giovedì 30 agosto 2012

LulzSec, arrestato secondo hacker accusato di violazione a Sony Pictures


L'Fbi ha arrestato un secondo presunto membro del gruppo di hacker LulzSec sospettato di hacking nei sistemi informatici della rete Sony Pictures Entertainment. Raynaldo Rivera, 20 anni, di Tempe, in Arizona, si è arreso alle autorità statunitensi a Phoenix sei giorni dopo che un gran giurì federale di Los Angeles ha restituito un atto d'accusa accusandolo di cospirazione e violazione non autorizzato di un computer protetto. Se condannato, Rivera rischia fino a 15 anni di carcere, ha detto un procuratore.

Nell'atto di accusa Rivera, che sul profilo Facebook si descrive come "Im just your common computer geek", viene accusato di aver sottratto informazioni dai computer dei sistemi di Sony Pictures nel maggio e giugno 2011 con un attacco SQL injection contro lo studio del sito web, una tecnica comunemente utilizzata dagli hacker. L'accusa ha detto che Rivera, ha poi ha aiutato a caricare le informazioni riservate sul sito LulzSec e ha annunciato l'intrusione attraverso account Twitter del gruppo di hacker.

Mentre Rivera è stato il solo soggetto indicato nell'atto di accusa, l'Fbi ha detto che i suoi co-cospiratori includono Cody Kretsinger, 24 anni, il quale ha confessato di essere un membro di LulzSec e si è dichiarato colpevole nel mese di aprile per accuse federali derivanti dal suo ruolo nell'attacco Sony. A seguito della violazione, LulzSec ha pubblicato nomi, date di nascita, indirizzi, email, numeri di telefono e le password di migliaia di persone che si erano iscritti ai concorsi promossi da Sony, e pubblicamente si è vantato delle sue imprese.

"Da una singola iniezione si accede a TUTTO", hanno detto gli hacker in una dichiarazione al momento. "Perché avete messo tanta fiducia in una società che permette di aprirsi a questi semplici attacchi?". Le autorità hanno detto che la violazione di Sony in ultima analisi, è costata alla società più di 600.000 dollari. LulzSec, un gruppo clandestino noto anche come Lulz Security, è un ramo del collettivo di hacker Anonymous che ha effettuato incursioni informatiche in diversi siti web governativi e del settore privato.

L'ultima accusa dice che Rivera, si faceva chiamare con i nickname "neuron", "royal" e "wildicv" ed è sospettato di aver utilizzato un server proxy, nel tentativo di nascondere il suo indirizzo IP per evitare il rilevamento. Un pirata informatico britannico, Ryan Cleary, 20 anni, è stato incriminato da un gran giurì federale nel mese di giugno per accuse relative agli attacchi LulzSec a più aziende, tra cui Sony Pictures. La condanna di Kretsinger, che si è dichiarato colpevole per gli stessi due capi d'imputazione che incombono attualmente su Rivera, è prevista il 25 ottobre.


Fonte: Reuters
Via: Sophos

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...