martedì 3 aprile 2012

Internet Explorer ritorna a crescere, Chrome continua a perdere quota


Internet Explorer torna a recuperare terreno nella battaglia tra i vari browser, crescendo dal 52.8% di febbraio al 53.8% di marzo, il livello più alto dal settembre 2011, stando a Net Applications. La crescita del mese scorso è stata la seconda di quest'anno di 1 punto o più. Nel frattempo, tutti i rivali, tra cui Google Chrome, che è solitamente quello che ruba più utenti, ha perso quota. Chrome ha perso un terzo di un punto percentuale per chiudere a marzo con il 18,6 per cento, mentre Mozilla Firefox è scivolato più in basso al 20,6 per cento, rileva Infoworld.

Apple Safari e Opera browser desktop sono scesi da due decimi e un decimo di punto, rispettivamente, al 5,1 per cento e 1,6 per cento. Il declino di Chrome è particolarmente degno di nota: nel primo trimestre del 2012, Chrome è sceso di oltre mezzo punto percentuale, con un calo del 3 per cento dal dicembre 2011. In precedenza, Net Applications aveva attribuito all'autopenalizzazione di Google nel ranking delle ricerche di Chrome. Non è chiaro a cosa sia dovuto l'aumento di Internet Explorer e la caduta di ogni rivale, ma potrebbe essere il risultato d'uan serie di concause..

Per cominciare potrebbe trattarsi di un semplice calcolo, con il quale NetApplication è andato ad erodere la quota che Chrome otteneva grazie al pre-rendering delle pagine. Inoltre potrebbe essere il risultato di una forte campagna di advertising con cui Microsoft sta cercando in alcuni paesi di promuovere Internet Explorer 9. Altre edizioni del browser di Microsoft non se la cavano così bene: IE8 ha perso 2,5 punti percentuali e scende al 25,4 per cento, mentre IE7 è sceso al 4,5 per cento. IE6, il browser vecchio di 11 anni che Microsoft ha cercato di seppellire, è rimasto al 6,9 per cento.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...