sabato 15 dicembre 2012

NASA: sonde gemelle GRAIL pronte a impatto sulla Luna il 17 dicembre


Le sonde gemelle GRAIL orbitanti della NASA, che hanno permesso agli scienziati di conoscere meglio la struttura interna e la composizione della Luna, dopo mesi trascorsi nell'orbita lunare sono arrivate al termine della loro attività e si stanno preparando per la loro discesa controllata e l'impatto su una montagna vicino al Polo Nord lunare alle ore 02:28 pm circa (12:28 ora italiana) di Lunedi, 17 dicembre.

Le sonde Ebb e Flow, della missione Gravity Recovery and Interior Laboratory (GRAIL), sono state inviate di proposito nella superficie lunare, perché la loro bassa orbita e bassi livelli del combustibile precludono ulteriori operazioni scientifiche. Il primo successo del duo e l'estensione delle missioni scientifiche hanno generato la mappa con la più alta risoluzione del campo gravitazionale di un corpo celeste.

La mappa fornirà una migliore comprensione di come la Terra e gli altri pianeti rocciosi del sistema solare si sono formati ed evoluti. "E sarà difficile dire addio", ha detto il ricercatore principale GRAIL Maria Zuber del Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Cambridge. "I nostri piccoli gemelli robotici sono stati membri esemplari della famiglia GRAIL, e la scienza planetaria è progredita in modo importante grazie al loro contributo".


La montagna in cui le due sonde si metterano in contatto si trova nei pressi di un cratere chiamato Goldschmidt. Entrambi i veicoli spaziali stanno volando in formazione intorno alla luna dall'1 gennaio 2012. Precedentemente chiamate Grail-A e Grail-B, sono state nominati dagli studenti della quarta elementare della scuola Emily Dickinson School a Bozeman, Mont. che hanno vinto un concorso. La prima sonda a raggiungere la luna, Ebb, sarà anche la prima a scendere, alle 02:28:40 PST. Flow seguirà Ebb circa 20 secondi più tardi.

Entrambi i veicoli spaziali colpiranno la superficie a 3760 miglia all'ora (1,7 chilometri al secondo). No vi saranno immagini dell'impatto previsto perché la regione sarà in ombra, al momento. Ebb e Flow condurranno un esperimento finale prima che la loro missione sarà conclusa. Accenderanno i motori principali fino a che i serbatoi di propellente saranno vuoti per determinare con precisione la quantità di carburante rimanente nei serbatoi.


Questo aiuterà gli ingegneri della NASA a validare modelli informatici del consumo di carburante per migliorare le previsioni di fabbisogno di combustibile per le missioni future. "I nostri gemelli lunari potrebbero essere al tramonto della loro vita operativa, ma una cosa è certa, stanno andando giù", ha detto David Lehman project manager GRAIL del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA a Pasadena, in California.

"Anche durante la seconda metà della loro precedente orbita, ci accingiamo a fare un esperimento di ingegneria che potrebbe aiutare le missioni future ad operare in modo più efficiente". Poiché la quantità esatta di combustibile rimanente a bordo di ogni veicolo spaziale è nota, i navigatori e gli ingegneri della missione hanno progettato l'esaurimento per consentire alle sonde di scendere gradualmente per diverse ore e sfiorare la superficie della luna fino a quando non colpiranno la montagna.

La missione GRAIL è parte del Programma Discovery gestito da Marshall Space Flight Center della NASA a Huntsville, Alabama. Il Lockheed Martin Space Systems a Denver ha costruito le navicelle. GRAIL consiste di due veicoli spaziali identici, delle dimensioni di una lavatrice, ciascuno dei quali è dotato di un MoonKAM (Moon Knowledge Acquired by Middle school students). Le immagini di seguito sono state riprese come parte di un test del MoonKAM Ebb il 19 gennaio scorso.






Via: NASA
Foto credit 1: © NASA / JPL-Caltech
Foto credit 2: © NASA / GSFC
Foto credit 3: © NASA

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...