lunedì 16 aprile 2012

Sergey Brin: governi, Facebook e Apple minacciano libertà su Internet


Sergey Brin punta il dito contro alcuni governi e sulle iniziativa antipirateria ma anche contro Facebook e Apple. I principi di trasparenza e di accesso universale, che hanno sostenuto la creazione di un internet libero, sono da tre anni sotto una grande minaccia, secondo il co-fondatore di Google Sergey Brin. In un'intervista al Guardian, Brin ha avvertito che ci sono "forze molto potenti che si sono schierati contro l'internet aperto su tutti i lati e in tutto il mondo. Sono più preoccupato quello che sono stato in passato. E' spaventoso", ha dichiarato.

La minaccia alla libertà di Internet, egli afferma, deriva da una combinazione di governi che cercano sempre più di controllare l'accesso e la comunicazione dei loro cittadini, tentativi dell'industria dell'intrattenimento per reprimere la pirateria, e l'ascesa di giardini restrittivi e recintati come Facebook e Apple, che ben controllano quali software possono essere rilasciati sulle loro piattaforme. Il giovane informatico sorvola sulle innumerevoli cause intentate contro Google per abuso di posizione dominante.

Il 38enne miliardario, la cui famiglia fuggì all'antisemitismo in Unione Sovietica, ampiamente considerato come la forza trainante del parziale ritiro di Google dalla Cina nel 2010, si dice preoccupato per la censura e gli attacchi informatici. Ha detto che cinque anni fa non credeva che in Cina o in qualsiasi paese fosse possibile effettivamente limitare l'internet a lungo, ma ora dice che si era sbagliato. "Ho pensato che non ci fosse alcun modo per mettere il genio nella bottiglia, ma ora sembra che in alcune zone il genio è stato messo nella bottiglia", ha detto.

Egli si è detto più preoccupato per gli sforzi dei paesi come la Cina, l'Arabia Saudita e l'Iran per censurare e limitare l'uso di internet, ma ha avvertito che l'ascesa di Facebook e Apple, che hanno le loro piattaforme proprietarie e controllano l'accesso ai propri utenti, rischiano di soffocare l'innovazione e balcanizzare il web. "C'è molto da perdere", ha detto. Ad esempio, tutte le informazioni nelle apps, i cui dati non sono individuabili dai Web crawler. Brin ha detto che lui e il co-fondatore Larry Page non sarebbero stati in grado di creare Google se l'internet era dominato da Facebook.

"Bisogna giocare secondo le loro regole, che sono davvero restrittive", ha detto. "Il tipo di ambiente che abbiamo sviluppato in Google, il motivo per cui siamo stati in grado di sviluppare un motore di ricerca, è perchè  il web era così aperto. Una volta che sono arrivate ​​troppe regole, vuol dire che si intende soffocare l'innovazione". Ha criticato Facebook perchè non rende facile agli utenti passare i dati ad altri servizi. "Facebook ha succhiato i contatti di Gmail per molti anni", ha detto.

Parlando della Cina ha poi detto di essere preoccupato per la militarizzazione di internet e le rivendicazioni - negate da Pechino - dei numerosi cyber-attacchi contro obiettivi militari USA e aziende. Brin ha riservato le sue parole più dure per l'industria dell'intrattenimento, che ha detto si è data "la zappa sui piedi", a causa della legislazione per bloccare i siti che offrono materiale pirata. I progetti anti-pirateria come Sopa, Pipa e la legge Hadopi, nel tentativo di limitare le perdite per le major dell'audiovisivo, minaccerebbero indirettamente la libertà di espressione su Internet.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...