rimpiazzando quello di Marco Polo, e fino all'entrata in vigore della moneta unica europea.


Via: Biografie Online
Foto: Cartamoneta

giovedì 30 agosto 2012

Lampadine a incandescenza: stop dal primo settembre, il futuro è a Led


Dopo oltre 130 anni di vita le vecchie lampadine a incandescenza, come quelle inventate da Edison, cominceranno progressivamente a uscire dal mercato europeo. Dal primo settembre 2012, infatti, scatta il divieto di vendita delle ultime in circolazione, quelle di potenza compresa tra i 25 e i 40 watt. Le altre erano state gradualmente eliminate dal 2009, in base alla normativa europea sull'Ecodesign o direttiva EUP (Energy Using Products2005/32/EC. Dal primo settembre 2016 il divieto sarà esteso anche alle lampade alogene a bassa efficienza.

Finalizzato al risparmio energetico e alla lotta contro i cambiamenti climatici, spiega la Commissione Ue, il divieto è scattato nel 2009 con le lampadine di potenza superiore ai 100 watt, per poi essere esteso a quelle meno potenti fino, appunto, al prossimo primo settembre, quando spariranno le ultime in circolazione. Entro il 2020 - secondo La Commissione Ue - queste misure dovrebbero portare a un risparmio energetico pari al consumo di 11 milioni di famiglie all’anno, e a una riduzione delle emissioni di anidride carbonica di 15 milioni di tonnellate all'anno.


Inventate nel 1878 da Thomas Alva Edison, le lampadine tradizionali trasformano in luce soltanto il 5-10% circa dell'energia che consumano, mentre il resto produce calore. Il loro consumo è molto più alto di quello di prodotti più recenti, come le lampadine fluorescenti compatte e le alogene a basso consumo di energia, o di tecnologie emergenti, come i Led. Secondo dati elaborati dallo studio Lighting the Clean Revolution e presentati da The Climate Group e Philips, i Led possono generare un risparmio energetico dell'85% rispetto alle soluzioni tradizionali.


Solo negli Usa il taglio del 40% dell'energia consumata per l'illuminazione porterebbe ad un risparmio economico annuale di 53 miliardi di $ e a una riduzione della domanda di energia che corrisponderebbe a 198 centrali elettriche di media dimensione. Dallo studio, inoltre, emerge che l'illuminazione a Led è una tecnologia che richiede bassi interventi di manutenzione: il tasso di guasti è infatti dell'1% ogni 6.000 ore di utilizzo, contro il 10% delle fonti di illuminazione tradizionale. La durata della vita dei Led va dalle 50 mila alle 100 mila ore.

Le lampadine fluorescenti, attualmente il sistema di illuminazione più efficiente disponibile sul mercato europeo, usano il 65-80% di energia in meno rispetto a quelle ad incandescenza, segnala la Commissione Europea, ricordando che le lampadine fluorescenti costano di più al momento dell’acquisto, ma risultano più economiche nel tempo perché‚ consumano meno e durano più a lungo. Secondo le stime dell’Ue, ogni famiglia può risparmiare almeno 50 euro all’anno sulla bolletta passando a questo tipo di illuminazione.


Fonte: La Stampa
Via: Adnkronos
Foto: iStock

Germania/ tassa sui motori di ricerca, Google: un giorno nero per Internet


Google dovrà pagare una tassa sui contenuti che indicizza nella sua sezione di news. Il governo tedesco ha approvato un controverso progetto di legge, che prevede che i motori di ricerca paghino il diritto d'autore agli organi di informazione tedeschi in caso di visualizzazione dei loro titoli sui siti web. Una misura discussa, ma ora esecutiva. Come riporta La Repubblica, la misura è stata ampiamente criticata sulla Rete tedesca, con i Verdi e il partito dei Pirati che hanno già annunciato la loro opposizione.

Google ha immediatamente commentato dicendo che in Germania "è un giorno nero per la Rete. Questo intervento nel mondo di Internet è senza precedenti. Ciò significa minor numero di informazioni, costi più alti e massiccia incertezza giuridica. La comunità Internet tedesca, i politici di tutti i partiti di potere, l'economia tedesca e gli scienziati che conducono rifiutano questa avventura da all'unisono", ha detto su Google Plus il portavoce tedesco di Google Nord Europe, Kay Oberbeck.


"Ci auguriamo che il parlamento tedesco fermerà questo disegno di legge", ha aggiunto. Il governo tedesco ha approvato il disegno di legge, prevedendo la tassazione solo sui siti a scopi commerciali, con l'esclusione di associazioni non-profit. Opposte le reazioni da parte dell'associazione degli editori tedeschi, BDZV, che hanno definito il progetto giusto ed "equilibrato". Ed è proprio di queste ore una notizia che riguarda Facebook e la privacy sulle app in Germania.

Il Verbraucherzentrale Bundesverband (VZBV), ha infatti accusato Facebook di violare le norme tedesche sulla privacy in quanto nel Centro Applicazioni del social network non viene indicato esplicitamente il consenso preventivo agli utenti. Il gruppo ha minacciato Facebook di citarli in giudizio se non correggeranno la situazione entro il 4 Settembre. Il governo tedesco, che a questo punto si candida ad essere il "demonio" di Google (basti pensare alle numerose inchieste sul servizio di Street View), e adesso pure di Facebook.

Microsoft, rilasciata SkyDrive per Android dopo redesign di SkyDrive.com


Dopo una lunga attesa Microsoft ha rilasciato l'applicazione SkyDrive per Android. Dopo diversi mesi di sviluppo l'app è quindi finalmente disponibile in Google Play, in maniera del tutto gratuita. "Qualche settimana fa abbiamo annunciato la nostra intenzione di rilasciare un app ufficiale di SkyDrive per i telefoni Android. Oggi siamo lieti di annunciare che l'applicazione è ora disponibile per il download", scrive Mike Torres, ingegnere di Microsoft.

"Vogliamo fare in modo che siate in grado di avere i file accessibili attraverso i vari dispositivi utilizzati per cui è importante che continuiamo a estendere l'esperienza SkyDrive per i dispositivi di uso quotidiano. Questa nuova applicazione per Android è simile alle nostre applicazioni mobile per Windows Phone e iOS, ed è una parte fondamentale per rendere sicuro il vostro file di SkyDrive accessibile e condivisibile da tutti i dispositivi", aggiunge Torres.


Nel costruire la nuova applicazione SkyDrive per Android, gli ingegneri di Microsoft hanno voluto mantenere lo stesso design intuitivo di tutte le esperienze SkyDrive, presentando una interfaccia grafica nello stile recentemente scelto dalla società nello sviluppo dei propri software. SkyDrive, permette agli utenti con un Windows Live ID di avere uno spazio di archiviazione gratuito da 7 GB, nel quale archiviare i propri file, che siano foto o documenti, e poi accedervi da qualsiasi altro dispositivo.



Per chi invece avesse già utilizzato il servizio in passato, lo spazio disponibile è di 25 GB. L'app SkyDrive è stata resa disponibile in precedenza per dispositivi Windows Phone e iOS. La nuova applicazione è stata progettata per funzionare al meglio con Android 4.0 Ice Cream Sandwich, anche se è anche perfettamente funzionante su Android 2.3 e superiori. L'applicazione può essere scaricata direttamente accedendo al Play Store dal proprio dispositivo, oppure cliccando su questo link.


Nelle scorse settimane Microsoft ha pure rilanciato il sito SkyDrive.com, che presenta un layout a mattonelle e vanta nuove funzionalità, come la ricerca istantanea e una barra degli strumenti contestuale. La video chat Skype può essere avviata anche dalla posta in arrivo. SkyDrive, è anche integrato nel nuovo servizio Outlook.com. In un post sul blog di Microsoft, il vice presidente Windows Live Chris Jones ha riferito che in sole due settimane, Outlook.com ha raccolto 10 milioni di utenti.

Il servizio di posta elettronica dispone di un design pulito, l'integrazione con Word, Excel e PowerPoint, un nuovo visualizzatore di foto, chiamate Skype all'interno della casella di posta elettronica e la possibilità di estrarre i contatti da Facebook e LinkedIn. L'interfaccia è stata realizzata anche in funzione di un utilizzo con i tablet, oltre, ovviamente, all'uso da Pc desktop. Gli utenti possono aprire Microsoft Word, Excel o PowerPoint da una e-mail, quindi visualizzare e modificare i documenti online.



Via: Windowsteam

LulzSec, arrestato secondo hacker accusato di violazione a Sony Pictures


L'Fbi ha arrestato un secondo presunto membro del gruppo di hacker LulzSec sospettato di hacking nei sistemi informatici della rete Sony Pictures Entertainment. Raynaldo Rivera, 20 anni, di Tempe, in Arizona, si è arreso alle autorità statunitensi a Phoenix sei giorni dopo che un gran giurì federale di Los Angeles ha restituito un atto d'accusa accusandolo di cospirazione e violazione non autorizzato di un computer protetto. Se condannato, Rivera rischia fino a 15 anni di carcere, ha detto un procuratore.

Nell'atto di accusa Rivera, che sul profilo Facebook si descrive come "Im just your common computer geek", viene accusato di aver sottratto informazioni dai computer dei sistemi di Sony Pictures nel maggio e giugno 2011 con un attacco SQL injection contro lo studio del sito web, una tecnica comunemente utilizzata dagli hacker. L'accusa ha detto che Rivera, ha poi ha aiutato a caricare le informazioni riservate sul sito LulzSec e ha annunciato l'intrusione attraverso account Twitter del gruppo di hacker.

Mentre Rivera è stato il solo soggetto indicato nell'atto di accusa, l'Fbi ha detto che i suoi co-cospiratori includono Cody Kretsinger, 24 anni, il quale ha confessato di essere un membro di LulzSec e si è dichiarato colpevole nel mese di aprile per accuse federali derivanti dal suo ruolo nell'attacco Sony. A seguito della violazione, LulzSec ha pubblicato nomi, date di nascita, indirizzi, email, numeri di telefono e le password di migliaia di persone che si erano iscritti ai concorsi promossi da Sony, e pubblicamente si è vantato delle sue imprese.

"Da una singola iniezione si accede a TUTTO", hanno detto gli hacker in una dichiarazione al momento. "Perché avete messo tanta fiducia in una società che permette di aprirsi a questi semplici attacchi?". Le autorità hanno detto che la violazione di Sony in ultima analisi, è costata alla società più di 600.000 dollari. LulzSec, un gruppo clandestino noto anche come Lulz Security, è un ramo del collettivo di hacker Anonymous che ha effettuato incursioni informatiche in diversi siti web governativi e del settore privato.

L'ultima accusa dice che Rivera, si faceva chiamare con i nickname "neuron", "royal" e "wildicv" ed è sospettato di aver utilizzato un server proxy, nel tentativo di nascondere il suo indirizzo IP per evitare il rilevamento. Un pirata informatico britannico, Ryan Cleary, 20 anni, è stato incriminato da un gran giurì federale nel mese di giugno per accuse relative agli attacchi LulzSec a più aziende, tra cui Sony Pictures. La condanna di Kretsinger, che si è dichiarato colpevole per gli stessi due capi d'imputazione che incombono attualmente su Rivera, è prevista il 25 ottobre.


Fonte: Reuters
Via: Sophos

mercoledì 29 agosto 2012

Salute: fumare cannabis da adolescenti abbassa il quoziente intellettivo


La dipendenza da marijuana o il suo uso continuato prima dei 18 anni provoca danni durevoli a carico di intelligenza, attenzione e memoria. A dirlo, una ricerca della Duke University pubblicata sulla rivista Pnas. Sulla base dei dati relativi a oltre 1.000 neozelandesi, nati fra il 1972 e il 1973 in Nuova Zelanda, i soggetti che cominciano a usare cannabis nell'adolescenza e la consumano per anni hanno mostrato una riduzione di 8 punti nel quoziente intellettivo, confrontando il Qi a 13 e a 38 anni.

"Smettere di far uso di cannabis non riusciva a rimediare ai danni causati", ha dichiarato Madeline Meier, che ha condotto lo studio. Gli scienziati ritengono che il punto cruciale stia nell'età in cui si comincia a far uso di marijuana e nella fase di sviluppo in cui si trova il cervello: prima dei 18 anni, il cervello si sta ancora organizzando e rimodellando per diventare più efficiente, e potrebbe essere molto vulnerabile ai danni provocati da queste droghe.

"La marijuana, per gli adolescenti, non è innocua", ha dichiarato Meier, che ha seguito, per la precisione, un gruppo di 1037 soggetti di Dunedin, Nuova Zelanda, nati nel 1972-1973, dalla nascita fino ai 38 anni di età. Circa il 5 per cento del gruppo era considerato marijuana dipendente, oppure ne faceva uso per più di una volta alla settimana prima dei 18 anni. All'età di 38 anni, le persone che facevano un uso persistente della cannabis durante l'adolescenza conseguivano punteggi peggiori nei test su memoria, velocità di ragionamento e elaborazione visuale, oltre a perdere 8 punti di Qi.

"Calare dalla media di 100 a 92 significa ritrovarsi dal 50esimo percentile di popolazione al 29mo percentile, una caduta non indifferente", ha concluso Meier. All'età di 38 anni, tutti i partecipanti allo studio sono stati sottoposti ad una serie di test psicologici per valutare la memoria, la velocità di elaborazione, il ragionamento e l'elaborazione visiva. Le persone che hanno usato marijuana con costanza hanno ottenuto dei punteggi significativamente scarsi sulla maggior parte dei test.



Via: AGI

McAfee Social Protection, app per proteggere le foto degli utenti Facebook


Un nuovo software gratuito disponibile online in versione beta promette di proteggere le foto degli utenti di Facebook da un utilizzo indesiderato. McAfee ha annunciato la disponibilità di una versione beta scaricabile gratuitamente di Social Protection. Si tratta di un plug-in per i browser più diffusi, realizzato dalla società di sicurezza McAfee, che consente di scegliere quali amici possono avere accesso alle proprie foto e rende sfocate le immagini a chiunque altro. L’applicazione, inoltre, disattiva le funzioni di salvataggio e download.

Una volta che gli amici selezionati avranno installato la app, potranno vedere le immagini "in chiaro", creando un secondo livello di sicurezza. Solo gli amici autorizzati potranno vedere le foto, ma anche loro non saranno in grado di condividerle, copiarle, stamparle o catturarne lo screenshot, mentre chi non è stato autorizzato non potrà nemmeno visualizzarle. L’applicazione è disponibile per i browser più diffusi, come Internet Explorer 8 o superiore e Firefox 8 o superiore - il browser di Mozilla recentemente aggiornato alla versione 15.


Gli utenti possono quindi condividere le proprie foto senza preoccuparsi che facciano il giro del web o che vengano caricate su qualche sito da qualcun altro. "Man mano che gli utenti espongono online, in modo sempre maggiore, la propria vita pubblicando le proprie foto su Facebook, diventano sempre più vulnerabili alla violazione della privacy dovuta alla scarsa possibilità di controllare completamente dove vanno a finire le loro foto" commenta in una nota Brian Foster, senior vice president del consumer product management di McAfee.

"McAfee Social Protection è un'ulteriore riprova del nostro impegno per la salvaguardia della sicurezza dei dati e dell'identità online" aggiunge. McAfee Social Protection impedisce a chiunque di catturare uno screenshot delle proprie immagini: utilizzando la funzione "stampa schermo", infatti, si cattura solo uno spazio vuoto. McAfee per la protezione sociale Beta non è al momento disponibile per esegue Chrome 21 su Windows 7. È possibile però accedere alla pagina dell'applicazione da un altro computer o da quello attualmente in uso attraverso un'altro browser.


Via: La Stampa

Mozilla rilascia Firefox 15: maggiore velocità, download anche per Android


Mozilla ha rilasciato Firefox 15, la nuova release disponibile sia per computerr desktop che per Android, in download dal Google Play Store. La nuova versione di Firefox per Android supporta Flash su tablet Android Honeycomb. Tra le novità c'è il supporto SPDY (versione 3), il visualizzatore di PDF nativo, il click-to-play plugin, l'ottimizzazione dell'uso della memoria e Awesome Screen, dedicato alla cronologia di navigazione, segnalibri, password ecc. Firefox 15 è più veloce, risparmiando sull'uso di memoria quando si naviga con i componenti opzionali.

Ma le novità più interessanti del nuovo browser riguardano soprattutto i videogiocatori. Firefox 15 infatti introduce il supporto per le texture compresse, permettendo agli sviluppatori di giochi di sfruttare al massimo la memoria video per progettare giochi dalla grafica complessa senza influire sulle prestazioni. Nello stesso percorso vanno il miglioramento del motore JavaScript e il potenziamento di WebGL che consente alle animazioni di apparire ancora più fluide.

Sul fronte sicurezza, la tecnologia per la privacy Do Not Track, ma anche Master Password e HTTP Strict Transport Security sono i punti di forza del nuovo Firefox sia in versione mobile per Android che in edizione desktop. JavaScript Debugger è invece una funzionalità dedicata agli sviluppatori che semplificherà l'esecuzione di debug da remoto su dispositivi mobili e aiuterà a interpretare il codice di applicazioni web in esecuzione su Firefox per Android.



Firefox per Android rende più facile raggiungere i siti preferiti con un solo tocco, con una pagina iniziale personalizzata e un aspetto fresco e aerodinamico. Questa versione include una nuova schermata nuova che offre tutta la cronologia di navigazione, i segnalibri, le password e i dati dei moduli. È inoltre possibile importare l'esperienza personalizzata di Firefox con Firefox Sync.

Basato sulla stessa piattaforma tecnologica aperta della versione desktop di Firefox, Firefox per Android naviga con il più alto livello di funzionalità di privacy e di sicurezza nella navigazione mobile. Le nuove funzionalità HTML5 in Firefox per Android consentono agli sviluppatori di creare applicazioni Web ricche e siti web basati su HTML5, JavaScript, CSS e altri standard Web aperti.

Firefox per Android supporta il Flash per dispositivi tablet a nido d'ape in modo da poter interagire maggiormente con video e giochi. Per rendere la navigazione sul cellulare o tablet ancora più facile, Firefox per Android consente di passare tra la versione desktop e mobile di un sito scegliendo "Desktop Site Request" dal menu del browser. Le note di rilascio di Firefox per Android sono diponibili qui. Firefox desktop si aggiorna in modo silente o è disponibile per il download qui.



Via: Mozilla

Vulnerabilità zero-day nel nuovo Java SE 7 colpisce tutti gli OS e browser


La FireEye Malware Intelligence Lab ha scoperto una nuova vulnerabilità zero day che colpisce l'ultima versione di Java. La falla interessa tutte le versioni di Java Oracle 7 (versione 1.7) su tutte le piattaforme supportate. Java 6 e versioni precedenti non sono influenzate. Nessuna patch è disponibile in questo momento. La falla può essere sfruttata su tutti i browser e sistemi operativi (Windows, OS X, Linux).

Le potenziali vittime sarebbero dirette verso un sito orientale, in cui un codice maligno sfrutterebbe la vulnerabilità installando un malware sul sistema. Secondo il ricercatore Atif Mushtaq, da qui il computer verrebbe collegato ad un server di comando e controllo con sede a Singapore il quale può utilizzare la macchina compromessa per installare ad esempio un keylogger.

Mushtaq è stato in grado di testare con successo l'exploit su una macchina di prova con Firefox e l'ultima versione di Java e ha avvertito che si tratta solo una questione di tempo prima che chiunque possa sfruttare la vulnerabilità. Tutti i browser in esecuzione su questi sistemi si sono rivelati vulnerabili se avessero il plugin Java installato, tra cui Chrome, Firefox, Internet Explorer, Opera e Safari.

L'exploit iniziale sembra registrato su un dominio che ha indicato un indirizzo IP in Cina. Una rapida ricerca ha dimostrato che il server a questo indirizzo IP era stato responsabile di diffondere altre forme di malware in passato. Nella forma in cui è stata scoperto, l'exploit funziona solo su macchine Windows, in quanto il carico utile che si scarica è un eseguibile Windows.

Ma gli hacker dietro il software test di penetrazione Metasploit dicono di aver studiato l'exploit e di aver scoperto che potrebbe essere facilmente usato per attaccare computer che eseguono Linux o Mac OS X, dato l'appropriato carico utile. I primi rapporti suggerivano che il browser Google Chrome recentemente aggiornato, fosse immune al problema, ma sembra si sia trattato d'un bug nel codice dell'attaccante.

La vulnerabilità CVE-2012-4681, consente agli aggressori remoti di eseguire codice arbitrario tramite un applet artigianale. Oracle ha ancora commentato sulla vulnerabilità o quando gli utenti dovrebbero aspettarsi una correzione. Il prossimo aggiornamento previsto per Java è il 16 ottobre 2012. Una soluzione è quella di navigare in rete utilizzando il browser preferito con Java disattivato.

A cusa della gravità della falla, i ricercatori malware di Deepend hanno sviluppato una correzione temporanea che dicono possa impedire al codice Java canaglia di eseguire il suo carico. Poiché la patch può essere utilizzata per sviluppare nuovi exploit se cadesse nelle mani sbagliate, i ricercatori l'hanno messa a disposizione su richiesta individuale per gli amministratori di sistema che gestiscono un gran numero di clienti di aziende che si basano su Java.


Via: The Register

martedì 28 agosto 2012

Apple: dopo risarcimento 1 mld chiesto stop vendite a 8 device Samsung


Dopo la storica vittoria in cui la corte di San Jose, in California, ha riconosciuto a Cupertino un maxi-risarcimento da oltre un miliardo di dollari da Samsung per violazione dei brevetti, l'azienda fondata da Steve Jobs ha chiesto lo stop alle vendite negli Stati Uniti di 8 dei 28 tra telefonini e tablet oggetto della vertenza della casa sudcoreana [PDF]. Il rimborso a cui è stata condannata Samsung ricordiamo che è molto inferiore a quello chiesto da Apple (2,5 miliardi di dollari).

Si tratta comunque uno dei più grossi rimborsi a cui sia mai stata condannata un’azienda per aver violato una proprietà intellettuale. Ma Apple non si accontenta e dopo la storica vittoria, nel suo mirino sono adesso i prodotti più moderni dell'azienda coreana. Ad essere oggetto della vertenza i seguenti device: Samsung Galaxy S 4G, Galaxy S2 (AT&T), Galaxy S2 (Skyrocket), Galaxy S2 (T-Mobile), Galaxy S2 Epic 4G, Galaxy S Showcase, Droid Charge, e Galaxy Prevail.

Al momento salvo il Galaxy Note 10.1, l'ultimo tablet di casa Samsung. Il giudice Lucy Koh, che ha condannato Samsung per le sue infrazioni, ha fissato al 20 settembre prossimo l'udienza per discutere della richiesta di Apple per il divieto alle vendite. Il giudice sta però considerando se spostare la sessione, per dare a Samsung più tempo per prepararsi alla difesa. La compagnia coreana prevede di chiedere al giudice di rifiutare il verdetto della giuria in quanto non supportato da prove.

Se ciò non accadesse, Samsung è pronta a portare il caso anche fino alla Corte suprema degli Stati Uniti. Da parte sua Apple, oltre al divieto alle vendite, intende chiedere che il risarcimento che dovrà essere pagato da Samsung venga triplicato a 3,15 miliardi di dollari, poiché il verdetto della giuria afferma che la compagnia coreana ha "volontariamente" copiato da quella di Cupertino. Dallo scorso aprile i due principali produttori di smartphone mondiali si sono citate in giudizio a vicenda in 4 continenti diversi.

Via: TG Com

Samsung presenta Galaxy Note 10.1, spot ufficiale del tablet con pennino


Samsung ha da poco annunciato che il nuovo Galaxy Note 10,1 è ufficialmente in vendita negli Stati Uniti, Corea, Germania e nel Regno Unito ed è ormai in arrivo anche nel nostro paese. Presentato ufficialmente durante il Mobile World Congress di Barcellona ed atteso per il mese di Aprile, ha ritardato il suo arrivo ufficiale sul mercato a causa di una modifica hardware (processore quad core al posto del dual core).

Il principale rivale del Galaxy Note 10.1 è indubbiamente il nuovo iPad, dispositivo che domina il mercato dei tablet. Il Galaxy Note 10,1 N8010 è un tablet con un generoso schermo da 10.1 e un peso di 597 g. Lo schermo supporta il multitouch simultaneo e ha una risoluzione di 1280x800 pixel (~ 149 ppi densità di pixel). Sotto la scocca di questo tablet troviamo una CPU quad-core da 1,4 GHz (la stessa del Galaxy S III) e una GPU Mali 400 MP4 per gestire la grafica.


La memoria è di 2 GB mentre lo spazio d'archiviazione varia a seconda delle versioni 16, 32 e 64 GB. La memoria può essere espansa con una scheda microSD con una capacità massima di 32 GB per avere maggior spazio disponibile. La fotocamera principale ha un sensore di 3,15 MP e una risoluzione massima di 2048 × 1536 pixel. I momenti più preziosi possono essere catturati con riprese video ad alta risoluzione 1080p e 30 fps.

La fotocamera secondaria ha solo un sensore da 2 megapixel e la batteria ha una capacità di 7000 mAh. Il sistema operativo supportato è l'Android v4.0.3 (Ice Cream Sandwich). Può essere utilizzato inoltre il pennino S-Pen, molto efficace grazie ai 1024 livelli di sensibilità alla pressione. L'S-Pen è uno strumento unico nel suo genere che offre agli utenti la capacità di combinare appunti e schizzi con altri contenuti digitali.



"Il Galaxy Note 10,1 ulteriormente dimostra la dedizione di Samsung a fornire prodotti in grado di offrire un'esperienza mobile completa per la creazione di contenuti personalizzati ed espressivi", ha dichiarato JK Shin, presidente di IT & Mobile Communications Division di Samsung Electronics.

"La storia ha dimostrato che prendere appunti, catturare idee immediatamente, e realizzare gli schizzi è il modo più personale e naturale per essere più produttivi e creativi. La tecnologia avanzata e le caratteristiche incluse nel Galaxy Note 10,1 fornisce agli utenti il ​​potere di produrre, creare e personalizzare le comunicazioni". Proprio l'S-Pen potrebbe essere il fattore determinante per l'acquisto di questo nuovo tablet.



Samsung ha deciso di pubblicizzare il nuovo tablet, realizzando uno spot che vede protagonista l'attore, regista e produttore James Franco. Galaxy  Note10.1 è disponibile in tre opzioni di connettività: una versione solo WiFi, una versione con connettività WiFi e 3G-HSPA-Plus al momento del lancio, e una versione WiFi e LTE entro la fine dell'anno. Il prezzo del dispositivo è 499 dollari per la versione da 16GB e 549 per quella da 32GB.


zEnterprise EC12, nuovo mainframe di IBM per cloud e gestione dati


IBM presenta oggi il nuovo mainframe zEnterprise® EC12, la versione più potente e tecnologicamente avanzata di un sistema che da 48 anni rappresenta il fulcro delle infrastrutture tecnologiche delle grandi imprese. Il nuovo sistema di classe enterprise utilizza tecnologie innovative, che dimostrano il costante impegno di IBM per aiutare le imprese a far fronte alla crescente esigenza di proteggere e gestire al meglio le informazioni.

IFA 2012, Samsung presenterà il Galaxy Player 5.8 e un tablet modulare


Samsung sarebbe pronta ad immettere sul mercato il suo nuovo prodotto Galaxy Player 5.8, un personal Media Player basato sull'ultimo sistema operativo Android 4.0 Ice Cream Sandwich con nuova interfaccia TouchWiz. Dopo la sentenza del tribunale di San Josè riguardante la lunga battaglia legale contro Apple, Samsung pensa al futuro preparandosi a lanciare il nuovo device, che si contraddistinguerà per il grande schermo da quasi 6 pollici.

Come dimostra il nuovo Galaxy Player, l'equivalente dell'iPod touch di Apple, Samsung continua a puntare su schermi dalle grandi dimensioni per i suoi dispositivi mobili. Tale scelta è dovuta alla volontà del produttore di puntare sulla multimedialità; per consentire all'utente di godere al meglio di attività che vanno dalla lettura, alla riproduzione di immagini e di video. Lo schermo lo rende dimensionalmente ancora più esteso del Galaxy Note.


Il nuovo Galaxy Player è dotato infatti di un display LCD da 5.8 pollici con risoluzione qHD da 960×540 pixel, 16GB o 32GB di memoria integrata espandibile tramite microSD, connettività WiFi b/g/n, Bluetooth 4.0 e ricevitore GPS. La potente batteria al litio è da 2.500 mAh mentre le dimensioni sono di 165.8 x 85.9 x 10.8 mm per 221 grammi di peso. Dal punto di vista estetico è ispirato al nuovo Galaxy S III.


Mancano ancora dettagli più specifici sul nuovo prodotto, ad esempio il processore che lo alimenta e la data di rilascio del nuovo. Probabilmente all'IFA 2012 a Berlino, l'esposizione di tecnologia più importante e tradizionale dell'Europa che partirà tra qualche giorno, saranno rese note tutte le informazioni a riguardo. Quello che è certo è la presentazione di un tablet modulare, che utilizza il nuovo sistema operativo Windows 8.

La casa coreana ha infatti dichiarato ufficialmente che il nuovo tablet verrà presentato all'IFA 2012. Le caratteristiche note del nuovo device riguardano lo schermo da 11 pollici ed uno slot per la penna stilo. E' anche presente un dock tastiera, facendolo diventare un portatile in tutto e per tutto. Al momento non è chiaro se il prodotto è studiato per utilizzare il processore ARM, dunque con il sistema Windows 8 RT, oppure una CPU X86.

Fonti: Engadget | Phonearena
Foto: IFA

lunedì 27 agosto 2012

Apple: iPhone 5 presentato il 12 Settembre e iPad Mini svelato ad Ottobre


Apple lancerà il nuovo iPad mini nel mese di ottobre e non contemporaneamente al nuovo iPhone 5, secondo numerose fonti vicine al gigante tecnologico. Il nuovo dispositivo, che dovrebbe vantare un display inferiore a 8 pollici sarà presentato in un evento separato, in modo da non diluire l'impatto del lancio dell'iPhone. Con l'iPhone 5 che dovrebbe essere rivelato il 12 Settembre, Apple organizzerà a ottobre un keynote per l'iPad più piccolo come il modo migliore per garantire che entrambi i prodotti ricevino una risposta in termini d'incassi.

Anche il sito AllThingsD conferma che Apple ha organizzato due eventi separati, uno a settembre e l'altro ad ottobre, per presentare rispettivamente l'iPhone 5 e l’iPad Mini Con la stagione dello shopping natalizio che si avvicina, Apple sarà in grado di dominare il mercato della tecnologia con due nuovi prodotti da vendere. Secondo Makotara, anche se sarà noto come l'iPad mini, sul retro verrà stampato solo il nome "iPad".

Inoltre, l'iPad Mini sarà più simile a una versione in scala di iPod touch che a quella ridotta di iPad, suggeriscono voci che circolano in internet.  Si prevede che il dispositivo vanterà un schermo da 7,85 pollici, posizionandolo nella nicchia di mercato occupata dal Google Nexus tablet. L'iPad mini sarà caratterizzato dallo stessa risoluzione dello schermo non Retina 1024x768 pixel disponibile sull'iPad 2 e un design del tutto simile al nuovo iPad.

I nuovi device Apple verranno equipaggiati con iOS6, la prossima evoluzione del sistema operativo, che presenta diverse modifiche rispetto alla versione precedente. Le stesse voci affermato che Apple sta progettando di introdurre un nuovo iPod nano e iPod touch entro la fine dell'anno. In particolare, il nuovo iPod nano sarà fornito di un'antenna Wi-Fi in modo da rendere i contenuti iTunes disponibili in modalità wireless. Il prezzo dell'iPad mini sarà più basso del fratello maggiore, intorno ai 200-250 dollari, in modo da competere con i tablet degli altri marchi.


Via: Apple Insider


Google: sentenza Apple-Samsung non riguarda nucleo centrale di Android


Scende in campo Google dopo che il tribunale di San Josè ha condannato Samsung a pagare Apple 1,05 miliardi di dollari in danni per aver infranto alcuni dei suoi brevetti. In un comunicato il motore di ricerca, partner di Samsung, dice che "che il verdetto verrà riesaminato in appello per valutare la validità dei brevetti e la loro violazione. La maggior parte dei brevetti in discussione non riguarda il nucleo centrale di Android".

"La corte d'appello - si legge ancora in un comunicato di Mountain View riportato dall'agenzia Bloomberg - rivedrà le violazioni e la validità dei reclami sui brevetti". Gran parte di queste - continua Google - non riguardano il nucleo centrale del sistema operativo Android e sono in fase di riesame da parte dell'Ufficio Brevetti degli Stati Uniti".

"L'industria della telefonia mobile - prosegue il comunicato di Google - sta sviluppandosi velocemente e tutti gli attori in gioco si rifanno a idee che sono in circolo da decenni. Noi lavoriamo con i nostri partner per dare ai consumatori prodotti innovativi ed affidabili e non vogliamo che niente ponga dei limiti a questo".

"Questo verdetto è una grande vittoria per Apple contro l'ecosistema Android", ha detto Toni Sacconaghi , analista di Sanford C. Bernstein & Co., in un rapporto di ricerca di oggi. "Detto questo, non credo che sia un gioco che cambierà la perdita per Android". I giurati che hanno condannato Samsung, confessano di aver considerato una e-mail di Google decisiva per arrivare alla loro decisione finale.

In un'intervista di Velvin Hogan, il capo della giuria composta di nove membri, rivela che al momento di stabilire se l'infrazione di Samsung fosse "intenzionale" o meno, "sapevamo a chi rivolgerci". A questo proposito Hogan cita una e-mail di Google, l'azienda che fornisce Android, il sistema operativo degli smartphone Samsung, la quale invitava nel 2010 i sudcoreani a modificare il design dei loro prodotti, il quale era troppo simile a quello della Apple.

La vittoria di Apple contro Samsung rafforza la posizione di centralità del gruppo nell'industria wireless e potrebbe portare gli operatori e anche Google a riconsiderare le loro strategie e a rivedere i loro prodotti. Con la sentenza i nove giurati hanno lanciato il segnale che i produttori devono prestare maggiore attenzione nell'incorporare elementi base nel software e nel design dei loro dispositivi mobili.

Via: Rai News 24

domenica 26 agosto 2012

Nokia presenterà nuovo Lumia Windows Phone 8 di Verizon il 5 settembre


Il produttore finlandese di telefonia mobile cellulare Nokia Corporation (NYSE:NOK) ha inviato gli inviti ad un evento multimediale congiunto con Microsoft Corp a New York per il prossimo 5 settembre, alimentando le aspettative che la società svelerà il suo nuovo smartphone. L'Amministratore delegato Stephen Elop ha già detto in precedenza che la società rilascerà "presto" il suo nuovo smartphone su cui viene eseguito Windows 8 mobile.

Il nuovo smartphone Nokia Oyj con Windows 8 potrebbe essere rilasciato da Verizon Wireless. la conferenza stampa verrà tenuta nel mese di settembre da Microsoft e Nokia, dove il tema dominante saranno i telefoni Nokia della serie Lumia. Questa mossa da parte di Verizon potrebbe essere dovuta al fatto di rendersi meno dipendenete da iPhone di Apple e altri dispositivi che funzionano con software Android di Google, che attualmente governa il mercato degli smartphone.

Microsoft e Nokia avranno una voce nel mercato degli smartphone, se Verizon rilascierà il telefono e farà concorrenza a Google. La notizia del telefono cellulare Nokia in fase di lancio si scontra con l'anticipazione generata di iPhone 5, che è in uscita il 12 settembre. Charlie Wolf, analista di Needham & Co a New York ha dichiarato che il collegamento con Verizon potrà beneficiare enormemente Nokia agendo come il trampolino di lancio, dato che ha affrontato problemi nel mercato negli Stati Uniti.

Le quote di Nokia sono leggermente aumentate mentre le quote di Verizon Communications e Microsoft hanno registrato una riduzione. Il Trophy di HTC Corp è l'unico telefono di Windows che è stato rilasciato da Verizon più di un anno fa. Purtroppo, il telefono non è riuscito a soddisfare le aspettative in termini di vendite. Inoltre, Microsoft e Verizon non possono ottenere molto dalla versione 2010 del Kin phone, che è rimasto soltanto 2 mesi nei negozi Verizon.

Il Lumia 710 è stato il primo Windows Phone negli Stati Uniti rilasciato da Nokia. È stato lanciato da T-Mobile USA nel mese di gennaio. AT & T e T-Mobile Lumia stanno ancora utilizzando software Windows 7. Il rilascio del sistema operativo Windows Phone 8 è una mossa da parte di Microsoft per collaborare con il suo nuovo software per tablet e PC. Il software è compatibile con i più veloci, chip dual-core e schermi ad alta definizione. 4.000.000 di telefoni Nokia Lumia sono stati venduti in tutto il mondo, secondo i dati del 2° trimestre.

Charlie Wolf ha calcolato che il dato deve essere moltiplicato per 5 se Nokia ha intenzione di coprire le perdite grazie alla sua offerta prioritaria di smartphone Symbian. Brenda Raney, portavoce di Basking Ridge, di Verizon Wireless (VZ) con sede nel New Jersey, ha rifiutato di commentare, così come Erica Fields di Microsoft Windows con sede a Redmond. Christopher Hollis, un portavoce di Nokia per gli Stati Uniti, con sede in Finlandia, anche rifiutato di commentare.  Le azioni di Nokia sono aumentate del 4,35% a 2,88 dollari nella seduta di Mercoledì scorso.

Via: Bloomberg

Chrome OS, nuova App List permette di salvare i file direttamente su Drive


Un nuovo aggiornamento in arrivo sui device Chrome OS permetterà di salvare un file direttamente su Google Drive senza dover operare alcun update. App List è il nuovo menù per lanciare le applicazioni su Chrome OS, il sistema Linux-based di Google incentrato sul browser. "Con la versione stabile di questa settimana di Chrome OS, abbiamo riprogettato l'esperienza App list per rendere più facile l'accesso alle vostre applicazioni preferite e siti web", annuncia Xiyuan Xia, Software Engineer and Apps Connoisseur di Google.

"In particolare, - aggiunge Xia - abbiamo fatto l'App list molto più compatta, in modo da poter accedere alle applicazioni senza interrompere l'esperienza di navigazione. Abbiamo anche aggiunto una casella di ricerca nella parte superiore della lista applicazioni, che può essere utilizzata come un omnibox per cercare nel web, siti web specifici, o le applicazioni sul computer". Un secondo restyling che mira a rendere l'ambiente più simile al desktop tradizionale, con la possibilità di scegliere uno sfondo personalizzato.


La nuova versione stabile include anche miglioramenti visivi come il redesign del Cloud Print dialog e la possibilità di aggiungere uno sfondo personalizzato (il soggetto ritratto nella fotografia è George Morkie, il cane di un dipendente della società). Ora è possibile anche salvare i file direttamente su Google Drive, in modo da poter accedere ai file da qualsiasi dispositivo, anche unità su iOS o Android. Inoltre, è stato aggiunto il supporto audio per USB e HDMI, elementi di sicurezza sandboxing, e molte correzioni di bug.

Tutto questo fa parte dell'obiettivo di Google di assicurarsi che i Chromebook e Chromebox possano migliorare nel corso del tempo. L’ennesimo aggiornamento al desktop di Chrome OS inserisce la Omnibox, già presente sul browser omonimo, ovvero un modulo di ricerca capace di rintracciare siti web, documenti e applicazioni in locale o connesse al proprio account di Google. Il design degli elementi grafici è sempre più simile a quello di Android, una scelta che aiuta gli utenti ad abituarsi all'utilizzo del sistema operativo.


Via: Download Blog

Nikon presenta COOLPIX S800c, prima fotocamera con tecnologia Android


Nikon Inc. ha annunciato l'innovativa Nikon COOLPIX S800c, la prima fotocamera digitale compatta Wi-Fi che integra le potenti tecnologie di ripresa per immagini e le capacità illimitate di un sistema operativo Android (OS). Progettato per l'individuo sempre connesso, la S800c garantisce l'alta qualità delle immagini e prestazioni superiori che ci si aspetta da una fotocamera Nikon ha accoppiato funzioni di comunicazione e versatilità di app base di uno smartphone o tablet.

Le nuove S800c risponde alle domande degli utenti che hanno bisogno di catturare foto e video ad alta definizione con sorprendente chiarezza e colore, offrendo ancora un portale familiare per la connessione a social network e le applicazioni di imaging popolari attraverso un sistema operativo Android. Con l'introduzione della S800c, belle immagini possono ora essere con fiducia e rapidamente condivise con amici e familiari.

"Con la nuova COOLPIX S800c, Nikon ha progettato una macchina fotografica per gli utenti che cercano di catturare immagini mozzafiato e video con una fotocamera digitale compatta, ma anche voler condividere i propri contenuti con i loro amici e familiari in un modo familiare", ha detto Bo Kajiwara, Vice Presidente di Marketing, Pianificazione e customer experience, Nikon Inc.


"Ora gli utenti possono collegarsi facilmente e istantaneamente con le loro reti sociali attraverso la connessione wireless e sfruttare le enormi possibilità del sistema operativo Android. La nuova S800c è davvero il modo più semplice per condividere le immagini stupefacenti sul posto". Ciò che distingue la S800c oltre a dispositivi collegati è l'attenzione per la qualità delle immagini che le persone possono condividere.

Caratteristiche come lo spettacolare obiettivo zoom 10x NIKKOR e il sensore CMOS a 16-megapixel offre la possibilità di creare foto e video HD con nitidezza senza pari, se da vicino o da lontano, anche in condizioni di scarsa o eccessiva illuminazione. La S800c aiuta gli utenti a creare immagini che saranno orgogliosi di condividere, offrendo connettività e ulteriori vantaggi per gli utenti.

Mentre il sistema di elaborazione delle immagini EXPEED C2 e l'autofocus superiore assicurano una risposta rapida. Sensibile come quello dei migliori smartphone, il touchscreen OLED (819.000 punti) antiriflesso a risoluzione elevatissima di 8,7 cm (3,5 pollici) con un ampio angolo di visione rende facile e divertente l’uso della S800c.


La funzionalità di connessione della fotocamera consente agli utenti di connettersi senza problemi, sfogliare e caricare le proprie reti sociali, tra cui Google ™, Facebook e Twitter. Gli utenti possono inoltre usufruire di tutte le funzionalità della tecnologia Android, in particolare della versione Gingerbread 2.3, per navigare sul web o anche scaricare applicazioni e giochi sulla loro S800c.

La S800c proprio come un dispositivo smartphone o tablet, la fotocamera ha la possibilità di eseguire foto e video, ma fornisce l'accesso a un vasto mondo di applicazioni  per i giochi, la produttività e la comunicazione personale / e-mail, compreso lo stoccaggio foto di Nikon e sito di condivisione, my Picturetown ®. Gli utenti sono anche in grado di guardare i video scaricati da Google Play direttamente sulla loro macchina fotografica.

La S800c rende facile catturare video Full HD 1080p HD con incredibile fedeltà e nitidezza, con suono stereo. Clip video possono essere caricati immediatamente da popolari siti di video come YouTube ™ e Vimeo ®. La S800c sarà disponibile a settembre 2012 sia in bianco e nero ad un prezzo al dettaglio suggerito (SRP) di 349,95 dollari. Per ulteriori informazioni su questa fotocamera COOLPIX S800c, o di altri prodotti Nikon, visitare il sito www.nikon.it.



Via: Nikon USA
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...