sabato 21 aprile 2012

Anonymous contro Gp del Bahrain: attaccati i siti Web della Formula 1


Anonymous si schiera contro il Gp del Bahrain e il sito ufficiale della Formula 1 www.f1.com è andato down. Il gruppo hacker ha portato a termine un classico attacco DoS. Anonymous ha anche defacciato con un comunicato l'home page di un altro sito che si occupa di motori, F1-racers.net. Con l'operazione #OpBahrain, gli hacker invitano a boicottare la gara, in programma domenica, per protestare contro la violazione dei diritti civili e politica nel paese asiatico. "Per oltre un anno - si legge - il popolo di Bahrain ha lottato contro il regime oppressivo del re Hamad bin Al Khalifa. Sono stati assassinati per le strade, travolti con veicoli, picchiati, torturati, colpiti da gas lacrimogeni, sequestrati dalla polizia, hanno avuto le loro attività vandalizzate dalla polizia, e hanno gettato nelle lacrime le loro case su base giornaliera".


"Ancora oggi - prosegue il testo - il regime persiste a negare qualsiasi riforma significativa e continua ad usare tattiche brutali e violente per opprimere le richieste popolari della riforma. Non solo la situazione dei diritti umani in Bahrain è tragica, diventa più drastica ogni giorno che passa. Per questi motivi  bisogna essere fortemente contrari al Gran Premio di F1 in Bahrain. Il regime Al Khalifa trae profitto pesantemente dalla gara e ha promesso di usare pallottole vere contro i manifestanti in preparazione. Hanno già iniziato a rilasciare la punizione collettiva di interi villaggi per le proteste e hanno promesso un ulteriore punizione 'per mantenere l'ordine' per gli eventi F1 in Bahrain".


"L'autorità delle corse della Formula 1 è ben consapevole della situazione dei diritti umani in Bahrain e ancora ha scelto di contribuire all'oppressione del regime dei civili e alle punizioni. Chiediamo l'immediata liberazione dell'operatore di diritti umani dei lavoratori Abdulhadi Alkhawaja che ha trascorso oltre 70 giorni di sciopero della fame. Egli non ha commesso alcun reato e viene punito dal regime per difendere i diritti umani fondamentali delle persone. Liberare lui e tutti gli altri prigionieri politici in Bahrain. Porre fine alla tortura. Deportare tutta la polizia mercenaria e interrompere l'uso di gas lacrimogeni contro i civili. Noi non perdoniamo. Noi non dimentichiamo. Aspettateci", conclude Anonymous.

1 commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...