lunedì 7 maggio 2012

Apple Safari, Google in trattativa con FTC: 10 mln $ per chiudere il caso


Google Inc. (GOOG) sta negoziando con la Federal Trade Commission statunitense su come dovrà pagare la grande una multa inflittagli per la violazione del browser Internet Safari di di Apple Inc. (AAPL) , ha detto una persona vicina al dossier. La multa potrebbe ammontare a più di 10 milioni di dollari, ha detto la persona, che ha rifiutato di essere identificata, perché le trattative sono riservate. La multa sarebbe la prima della FTC per una violazione della privacy su Internet , da quando l'agenzia ha intensificato l'applicazione dei diritti online dei consumatori.

La FTC si sta preparando a sostenere che la società Google di Mountain View, con base in California, ha ingannato i consumatori e violato termini di un decreto di autorizzazione firmato con la Commissione l'anno scorso quando ha soppiantato i cosiddetti cookies di Safari, bypassando il software di Apple le impostazioni sulla privacy, ha detto la persona. "Noi ovviamente collaboriamo con qualsiasi funzionario che abbia domande", ha detto Chris Gaither , un portavoce di Google, in una e-mail a Bloomberg, rifiutandosi di commentare ulteriormente.

Un portavoce della FTC, Claudia Bourne Farrell, ha rifiutato di commentare. I cookies di Google hanno permesso di bypassare la protezione sulla privacy integrata in Safari per far puntare gli utenti che usavano Safari sul computer, portatili, iPhone e iPad a pubblicità mirata.  Google ha detto che al momento "non si aspettava che sarebbe andata così" e che lo ha scoperto attraverso la rimozione dei file. La violazione di Safari è stata identificata dal ricercatore Jonathan Stanford Mayer, che ha pubblicato le sue scoperte su un blog.

La FTC ha il compito di tutelare i consumatori da pratiche "sleali e ingannevoli" previste dalle leggi create dall'agenzia. I regolatori europei stanno indagando Google, più in generale sulla politica della privacy e inviato un questionario dettagliato all'azienda nel mese di marzo. Google ha firmato un decreto di autorizzazione con la FTC nell'ultimo anno in cui ha stabilito di aver usato tattiche ingannevoli e violato le sue politiche sulla privacy nell'introdurre il social network Buzz in servizio nel 2010. La FTC ha il potere di imporre sanzioni pecuniarie per le violazioni con decreti di ben 16.000 dollari al giorno per ogni violazione.

Immagine: Raúl Ochoa / Flickr (CC)

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...