sabato 30 giugno 2012

Hackmeeting, hacker e smanettoni italiani provano a riprendersi L'Aquila


Si è aperta a L'Aquila la quindicesima edizione dell'Hackmeeting, il raduno nazionale degli hacker italiani. Gli smanettoni di tutta Italia si incontrano nel capoluogo abruzzese colpito dal sisma nel 2009 per una tre giorni, da venerdì a domenica, di seminari, giochi, feste, dibattiti, scambi di idee e apprendimento collettivo sulle tecnologie che utilizzano quotidianamente.

L'Hackmeeting ruota intorno a due cose: la lan-space e i seminari. La prima è un'area dedicata alla rete, in cui ognuno arriva col proprio portatile e si può mettere in rete con gli altri. In genere in questa zona è facile conoscere altri partecipanti, magari per farsi aiutare a installare Linux, per risolvere un dubbio, o anche solo per scambiare quattro chiacchiere.

I seminari sono momenti di approfondimento proposti dagli stessi partecipanti, a metà tra il tecnico e il politico, spesso con sfumature oniriche e visionarie. Alcuni dei titoli di quest'anno: 'Palloncini colorati, sesso, gender, relazioni e corpo', 'Il Drive By pharming esiste?', 'Streaming per le masse: liquidsoap, ices, darkice, darksnow, butt', 'Progetto Anopticon', 'Il richiamo dell'Otr', 'La contrasessualità come tecnologia di resistenza'.


Tra i progetti che saranno presentati c'è Aquileaks, un Wikileaks dedicato a speculazioni e mancanze nella ricostruzione dell'Aquila. Una piattaforma che, spiegano i promotori, "darà la possibilità di svelare i segreti sulle speculazioni e sulla mancata ricostruzione della città dell'Aquila proteggendo l'identità del segnalante". Alcuni programmatori hanno offerto il proprio aiuto per esportare i dati in un database apposito.

È passato molto tempo dalla notte del 6 aprile 2009, ma nel cuore della città quasi nulla è cambiato. Impalcature e puntelli  tengono in piedi quel poco che il sisma non ha distrutto, ma la ricostruzione del centro storico non è ancora partita. L'evento è totalmente autogestito: non ci sono organizzatori e fruitori, ma solo partecipanti. Quest'anno l'hackmeeting si svolge presso l'Asilo Occupato, viale Duca degli Abruzzi.

L'hackmeeting (o «0x0F», come lo scrivono loro, in base esadecimale) è a ingresso libero. All'entrata ci sarà una sottoscrizione libera per contribuire alle spese di organizzazione dei tre giorni e del warm-up. Per partecipare bisogna portare con se un computer e una ciabatta elettrica e poi l'importante è avere una periferica di rete di qualche tipo (cavi ethernet e/o dispositivi wifi).





Via: TM News

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...