mercoledì 1 febbraio 2012

MegaUpload: dati utente salvi per due settimane, il modulo ricorso


Con la chiusura di Megaupload e molti dei suoi top manager in carcere o fuori su cauzione, non c'è stato alcun modo per l'azienda di pagare Carpathia Hosting e Cogent Communications, i servizi che ospitano i suoi dati. Per un certo periodo, sembrava che le aziende avrebbero iniziato l'eliminazione dei dati degli utenti già nel Giovedi. Ma i responsabili di entrambe le società hanno deciso di conservare il materiale per un minimo di due settimane, secondo Ira Rothken, l'avvocato americano di MegaUpload. 

"Le società di hosting sono state così gentili da fornire ulteriore tempo in modo da poter elaborare un qualche tipo di accordo con il governo", ha detto Rothken. Rothken è in trattative con il governo per trovare una soluzione definitiva ai dati utente in questione. Rothken spiega che MegaUpload è determinato a proteggere gli interessi dei suoi utenti, ma che le sue mani sono legate senza l'aiuto da parte delle autorità. La perdita incombente dei dati è legata alla fatture non pagate a Cogent Communications e Carpathia Hosting in cui MegaUpload ha in locazione alcuni dei suoi server.

"Noi, naturalmente, vorremmo che gli Stati Uniti e Megaupload fossero entrambi uniti nel cercare di evitare una simile calamità per la tutela dei consumatori innocenti che potrebbero definitivamente perdere l'accesso a tutto, dai file di elaborazione testi alle foto di famiglia e di molte altre cose che non potrebbero mai praticamente essere considerati violazione", ha detto l'avvocato a TorrentFreak. 

"I beni di Megaupload sono stati congelati dagli Stati Uniti. I Mega fondi scongelati devono pagare la larghezza di banda, l'hosting e la gestione dei sistemi al fine di consentire ai consumatori di avere accesso ai propri dati memorizzati nella Mega nuvola e per eseguire il backup dello stesso per la custodia". MegaUpload ha contattato l'ufficio del Procuratore degli Stati Uniti con la richiesta di sblocco dei beni e dei domini così gli utenti possono avere accesso ai propri dati personali. 

Se questo non avviene, le conseguenze per molti utenti MegaUpload e il futuro di altri servizi cloud hosting saranno disastrose. La questione più urgente è quello di garantire che i dati non vengano distrutti. "Se gli Stati Uniti non riescono ad aiutare la protezione e il ripristino dei dati dei consumatori Megaupload in modo conveniente, si avrà un effetto raggelante sul cloud computing negli Stati Uniti e nel mondo. Una cosa è presentare un ricorso per violazione del copyright è un'altra cosa abbattere un intero servizio di cloud storage di Megaupload che abbia usi non illeciti, quale una questione di diritto", ha aggiunto Rothken. 

Nel frattempo, gli utenti MegaUpload possono anche agire da se stessi. Il Partito Pirata catalano ha iniziato a fare un elenco in tutto il mondo di tutte le persone colpite dal raid dell'Fbi, e stanno progettando di presentare un reclamo ufficiale contro le autorità statunitensi. "Per questo motivo Pirati della Catalogna, in collaborazione con il Partito Pirata International e Partito Pirata, hanno iniziato a indagare su queste possibili violazioni del diritto e faciliterà la presentazione delle denunce contro le autorità statunitensi nei paesi maggior numero possibile, per assicurare un positivo e giusto risultato". Gli utenti MegaUpload che vogliono entrare in azione possono farlo qui.

Via: Torrent Freak

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...