sabato 4 agosto 2012

Google acquista Wildfire, importante società del social media marketing


Google ha annunciato ufficialmente l'acquisizione della californiana Wildfire, una startup che si occupa di social advertising. Nata quattro anni fa, la società comprata da Google è specializzata nella creazione di app per il marketing e i contest su social network come Twitter e Facebook. Nessun commento da parte di Google sul prezzo d'acquisto, ma stando alle indiscrezioni di AllThingsDigital, BigG avrebbe deciso di stanziare una somma pari a 250 milioni di dollari. Nell'intento di Google, vi è l'integrazione di Wildfire nel suo pacchetto per il display advertising, con DoubleClick e AdX.

"Le aziende di tutto il mondo, dai ristoranti di quartiere ai principali rivenditori, stanno adottando i social media per condividere informazioni e creare relazioni più forti con i propri fan e clienti. Con questo in mente, oggi siamo felici di condividere che la squadra Wildfire entrerà a far parte di Google", ha annunciato Jason Miller, Product Management Director di Google con un post sul blog. "Con Wildfire, non vediamo l'ora di creare nuove opportunità per i nostri clienti di interagire con persone in tutti i servizi sociali. Noi crediamo che migliori contenuti e maggiori soluzioni contribuiranno a liberare il pieno potenziale del web per le persone e le imprese", ha aggiunto.

"Quattro anni fa, abbiamo intrapreso un viaggio per fare social media marketing più semplice ed efficace. Abbiamo pensato che la nostra idea aveva un potenziale, ma poco sapevamo che sarebbe stata una cavalcata incredibile", scrove Wildfire in un post sul blog aziendale. "Non solo abbiamo contribuito a definire e costruire un settore completamente nuovo, ma abbiamo creato una società che è più grande (da 5 a quasi 400 dipendenti in due anni e mezzo!) E di maggior successo (siamo orgogliosi di servire 16.000 clienti di cui 30 delle prime 50 marche) che non abbiamo mai immaginato".

"Infine, un ringraziamento enorme ai nostri amici e partner di Twitter, LinkedIn, Pinterest, YouTube, Google + e soprattutto Facebook. Se non fosse per la rivoluzione social media che tutti voi avete contribuito a creare, Wildfire non esisteva nemmeno. Ci impegniamo a continuare a strumenti di costruzione che consentono di migliorare il modo in cui i marchi e i consumatori sperimentano ciascuno delle vostre rispettive reti sociali". Un dettaglio curioso: tra i dipendenti di Wildfire c'è anche Arielle Zuckerberg, sorella minore del fondatore di Facebook. Il "tradimento" di Arielle è un duro colpo per Mark Zuckerberg.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...