martedì 28 febbraio 2012

Yahoo! mette in guardia Facebook su potenziale guerra di brevetti


Come Yahoo! fa fatica a tenere il passo con i concorrenti più giovani, e la società del portale Web sta valutando una nuova tattica: minacciando azioni legali sulle partecipazioni dei propri brevetti. Yahoo! ha chiesto il pagamento di alcune licenze a Facebook per l'uso delle sue tecnologie, forzando potenzialmente il social media in una battaglia sui brevetti e cause legali nel settore tecnologico. 

Yahoo! rivendica l'uso di alcuni brevetti, compreso il meccanismo tecnico legato alle pubblicità, i controlli sulla privacy e il servizio messaging, secondo una fonte informata sulla questione. Sebbene non ancora circostanziata, l'accusa di Yahoo! riguarda dai 10 ai 20 brevetti, scrive il New York Times, che non è a conoscenza della specifica richiesta economica da parte di Yahoo!. 

In un comunicato via email, Yahoo non ha precisato i dettagli della discussione con Facebook, ma ha indicato che non si tirerà indietro se dovrà portare in tribunale il gigante del social network per le sue licenze. "Yahoo ha responsabilità nei confronti dei suoi azionisti, dipendenti e altre parti interessate per proteggere la sua proprietà intellettuale", ha detto un portavoce di Yahoo!.

"Dobbiamo insistere sul fatto che Facebook dovrà stipulare un accordo di licenza o saremo costretti ad andare avanti unilateralmente per proteggere i nostri diritti" ha affermato l’azienda.  Un portavoce di Facebook ha precisato che la società non ha ancora potuto valutare le richieste fatte da Yahoo. 

Barry Schnitt, portavoce di Facebook, ha detto in una dichiarazione: "Quando Yahoo ci ha contattato, allo stesso tempo ha chiamato The New York Times e così non abbiamo avuto l'opportunità di valutare appieno le loro richieste". Tra le parti vi è in atto una collaborazione nell’integrazione delle news di Yahoo! nell'Open Graph di Facebook. Le lotte dei brevetti non sono una novità nella Silicon Valley, con il regno degli smartphone divenuto lo sfondo più visibile per queste battaglie. 

Google ha pagato $ 12,5 miliardi per Motorola Mobilty l'anno scorso in gran parte per ottenere l'accesso alla proprietà intellettuale del produttore del telefono. E un consorzio di aziende guidato da Apple e Microsoft ha pagato $ 4,5 milioni per più di 6.000 brevetti detenuti da Nortel, il defunto produttore di apparecchiature di comunicazione.

Via: NYT

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...