venerdì 17 agosto 2012

Privacy: Germania riapre indagini su riconoscimento facciale di Facebook


I funzionari responsabili della protezione dei dati in Germania hanno deciso di riaprire l'indagine su Facebook e la sua tecnologia per il riconoscimento facciale. L'iniziativa è motivata dalla compilazione da parte del gigante del social networking di un enorme database di foto di utenti senza il loro consenso. Secondo le leggi europee, tale operazione sarebbe illegale. Il garante della protezione dei dati di Amburgo, Johannes Caspar, aveva sospeso l'indagine nel mese di giugno, ma ha detto di voler tornare sul caso, visto il fallimento dei tentativi di convincere Facebook a cambiare le sue politiche.


"Ci siamo incontrati più volte con Facebook ma non siamo stati in grado di ottenere la loro cooperazione su questo tema, che ha gravi implicazioni per i dati personali", ha detto Caspar in un'intervista. L'uso della società di software analitico per la compilazione degli archivi fotografici di volti umani, sulla base di foto caricate dai membri di Facebook, è stato problematico in Europa, dove le leggi sulla protezione dei dati richiedono alle persone di dare il proprio consenso esplicito a tale pratica. Invece di usare un tale sistema opt-in, Facebook richiede loro l'opt-out.

Il regolatore di Amburgo chiede che Facebook distrugga il suo database fotografico di volti raccolti in Germania e riveda il suo sito Web per ottenere il consenso esplicito dei membri prima di creare un file digitale sulla base dei dati biometrici dei loro volti. Caspar ha condotto un'indagine in Germania sulla raccolta illegale di dati personali nel corso del suo progetto Street View. Funzionari europei di protezione dei dati hanno limitato i mezzi per costringere le imprese globali come Facebook a modificare le proprie aziende a conformarsi alle leggi locali.

In Germania, Caspar potrebbe multare Facebook fino a 25.000 euro, o circa 31.000 dollari, se rifiutasse di distruggere la sua base di dati biometrici e modificare le proprie pratiche di consenso. Casper potrebbe anche citare Facebook e cercare di ottenere un ordine del tribunale per costringerla a modificare le sue attività tedesche. Ma stabilire la competenza giuridica potrebbe essere difficile, specialmente su una società globale on-line con sede negli Stati Uniti, ha detto Ulrich Börger, un avvocato privacy di Amburgo con lo studio legale Latham & Watkins.

"Le multe sono ridicolmente piccole per una società delle dimensioni di Facebook", ha detto Börger. "La cosa più importante per Facebook è il rischio reputazionale". Anche la Norvegia ha avviato nei giorni scorsi un'indagine sul riconoscimento facciale di Facebook. Il social network ha ribadito che il suo riconoscimento facciale è pienamente rispettoso delle leggi comunitarie sulla privacy.

Fonte: New York Times
Via: La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...