domenica 12 agosto 2012

Google pagherà multa da 22,5 milioni per violazione privacy utenti Safari


La Federal Trade Commission degli Stati Uniti ha multato Google per 22,5 milioni di dollari per aver violato la privacy delle persone che hanno usato il browser della Apple Safari pur avendo promesso di non farlo. Google, infatti, secondo la FTC, aveva concordato ad ottobre del 2011 di non inserire cookie o fornire annunci mirati agli utenti di Safari. Si tratta della maggiore sanzione mai imposta dalla Ftc, frutto di un patteggiamento.

A segnalarlo è stato il Wall Street Journal attraverso un rapporto che ha fatto esplodere una bomba mediatica intorno al mese di febbraio. Google è stata accusata di aver ingannato gli utenti e aver violato l'accordo firmato con la stessa FTC lo scorso anno per aver imposto i cookie su Safari (bypassando le impostazioni della privacy di Apple) per seguire i navigatori e tracciare il loro comportamento sui computer di Cupertino.

L'inchiesta evidenziava come Google avesse sfruttato un exploit nel codice di Safari per forzare il browser di Cupertino ad accettare un cookie passivo, senza alcun intervento dell'utente. ''Da diversi mesi nel 2011 e 2012 - si legge in un comunicato della FTC -, Google ha inserito cookie per il monitoraggio della pubblicità sui computer degli utenti di Safari che hanno visitato siti con la rete DoubleClick della compagnia''.

''Non importa se siano grandi o piccole, ma tutte le imprese devono rispettare gli ordini della FTC e mantenere la privacy promessa ai consumatori, oppure finiranno per pagare molte volte ciò che sarebbe potuto costare un'unica volta'', ha dichiarato Jon Leibowitz, presidente della FTC.  Google aveva ammesso l'errore, precisando però di non aver mai fatto uso, tanto meno doloso, dei cookie su Safari per tracciare l'utenza del browser di Cupertino.

Decisamente diversa invece la posizione tenuta dalla EFF (Electronic Frontier Foundation) che si è scagliata contro il colosso di Mountain View accusandolo di aver infranto la privacy dei suoi utenti. Maggiori informazioni sul caso FTC si possono trovare presso il Tech@FTC blog. La Federal Trade Commission lavora per i consumatori per prevenire pratiche commerciali fraudolente, ingannevoli e sleali e di fornire informazioni per aiutare in loco, arrestare e evitarli.

Via: FTC

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...