mercoledì 11 luglio 2012

Internet, via libera a registrazione domini con accenti e caratteri speciali


Via libera dal Registro.it, gestito dall’Istituto di informatica e telematica del Cnr, agli Internationalized Domain Names (IDN), cioè alle parole accentate e ai caratteri non latini. Si potranno registrare nomi come papà e caffè.it. Le registrazioni si aprono inoltre a norvegesi, islandesi, svizzeri, sanmarinesi e cittadini del Vaticano. Il Registro è l’anagrafe dei domini Internet .it, la targa Internet dell’Italia. Soltanto qui è possibile chiedere, modificare o cancellare uno o più domini .it.

A partire da oggi 11 luglio, il Registro .it, l’anagrafe dei nomi con suffisso ’.it‘, gestita dall’Istituto di informatica e telematica del Consiglio nazionale delle ricerche (Iit-Cnr), consentirà di registrare nomi con gli accenti come caffè.it e di distinguere, in base all'accentazione, il significato di una parola come lèggere.it e leggère.it. Si potranno utilizzare anche i caratteri di uso comune nelle lingue francese e tedesca come la ç di “garçon.it” o la ß di “straße.it”.

“Questa doppia opportunità, tecnicamente definita Internationalized Domain Names (Idn), apre la possibilità di registrare un dominio con estensione .it letteralmente uguale a molti nomi e marchi oggi esclusi da una sorta di digital divide linguistico”, spiega Maurizio Martinelli, responsabile Servizi internet e sviluppo tecnologico dell’Iit-Cnr. “L'introduzione dell’Idn mette il .it al passo con altri registri internazionali, promuove il dialogo interculturale e va incontro alle esigenze delle regioni italiane bilingue come Valle d’Aosta e Trentino Alto-Adige”.

Contemporaneamente, il Registro.it ha aperto le registrazioni a tutti i Paesi dello Spazio economico europeo (See), quali Islanda, Norvegia e Liechtenstein, e allo Stato della Città del Vaticano, alla Repubblica di San Marino e alla Svizzera. “Una svolta, questa, che punta all’internazionalizzazione della targa ’.it‘ ben oltre i confini dell’Unione Europea”, interviene Domenico Laforenza, direttore dell’Iit-Cnr e del Registro.it.

“Il prossimo passo riguarderà l’estensione degli Idn alle 23 lingue ufficiali dell’Ue, così da completare l’abbattimento delle frontiere linguistiche nella registrazione dei domini .it”. Le registrazioni dei .it saranno duqnue ora aperte a tutti i paesi dello Spazio Economico Europeo (SEE), ivi compresi Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Città del Vaticano, Repubblica di San Marino e Svizzera. L'apertura delle registrazioni con l’Idn seguirà la modalità ‘perpetual after landrush’: i nomi saranno cioè registrati secondo l’ordine di arrivo.

Il Registro, sin dalle origini, è stato gestito dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr): il processo di registrazione dei nomi a dominio sotto il country code top level domain .it è attività peculiare del Cnr. La simbiosi tra ambiente di ricerca e tecnologia è sempre stata una caratteristica del Registro italiano. Ma per Luca Perugini questo nuovo regolamento darà il via ad un ondata di phishing mai vista prima. Sarà infatti possibile registrare il dominio postè.it, finecò.it o qualsiasi altro nome di obiettivi notoriamente vittima del phishing senza nessun problema.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...