giovedì 24 maggio 2012

Google, giuria federale: non ha infranto i brevetti di Oracle con Android


Google Inc., il più grande provider di ricerca Web, non ha violato i brevetti Oracle Corp. nello sviluppo del software Android, ha rilevato una giuria federale nella seconda fase di uno studio sulla proprietà intellettuale a San Francisco. Una giuria composta da 10 persone ha deciso all'unanimità ieri che nessuno dei due brevetti in questione è stato violato.

Lo scorso anno Oracle ha detto che i danni sul diritto d'autore potrebbero ammontare a 6 miliardi di dollari. La fase di studio del brevetto era meno importante dei problemi di copyright in quanto i brevetti valevano molto meno, ha detto Brian Love, un avvocato della proprietà intellettuale e insegnante di sostegno presso la Stanford Law School.

Il giudice distrettuale William Alsup ha detto che può emettere una decisione la prossima settimana se Oracle Java Application Programming Interface, gli strumenti software al centro del caso, possono essere protetti da copyright. Una sentenza negativa sarebbe un altro duro colpo per Oracle, mentre una decisione per Oracle farebbe rivivere la capacità dell'azienda di richiedere i danni di grandi dimensioni.

Alsup deve anche pronunciarsi sulla richiesta di Oracle per un giudizio di brevetto in suo favore in base alla sua lettura delle prove, e la richiesta di Google per un nuovo processo sulla violazione del copyright. Oracle, il più grande produttore di software di database, accusa Google di aver rubato due brevetti del linguaggio di programmazione Java, quando ha sviluppato Android, che ora gira su più di 300 milioni di smartphone.

"Il verdetto della giuria su Android che non viola i brevetti di Oracle è stata una vittoria non solo per Google, ma l'intero ecosistema Android", ha detto a Bloomberg in una e-mail informativa Catherine Lacavera, direttore del contensioso Google. Gli esperti di Google e Oracle gavevano stimato i danni per entrambi i brevetti da 3 milioni a 4 milioni di dollari se la giuria avesse trovato infrazione.

"Oracle ha presentato prove schiaccianti al processo contro Google per i danni provocati a Java", ha detto dopo il verdetto in una e-mail Deborah Hellinger, portavoce di Oracle. "Abbiamo intenzione di continuare a difendere e sostenere il nucleo di Java come principio e assicurarci che sia protetto per i nove milioni di sviluppatori Java e la comunità che dipendono dalla compatibilità Java".

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...