mercoledì 30 novembre 2011

Google Doodle celebra 176° anniversario della nascita di Mark Twain


Google festeggia il 176° anniversario della nascita di Mark Twain. Sulla home page del noto motore di ricerca, oggi 30 novembre, compare un Doodle davvero speciale, dedicato allo scrittore, autore del romanzo “Le Avventure di Tom Sawyer”, pubblicato nel 1876. Le dimensioni del logo di oggi sono ragguardevoli, ben 1700 pixel di larghezza per un Doodle dall’aspetto artistico, originale ma anche dotato da un tocco di classicità. Samuel Langhorne Clemens, noto con lo pseudonimo di Mark Twain, nasce nella città di Florida, nello stato del Missouri, il 30 novembre 1835. La madre è calvinista, il padre è dedito alla vita avventurosa. Lavora come tipografo presso il giornale del fratello scomparso. Il mestiere lo porta ad alimentare l'interesse per la letteratura. In questi anni ottiene il brevetto di pilota per i battelli a vapore che percorrono il fiume Mississippi. Gli anni dal 1857 al 1861 sono caratterizzati proprio da una vita condotta sul Mississippi, che lascerà tracce profonde nello spirito del narratore, e che diventerà un tema ricorrente nelle sue opere. Il suo primo libro è una raccolta di novelle intitolata "Il ranocchio saltatore" (1865). Desideroso di cercar fortuna, Mark Twain si trasferisce in California e diviene un cercatore d'oro, minatore, giornalista nonchè reporter a San Francisco. Visita le Hawaii e viaggia in Africa, Francia e Italia. Tutta l'opera di Mark Twain, ispirata alle vicende e ai luoghi in cui visse e che visitò, è da considerarsi autobiografica. La sua opera viene comunemente divisa in quattro gruppi: le impressioni di viaggio ("Gli innocenti all'estero"); i ricordi d'infanzia e della prima giovinezza ("Le avventure di Tom Sawyer", 1876, "Le avventure di Huckleberry Finn", 1884); vita sul Mississippi; le narrazioni satiriche ambientate nel Medioevo e nel Rinascimento ("Un americano alla corte di Re Artù"). Mark Twain si spegne il 21 aprile 1910 a Redding (Connecticut), in seguito ad un attacco di angina pectoris.

Via: Biografie Online

Facebook: accordo sulla privacy con la Federal Trade Commission Usa


Facebook ha raggiunto un accordo con la Federal Trade Commission (Ftc) per risolvere una disputa sulla privacy. Facebook ha accettato di ottenere espressamente il consenso degli utenti prima di effettuare cambiamenti nelle impostazioni di privacy e di sottoporsi, per i prossimi 20 anni, a controlli sulla privacy condotti da consiglieri esterni.

E' quanto si legge in una nota della Ftc, che ha accusato il social network di aver ingannato gli utenti nell'utilizzo delle loro informazioni personali. ''Facebook e' obbligata a mantenere le promesse sulla privacy fatte alle sue centinaia di milioni di clienti.

L'innovazione di Facebook non deve avvenire - afferma il presidente della Ftc, Jon Leibowitz - a spese della privacy dei consumatori. L'azione della Ftc assicurera' che questo non avvenga''. Facebook, con 800 milioni di utenti, ha ricevuto molte critiche per la modifica delle politiche per la diffusione e condivisione delle informazioni personali senza un'adeguata informativa.

L'accordo fa seguito alle modifiche apportate da Facebook nelle impostazioni sulla privacy nel dicembre 2009, quando ha reso pubbliche per default alcune informazioni personali dei suoi utenti, quali il nome, la foto, la citta; il sesso e la lista degli amici.

I cambiamenti erano stati descritti allora dall'amministratore delegato di Facebook, Mark Zucherberg come un ''modello piu' semplice per il controllo della privacy''. La Ftc sta cercando di dare un giro di vite sulla privacy online. Quest'anno, ha concluso accordi analoghi a quello siglato con l'azienda di Mark Zuckerberg, con Google e Twitter.

Il 10 novembre scorso, si è appreso che Facebook era in procinto di siglare un accordo con la Ftc che avrebbe obbligato l'azienda a "ottenere il consenso espressamente affermativo" degli utenti prima di apportare "cambi sostanziali retroattivi" agli account personali.

Via: Blitz Quotidiano

Britney Spears è la regina di Google Plus con oltre 700mila contatti


La cantante americana Britney Spears è la regina di Google Plus. Con 773.520 persone collegate alla sua pagina, Spears batte anche Larry Page, amministratore delegato di Google, fermo a quota 763.413, come persona più seguita nel nuovo social network lanciato da Google la scorsa estate. Secondo i dati pubblicati dal sito web Social Statistics, dopo soli due mesi dal lancio ufficiale di Google+ la "regina del pop", aveva conquistato 100.000 fan, una cifra che si è poi quadruplicata nell'arco dei successivi dieci giorni ed ha continuato a lievitare fino ad oggi. Per Page l'andamento è stato inverso: nelle prime due settimane di attività del social network il suo profilo era seguito già da 100,000 persone, ma gli ci sono voluti poi due mesi per quadruplicare la cifra. Attualmente la pagina Google+ della cantante si apre con l'esclamazione "It's Britney Bitch!" e riporta foto e commenti dal suo tour in Sud America, a pochi mesi dall'uscita del suo ultimo album "B in the Mix: The Remixes", già in cima alle classifiche pop.


Nel giugno del 2010, Britney Spears si è classificata sesta in una classifica di Forbes sulle 100 celebrità più potenti e influenti del mondo. Nel 2011 la rivista Rolling Stone ha fatto una lista sui dieci migliori cantanti-ballerini, Britney si è classificata seconda, dietro Michael Jackson. Nella classifica dei cinque utenti più seguiti su Google+ pubblicata su Pc Magazine, c'è anche il fondatore del social network concorrente Facebook: Mark Zuckerberg, che tuttavia non ha mai condiviso un solo contenuto sul suo profilo Google, è infatti quarto. Il terzo posto è stato conquistato dal rapper Snoop Dogg, mentre il quinto è della modella californiana Tyra Banks. Google ha dichiarato che a ottobre Google+ contava 40 milioni di iscritti, ma non ha rivelato il numero di quanti, tra questi utenti, utilizzino effettivamente il social network. PC Magazine riporta che, secondo alcuni esperti del settore, questo potrebbe significare che il coinvolgimento del pubblico in Google+ è inferiore alle aspettative dell'azienda.

Fonte: La Stampa
Immagine: Capitalfm

Nuove funzioni recupero dati con Kroll Ontrack PowerControls 6.1


Kroll Ontrack (www.krollontrack.it), azienda leader nell’offerta di soluzioni e servizi di data recovery, cancellazione sicura e computer forensics, annuncia dei miglioramenti alla versione 6.1 di Ontrack® PowerControls™ per il supporto dell’ultima versione di Microsoft® Exchange Server, Microsoft® Office SharePoint Server e di una vasta gamma di soluzioni per il backup dei dati. I miglioramenti includono l’aggiornamento di tutti gli Agent di Ontrack PowerControls ExtractWizard e l’aggiunta del supporto a Microsoft Volume Shadow Service (VSS) per Microsoft Exchange 2007 e 2010 che contribuisce a ridurre i tempi associati al recupero di email o documenti, al ripristino, al consolidamento e alla migrazione dei dati.

“Secondo i dati di una ricerca realizzata lo scorso giugno 2011 sui clienti di Ontrack PowerControls, oltre un quarto degli intervistati utilizza regolarmente questo strumento riducendo di oltre il 50% il tempo impiegato a gestire i propri ambienti” commenta Paolo Salin, Country Director di Kroll Ontrack in Italia. “Il tempo e i costi risparmiati grazie all’utilizzo di questa soluzione sono significativi e Kroll Ontrack è impegnata a mantenere Ontrack PowerControls in linea con le esigenze del mercato”.

I principali miglioramenti della soluzione Ontrack PowerControls 6.1 comprendono:

• Miglioramenti agli Agent di Ontrack PowerControls ExtractWizard. Ontrack PowerControls ExtractWizard è un potente strumento che permette agli utenti di estrarre i dati da dischi e tape di backup, eliminando la necessità di un server di recovery. Sono attualmente supportati Netbackup, IBM Tivoli Storage Manager, CA ARCServe, EMC Networker, HP OpenView Storage Data Protector, CommVault Galaxy, Ultrabac, Symantec BackupExec e Microsoft NT Backup.

• Supporto VSS per Exchange 2007 e 2010. VSS è una tecnologia di Microsoft che viene utilizzata dalle applicazioni per il backup di Exchange e di altri sistemi Microsoft, ed è ora obbligatoria in Microsoft Exchange 2010. Il supporto a questa nuova tecnologia consente agli utenti di cercare e recuperare in modo granulare singoli elementi di posta elettronica dai più recenti snapshot di backup di Microsoft Exchange 2007 e 2010.

“Grazie alle caratteristiche di ExtractWizard, Ontrack PowerControls permette agli utenti di estrarre, cercare e ripristinare i dati dai backup in modo semplice e veloce” aggiunge Paolo Salin. “I recenti aggiornamenti di Ontrack PowerControls 6.1 aiutano i nostri utenti a gestire i problemi causati da errore umano, a minimizzare i rischi, a massimizzare le performance IT e a risparmiare sui costi”.

Poter usufruire di una soluzione capace di far risparmiare tempo e denaro, è oggi un fattore critico per ogni organizzazione. Ontrack PowerControls riduce il tempo utilizzato per la ricerca e il ripristino dei dati e permette un significativo risparmio in termini di tempo e di costi. Gli Agent di Ontrack PowerControls ExtractWizard sono disponibili al prezzo di 495 euro + IVA l’uno e per i clienti che hanno sottoscritto un piano di maintenance gli aggiornamenti sono gratuiti. Per maggiori informazioni su Ontrack PowerControls per ambienti Microsoft Exchange visitare il sito www.ontrackdatarecovery.it/power-controls/, per gli ambienti Microsoft SharePoint è invece disponibile il link www.ontrackdatarecovery.it/power-controls-sharepoint/


Fonte: Text100

IPC presenta torretta IQ/MAX Edge per l’innovativa piattaforma Unigy


IPC Systems Inc., azienda leader nell'offerta di soluzioni di comunicazione per aziende che offrono servizi finanziari, con sede a Jersey City, NJ, presenta la torretta IQ/MAX Edge, per l’innovativa piattaforma Unigy di IPC. Si tratta di uno strumento altamente specializzato e per comunicazioni multi-linea con caratteristiche di presence, hoot e intercom, speaker, linee private, registrazione vocale, integrazione con Microsoft Outlook tramite IQ/MAX Sync in grado di aiutare le aziende a migliorare significativamente la collaborazione attraverso i desk di trading e il middle e back office.

Grazie alla torretta IQ/MAX Edge, i trader di piccole e medie aziende che utilizzano un telefono PBX (Private Branch Exchange) insieme a un dispositivo hoot & holler possono accedere a funzioni di telefonia ad alte prestazioni, multi canale e funzione hoot/intercom integrate prima al di fuori della loro portata. Tra le principali caratteristiche di IQ/MAX Edge, si segnala l’interfaccia grafica, tramite la quale trader e utenti possono accedere alle applicazioni della piattaforma Unigy, per supportare e migliorare i processi di trading e la loro produttività. Inoltre, l’alta risoluzione e l’ampiezza degli schermi di IQ/MAX Edge e l’alta definizione del suono aiutano a semplificare il veloce e accurato scambio di informazioni tra trader.

Ogni torretta di trading IQ/MAX è fornita di IQ/MAX Sync, l’applicazione che permette il pieno controllo della torretta per la gestione di chiamate, speaker, directory personali e di gruppo e molto altro, direttamente dal proprio PC di lavoro, mantenendo quindi la concentrazione sui dati di mercato. IQ/MAX Edge è anche in grado filtrare e dare la priorità desiderata alle informazioni di chiamata, così trader e altri utenti possono riconoscere velocemente e rispondere alle chiamate più urgenti e importanti, permettendo loro di concludere negoziazioni nel modo più veloce possibile.

Roberto Aimar, Director Sales Southern Europe & Middle East di IPC ha commentato “Gli ambienti di trading di oggi, molto spesso sovraccarichi e caotici, insieme al continuo aumento delle regolamentazioni a cui dover rispondere per soddisfare le richieste di compliance rendono necessarie collaborazione e coerenza tra front, middle e back office, assicurando la conformità dei processi. Per questo, IQ/MAX Edge soddisfa le necessità di analisti e trader, fornendo la possibilità a chiunque utilizzi la piattaforma Unigy di scambiare liberamente e tempestivamente informazioni in modo sicuro e certificato”. Con IQ/MAX Edge le aziende hanno a disposizione un maggior numero di funzionalità da fornire ai propri utenti e un efficace strumento di controllo amministrativo ad un costo più conveniente.

Unigy - è la piattaforma sviluppata per aiutare le aziende di trading di ogni dimensione a ottimizzare il proprio workflow operativo per incrementare produttività e profitto. Progettato per trasformare l’ambiente di trading, Unigy velocizza la collaborazione tra i trader e l’intero team di supporto di middle e back-office, permettendo di aumentare la produttività dei trader e offrendo alle aziende e ai partner la possibilità di sviluppare applicazioni personalizzate in linea con i propri bisogni. Per la prima volta aziende di ogni dimensione e quasi la totalità dei loro dipendenti, indipendentemente dal ruolo, potranno trarre beneficio da quanto Unigy mette a disposizione. Maggiori informazioni: http://www.ipc.com/

Fonte: Now PR

Linear Technology presenta convertitore buck sincrono da 15V e 300mA


Linear Technology presenta l'LTC3103 e l'LTC3104, due convertitori buck sincroni da 15V a frequenza fissa in grado di fornire 300mA in corrente continua per tensioni di uscita comprese tra 0,6V e 13,8V. L'LTC3103 consuma solo 1,8µA di corrente di riposo, mentre l'LTC3104 (che offre un'uscita LDO programmabile a 10mA) richiede solo 2,6µA di corrente di riposo. Questi dispositivi sono ideali per un'ampia gamma di applicazioni alimentate a batteria, tra cui controllo industriale, reti di sensori remoti, sistemi wireless a bassa potenza e applicazioni di energy harvesting.

martedì 29 novembre 2011

Listen Later, funzione riascolto su radio digitali PURE ONE Serie II


PURE, leader mondiale nella produzione di radiodigitali DAB+ e Internet, presenta ONE Elite Serie II e ONE Classic Serie II, due radio digitali DAB+ ed FM, compatte e portatili che includono l’originale funzione “Listen Later”, un nuovo e facile modo di registrare il proprio programma radiofonico preferito per poterlo ascoltare comodamente quando sivuole. La famiglia di radio digitali ONE Serie II è arricchita anche dallanuova versione di ONE Mini Serie II, una radio portatile digitale e FM dal prezzo particolarmente accessibile, caratterizzata da un audio eccezionale e da un’incredibile facilità d’uso.

L’esclusiva funzione “Listen Later” consente all’utente di impostare la propria radio PURE della famiglia ONE (Classic o Elite) perregistrare un programma preferito tutti i giorni, ogni settimana (nei giornilavorativi o festivi), o anche solo una volta, e ascoltarlo successivamente.Selezionando il pulsante “Listen Later”, l’utente può scegliere quale programma registrare e impostare orario, durata, frequenza e stazione radio. La registrazione del programma viene salvata all’interno del chip presente nella radio e ascoltarla è semplice e facile.

Durante l’ascolto del programma in differita, è possibile utilizzare la funzione di partenza memorizzata in automatico, che consente all’utente di mettere in pausa e riprendere l’ascolto in un secondo momento ripartendo esattamente dal punto in cui si è interrotto. La funzione “Listen Later” è ideale per chi segue regolarmente dei programmi o per chi non vuole perdersi un evento radiofonico particolare, come un concerto in diretta o l’ospitata del proprio idolo musicale.

ONE Elite Serie II e ONE Classic Serie II consentono la regolazione dei bassi e degli alti e, grazie alle eleganti finiture satinate in colore nero o bianco, combinano a una qualità del suono straordinaria un’estetica molto raffinata. Le altre caratteristiche includono: radio FM, sveglia di facile uso con toni o radio, timer da cucina, pausa e riavvolgimento per radio digitale in diretta, memorizzazione di 30 stazioni; funzione IntelliText, che offre agli ascoltatori accesso on-demand a testi di notizie provenienti dalle stazioni che aderiscono al servizio su sport, news o bollettini del traffico; textSCAN, che permette agli ascoltatori di mettere in pausa e comandare il testo scorrevole e un ingresso per lettore iPod/MP3.


ONE Elite Serie II e ONE Classic Serie II sono anche due perfette compagne di viaggio, grazie al supporto della batteria ricaricabile ChargePAK C6L (disponibile come optional, al prezzo consigliato di 49,99€ - IVA inclusa), che permette - rispettivamente - fino a 28 e fino a 30 ore di ascolto senza dover ricaricare.


Oltre a ONE Elite Serie II e ONE Classic Serie II, PURE arricchisce la famiglia di radio digitali ONE Serie II con il lancio della nuova versione di ONE Mini Serie II, una radio portatile digitale e FM dal prezzo accessibile, caratterizzata da un audio eccezionale e da un’incredibile facilità d’uso, completamente rivisitata con un nuovo accattivante look. Disponibile in versione bianca o nera, ONE MiniSerie II è caratterizzata da una texture satinata, cui si accompagnano nuovi comandi cromati, anch’essi satinati.

Grazie alla connessione d’ingresso ausiliario, ONE Mini Serie II può essere utilizzata come altoparlante per iPod o lettore MP3. Nonostante le dimensioni compatte, ONEMini offre una qualità e un volume audio di alto livello. Tra le altre caratteristiche ricordiamo la possibilità di salvare 16 stazioni di preselezione, la presa per le cuffie, uno slot USB per gli aggiornamenti futuri e textSCAN, che consente agli ascoltatori di fermare i testi che scorrono per avere il tempo di annotarsi indirizzi Web, numeri di telefono per i concorsi o titoli dei brani.

L’interfaccia utente di ONE Mini è disponibile in varie lingue: inglese, italiano, francese e tedesco. Tutte le radio della famiglia ONE Serie II fanno parte del programma EcoPlus, garanzia della filosofia etica di PURE e del costante impegno verso la tutela dell’ambiente. I prodotti PURE sono progettati per ridurre al minimo l’impatto ambientale e sono fabbricati presso stabilimenti in linea con i criteri etici.

Hanno un ridotto consumo energetico durante il funzionamento e in modalità standby utilizzano materiali d’imballaggio riciclati, imballaggi di ingombro il più possibile ridotto, e componenti selezionati per ridurre al minimo l’impatto ambientale. ONE Elite Serie II, ONE Classic Serie II e ONE Mini Serie II sono già disponibili presso alcuni fra i migliori rivenditori di elettronica di consumo rispettivamente al prezzo di € 119,99 (IVA inclusa), € 99,99 (IVA inclusa) e € 79,99 (IVA inclusa) ma… Occhio al bollino!

Tutte le radio digitali, appositamente sviluppate da PURE per il mercato Italiano, in collaborazione con le emittenti radiofoniche presenti nel nostro paese, sono chiaramente identificate da una piccola etichetta bianca ARD (Associazione per la Radiofonia Digitale in Italia), sia sulla scatola che sul prodotto, che facilita il consumatore nell’identificazione degli apparecchi che “supportano lo standard italiano della radio digitale” (il che significa FM RDS, DAB, DAB+ e DMB-Audio, sia in Banda III che in Banda L) e sono provvisti di menu e istruzioni in lingua italiana. Per le specifiche del prodotto e ulteriori informazioni, visitare il sito www.pure.com/it

Fonte: LEWIS PR

Audiweb, i dati di audience e diffusione online a settembre 2011


Sono 27 milioni gli Italiani che hanno navigato almeno una volta da PC nel mese di settembre 2011, il 12% in più in un anno. I dati sono sorprendenti e fanno il paio con quelli che vedono 21 milioni di italiani iscritti a Facebook. Dal nuovo report trimestrale della Ricerca di Base, sono 35,4 milioni gli Italiani con un collegamento a internet da qualsiasi luogo, il 74% della popolazione tra gli 11 e i 74 anni, con una crescita del 7,3%. Sono 9,3 milioni gli Italiani che dichiarano di avere un cellulare con connessione a internet, +74% in un anno.

Portabilità: a breve si potrà cambiare gestore cellulare in un giorno


Presto anche in Italia sarà possibile portare a termine una portabilità e cambiare gestore del cellulare in un giorno, mentre ora ne occorrono da 4 a 7 per cambiare compagnia di telefonia mobile. Lo stabilisce il regolamento a cui dovrebbe dare l’ok la commissione Servizi e Reti dell’Agcom mercoledì prossimo. Il Regolamento, che ha condotto una consultazione pubblica al riguardo, velocizza dunque a sole 24 ore il processo di "number portability" per cui attualmente sono necessari dai quattro giorni ad una settimana per poter cambiare il proprio gestore telefonico. La prestazione di portabilità del numero mobile (MNP) consente all’utenza di servizi mobili e personali di mantenere il proprio numero, richiedendo che il servizio sia svolto da un differente operatore mobile, anche nel caso vi sia una variazione tra la tecnologia utilizzata dall’operatore di origine e quella utilizzata dal nuovo operatore. Si tratta di un ulteriore passo del percorso già intrapreso con le regole adottate nel 2008 che avevano portato alla riduzione a tre giorni del tempo occorrente per ottenere la portabilità del numero, regole accompagnate da una serie di meccanismi che hanno drasticamente ridotto i casi di ritardo nella prestazione. La portabilità del numero in un giorno fa parte del pacchetto di norme europee sulle telecomunicazioni al centro di una nuova sollecitazione da parte della Commissione Ue all’Italia ed altri 15 Stati membri perchè sia recepito. La Commissione ha inviato venerdì scorso le proprie richieste in forma di "parere motivato" a Italia, Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Francia, Germania, Grecia, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Romania, Slovenia, Spagna e Ungheria, avvertendo che chi non recepirà integralmente la nuova normativa rischia di essere deferito alla Corte di giustizia Ue e di vedersi comminare sanzioni pecuniarie.

Via: Blitz Quotidiano

Clarisse lanciano appello sul Web alla ricerca di nuove vocazioni


Per fronteggiare la crisi di vocazioni le monache di un convento di Portici, nel Napoletano, lanciano un appello ai parroci della città: cercano vocazioni, e le cercano tramite il computer, il grande mondo del Web. Per farsi conoscere le monache hanno a disposizione due computer, cellulari, un sito Internet ed un indirizzo mail (clarisse.napoli@virgilio.it) dove chiunque può inviare domande alle 13 sorelle del convento, due delle quali hanno più di 90 anni. "Siamo rimaste in tredici qui a piazza del Gesù in un convento che potrebbe ospitarne almeno il doppio - spiega la madre badessa, Suor Nunzia Emanuela, 61 anni - siamo poche, troppo poche e dobbiamo occuparci di tutto. Lavoriamo sodo dall’alba al tramonto, senza contare che due consorelle hanno più di novant’anni, bisognose della nostra assistenza. Sempre meno per pregare, dobbiamo alzarci alle 5 per far tutto senza rinunciare ai nostri momenti di silenzio e meditazione". "In molti ci chiedono di pregare per loro e sempre più spesso lo fanno on line - aggiunge suor Nunzia Emanuela - grazie al Web riusciamo a metterci in contatto con i fedeli e a farci conoscere almeno un pò. Siamo chiuse in monastero, non abbiamo la possibilità di comunicare, di spiegare agli altri quanto la vita claustrale sia gioiosa e felice. Sì, un’avventura quotidiana anche se sappiamo bene che nell’immaginario collettivo appare tutt’altro. Credetemi, ci sono tante ragazze che hanno la vocazione nel cuore e nemmeno lo sanno. Coraggio, dunque, fatevi sentire, mettetevi in contatto con noi e al resto penserà Gesù". I PC sono utilizzati però con molta moderazione, come spiega la madre badessa: "Spesso sono io a pregare le sorelle più giovani di andare a controllare la posta per verificare messaggi e comunicazioni. In ogni caso è chiaro che si tratta di un mezzo di comunicazione che utilizziamo con attenzione e tanta moderazione. Qui siamo in clausura".

Via: TG 1
Foto dal Web

L'uso intenso del cellulare pericoloso per i bambini, allarme del Css


Ad oggi, non ci sono prove certe sul fatto che l’uso dei cellulari sia in qualche modo collegato all’insorgenza del cancro, tuttavia "non si può escludere l’esistenza di causalità" tra esposizione da cellulari e tumori "quando si fa un uso molto intenso del telefono cellulare". Il nuovo monito arriva dal Consiglio superiore di sanità (Css) che, in un parere, invita ad applicare soprattutto per i bambini "il principio di precauzione, che significa anche l’educazione ad un utilizzo non indiscriminato, ma appropriato, quindi limitato alle situazioni di vera necessità, del cellulare".

Un tema dibattuto ormai da anni, con opinioni contrastanti. Ed è del maggio scorso l’ultimo allerta dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms): Le radiofrequenze da cellulare "potrebbero causare il cancro", ha avvertito un gruppo di 34 esperti dell’Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) dell’Oms, definendo i campi elettromagnetici come "possibly carcinogenic".

Un annuncio che inevitabilmente ha riaperto il dibattito lungo 20 anni sulla sicurezza della telefonia mobile per la salute umana. Oggi si contano 5 miliardi di telefonini in tutto il mondo, solo in Italia quasi due a testa, pari a circa 100 milioni di cellulari. Ma i produttori, che assicurano il finanziamento di studi indipendenti per conoscere l’effettivo pericolo, sostengono che la classificazione fissa il rischio ad un terzo livello su una scala di 5, un livello che "contiene altre sostanze di uso comune come ad esempio il caffè".

Certo è che, come afferma il Css, i rischi per la salute da un "uso smodato" non possono essere esclusi. E tanto basta per far prevalere un principio di precauzione, soprattutto se si tratta di bambini. I pediatri, a questo proposito, non hanno dubbi: i bambini evitino di usare il cellulare (ormai nelle tasche di 6 piccoli su 10), e se l’uso non può essere evitato "lo utilizzino il meno possibile, con l’auricolare e preferendo quelli a bassa emissione".

Le incertezze infatti sono ancora tante: gli standard di sicurezza, ad esempio, sono stati elaborati con riferimento agli adulti, e va anche considerato che l’organismo dei bambini è più sensibile e il loro cervello ha una maggiore suscettibilità. La situazione preoccupa la presidente del Movimento italiano genitori (Moige) Maria Rita Munizzi, che la definisce "seria e pericolosa": "Per questo - afferma - chiediamo con urgenza l’intervento del Ministro della Salute Renato Balduzzi, affinchè‚ sia fatta chiarezza sulla questione".

Ed invita alla prudenza anche l’oncologo Umberto Tirelli: "I legami tra telefonini e tumori sono deboli, come dimostrato da tutti i numerosi studi fatti negli ultimi dieci anni" ma "nel frattempo, considerando che i telefonini sono presenti da solo 25 anni sul mercato e che non si può prevedere cosa succederà dopo 50 anni di esposizione, è meglio usare - avverte - una politica di precauzione, ovvero limitare l’uso del telefonino ai ragazzi e proibirlo ai bambini, auspicando per gli adulti l’uso dell’auricolare nell’attesa di ulteriori studi".

Via: La Stampa

lunedì 28 novembre 2011

Virtual Fair, l'appuntamento online in video chat per trovare lavoro


Computer connesso alla rete, webcam accesa, cuffiette e curriculum a portata di mouse: è quanto serve per partecipare alla 4^ edizione del “Virtual Fair”: la fiera del lavoro sul web che si svolgerà on-line l’1 e il 2 dicembre, dalle ore 10 alle 17, sul sito internet www.borsadelplacement.it. L’evento, organizzato da Emblema - società di consulenza specializzata nel campo del placement e del corporate recruiting - rappresenta per migliaia di giovani un’opportunità concreta per entrare in contatto con aziende alla ricerca di giovani talenti senza muoversi dalla propria scrivania, in maniera veloce ed economica, grazie alle potenzialità offerte da internet.

VIRTUAL FAIR
Il format Virtual Fair nella passata edizione ha visto la partecipazione di oltre 15 mila giovani che nelle due giornate della fiera hanno realizzato 19 mila e 500 colloqui in video chat con le 52 aziende partecipanti. Per l’edizione 2011 si sono già iscritti 7 mila neolaureati e laureandi che incontreranno importanti aziende come Abb, Altran, Angelini Farmaceutica, Calzedonia, Datalogic, Fiat Group, Indesit, Iveco e molte altre che hanno già confermato la propria partecipazione. L’evento rappresenta un “unicum” in Italia perché non si tratta di un comune portale di annunci, ma di una vera e propria manifestazione fieristica virtuale, con padiglioni, banchi informativi, catalogo e veri e propri colloqui realizzati tramite video-chat, da qualunque parte d’Italia, rigorosamente nei due giorni dell’evento. La prima giornata è dedicata ai profili economico-umanistici, mentre il 2 dicembre sarà il turno dei laureati in area tecnico-scientifica.

COME FUNZIONA
Per preparasi all’evento gli Hr manager delle aziende dovranno compilare un form con le caratteristiche del candidato “ideale” che stanno cercando (il voto minimo di laurea, l’area universitaria di provenienza, il livello desiderato di conoscenza delle lingue straniere e così via). Allo stesso tempo, i candidati dovranno invece registrarsi al portale e costruire il proprio shortCV. Il sistema di Match realizzerà in automatico una prima selezione dei profili “in target”, incrociando i desiderata aziendali con i curricula compilati dai candidati: i profili che risponderanno alle richieste verranno segnalati in automatico alle imprese, consentendo così ai selezionatori di interagire unicamente con i candidati che corrispondono alle proprie richieste. Durante la fiera, i candidati avranno la possibilità di visualizzare in tempo reale le aziende con posizioni aperte idonee al proprio profilo, potranno consegnare il curriculum vitae completo, essere invitati dalle aziende per un video-colloquio o chiedere ‘in tempo reale’ di incontrare in chat i selezionatori, che saranno disponibili on-line. Grazie ad un sistema di finestre Web sarà possibile controllare “le code” ed essere avvisati 20 secondi prima di andare in video. Tra le novità di questa edizione, spicca la possibilità di assegnare un rating ai candidati, sia in fase di scouting - sulla base del curriculum vitae - sia durante il colloqui: da 1 a 5 stelle per indicare il gradimento del candidato.

GLI ORGANIZZATORI
Virtual Fair è un progetto realizzato da Emblema, all’interno della Borsa del Placement che già da molti anni mette a confronto atenei e imprese con l’obiettivo di facilitare ai giovani il passaggio dai banchi di scuola al mondo del lavoro. La manifestazione viene promossa attraverso la rete degli oltre 40 atenei che aderiscono al network www.borsadelplacement.it

IL TOUR: IL GIOCO INTERATTIVO
Su borsadelplacement.it è anche possibile registrarsi e giocare con “Il Tour”: un gioco interattivo a premi studiato da Emblema per Italia Lavoro per promuovere le politiche attive del lavoro e informare i più giovani su contratti di apprendistato, auto-imprenditorialità (lavoro autonomo, microimpresa, franchising), green jobs e green economy, servizi informativi e di supporto, lavoro occasionale accessorio, incentivi e agevolazioni e molto altro.

ULTERIORI INFORMAZIONI
Per registrarsi e per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito internet www.borsadelplacement.it

Fonte: Laboratorio.it

Hiv-Bookmark, l'applicazione italiana per i pazienti affetti in terapia


Ricorda l'ora in cui prendere il farmaco o il giorno della visita e fornisce informazioni sulle terapie. Sono solo alcune delle caratteristiche della nuova App per smartphone tutta dedicata ai pazienti Hiv. In occasione della giornata mondiale contro l'Aids che si celebra il 1 dicembre, il Network persone sieropositive (Nps) Italia Onlus presenta Hiv-Bookmark, la prima applicazione al mondo creata in Italia, totalmente gratuita, sviluppata per piattaforma Android, Iphone, Rim (Blackberry OS), Symbian, disponibile in italiano e inglese. Il progetto è stato realizzato con il contributo incondizionato di Abbott. Con questa applicazione Nps Italia Onlus, l'associazione che da anni si occupa di problematiche legate al mondo delle persone sieropositive, intende usare le nuove tecnologie per semplificare la vita nella gestione quotidiana dei pazienti Hiv in Italia e nel mondo, che stando agli ultimi dati sono oltre 34 milioni di cui 143.000-165.000 nel nostro Paese. Il logo dell’applicazione è verde e dispone di varie funzionalità.



Registrazione nick - singolo o multiplo: si possono abbinare soggetti differenti e a ogni nick corrisponde un’agenda personalizzata. In Italia - si legge in una nota Nps - le persone che possiedono uno smartphone sono ben 20 milioni, circa un terzo dell'intera popolazione della Penisola. Una ricerca Ipsos rivela un incremento del 52% rispetto allo scorso anno e, andando nello specifico, l'indagine evidenzia che piu' della meta' dei 20 milioni di utilizzatori (il 60%) difficilmente si separa dal proprio smartphone e lo utilizza ovunque: in casa (98%), fuori casa (88%), in ufficio (77%). Di certo uno degli eventi che ha cambiato il mondo dei cellulari e' quello delle App. Da qui nasce l'idea di realizzare l'applicazione Hiv Bookmark, uno strumento di supporto utile, intimo e personale per gestire con un mezzo moderno e tecnologico la propria condizione. Il download dell’applicazione è disponibile anche all’interno del dominio npsitalia.net/nome-applicazione dal 29 novembre in una pagina dedicata e sulle rispettive piattaforme di distribuzione.

Via: La Stampa

Influweb, il portale che crea la mappa in rete per monitorare virus


Arriva il virus dell'influenza anche in Italia e parte la quarta edizione di 'Influweb', il portale di sorveglianza epidemica coordinato dalla Fondazione Isi di Torino che ha l'obiettivo di creare una mappa influenzale attraverso le comunicazioni dei cittadini, aiutando gli esperti che seguono l'evoluzione dell'epidemia. Si tratta di una rete parallela a 'Influnet', rete ufficiale gestita dall'Istituto superiore per la sanità (Iss) che si avvale di circa 800 medici-sentinella. 

Se nel caso dell'Iss sono i medici a comunicare i dati, nel caso di Influweb basta compilare un questionario relativo ai sintomi manifestati e i dati registrati verranno utilizzati per la creazione della mappa. Influweb è in realtà l'espressione italiana del più vasto Influenzanet, servizio di monitoraggio a livello europeo (attivo in Olanda, Belgio, Inghilterra, Portogallo, Svezia e in siti locali anche in Francia, Germania, Svizzera e Austria). Quest'anno, come spiega Daniela Paolotti dell'Isi sul giornale di scienza Galileo - Influweb sbarca anche sui social network. 

"Abbiamo sviluppato - aggiunge - un'applicazione Facebook chiamata Get Well Soon. L'utente potrà segnalare i sintomi della malattia sul proprio profilo. L'idea è quella di stimolare la rete di amici attraverso strumenti di feedback come piccoli regali virtuali, invogliando la gente a compilare il questionario". Per partecipare a 'Influweb' è sufficiente registrarsi: lo può fare chiunque, anche chi non è malato, riportando il proprio stato di salute, descrivendo gli eventuali sintomi, le visite mediche e i farmaci assunti. 

Il monitoraggio prevede che ogni settimana (24 le settimane di monitoraggio) gli iscritti ricevano una mail in cui sono invitati ad aggiornare il proprio stato di salute, aiutando a tracciare una mappa dell'influenza, dove i diversi focolai sono distinti per sintomi. L'anno scorso hanno partecipato a Influweb circa 3.500 cittadini e le iscrizioni al servizio sono in costante aumento.

Via: ANSA

E' boom di microblog in Cina, superata quota 300 milioni di utenti


I social network del Dragone continuano a svilupparsi: gli utenti cinesi di microblog hanno superato i 300 milioni. E' quanto emerso dall'11esimo China Internet Media Forum, che si è svolto lunedì scorso a Wuhan, nella provincia dello Hubei. Il forum di due giorni, sul tema della promozione dello sviluppo dei media della rete e della cultura online, ha attratto circa 300 tra funzionari, esperti e responsabili di media web. 

La Cina oggi è in possesso dell'infrastruttura di rete più estesa al mondo, ed è anche il Paese con il maggior numero di utenti internet, circa 485 milioni, ha affermato Zhang Xinsheng, ispettore delle telecomunicazioni del Ministero dell'Industria e dell'Information Technology. Qesto numero non può che aumentare nei prossimi anni dato l’evidente trend positivo. 

Il vice direttore dell'Ufficio informazione del Consiglio di Stato, Qian Xiaoqian, ha evidenziato le nuove problematiche nel regolamentare i microblog e promuovere un comportamento corretto sul Web. Blog e contenuti con alcune parole come sulla maggior parte dei siti cinesi vengono automaticamente censurati. Mentre per i contenuti sospetti o osceni vi è una censura manuale effettuata dagli amministratori prima della pubblicazione, questo ritarda la visualizzazione del contenuto inviato al social network. 

Il numero di utenti cinesi registrati su siti di microblog domestico ha raggiunto 195 milioni entro la fine di giugno, con un incremento del 209 per cento del numero alla fine del 2010, secondo la Cina Internet Network Information Center (CNNIC). La maggior parte utilizza il servizio Sina's "Weibo", lanciato nel mese di agosto 2009, o il servizio rivale Tencent Holding "QQ". Poi c'è il network Renren che dal 2007 permette di integrare codice di terze parti, come succede in Facebook, dando così la possibilità agli utenti di utilizzare varie applicazioni sul social network.

Fonte: AGI China 24
Via: Reuters

Fastweb Academy: migliorare utilizzo di Internet e social network


FASTWEB presenta FASTWEB Academy, una serie di incontri dedicati a chi vuole orientarsi nel mondo dei social media e delle tecnologie e a chi vuole utilizzare Internet per il proprio business. L'obiettivo delle lezioni è quello di migliorare l'alfabetizzazione e l'uso degli strumenti digitali nella vita di tutti i giorni anche per quelle persone che per età e per stili di vita non vi si sono ancora avvicinati. 

Le lezioni, tenute da blogger e esperti informatici, si tengono a Milano in corso Vercelli 9 presso il negozio di proprietà FASTWEB e sono fruibili anche in rete sul sito fastwebacademy.it. “Con questa iniziativa FASTWEB vuole dare il proprio contributo all'eliminazione delle barriere di conoscenza che impediscono a parte della popolazione di accedere alla rete” ha dichiarato Danilo Vivarelli, Direttore della Divisione Consumer & Microbusiness di FASTWEB. 

“Siamo convinti che Internet sia di tutti e per tutti”. Gli incontri sono articolati su tre diversi livelli. Negli incontri Entry Level si impara a utilizzare l'e-mail e i motori di ricerca, a comparare le offerte in rete e ad acquistare in modo sicuro, a divertirsi e informarsi su Facebook e Twitter, a parlare con parenti lontani utilizzando la videocomunicazione via Internet. Business Level è invece riservato a chi vuole capire come utilizzare la rete per far crescere il proprio business. 

Il sito Internet, l'utilizzo dei social media, la videocomunicazione, i sistemi di geolocalizzazione costituiscono strumenti efficaci per trasformare un'idea o una passione in una fonte di reddito. Infine Top Skilled Level è un'occasione, per chi già conosce e utilizza la rete, di incontrarsi e discutere sulle tendenze dei social network. Salgono in cattedra blogger ed esperti, selezionati in base alla loro competenza, capacità di comunicare e accomunati dalla convinzione che le barriere all'ingresso del mondo dell'informatica si possano abbattere. Perchè Internet è come la vita, non si finisce mai di imparare.

Fonte: FASTWEB

domenica 27 novembre 2011

Obbligo iscrizione PEC al Registro Imprese, la PEC gratuita Aruba


Aruba PEC, Gestore Certificato accreditato presso DigitPA, ha lanciato qualche mese fa il sito www.pecgratuita.it che permette alle imprese di avere una casella PEC per dodici mesi gratuitamente. A meno di due giorni dalla scadenza per l’obbligo di iscrizione al Registro delle Imprese della casella PEC aziendale, Aruba invita tutte le società che ancora non si sono conformate all’obbligo legislativo a sottoscriverla gratuitamente su www.pecgratuita.it e comunicarla al Registro Imprese. 

Il mancato rispetto del termine ultimo per la comunicazione, secondo quanto indicato dalla circolare 465/c divulgata dal Ministero dello Sviluppo Economico, comporta infatti l’applicazione delle sanzioni previste dall’art. 2630 del Codice Civile, in capo al legale rappresentante dell’azienda stessa. Dal 29 novembre 2011 tutte le società iscritte al Registro delle Imprese dovranno essere dotate di una casella di Posta Elettronica Certificata (PEC) alla quale chiunque, comprese la Pubblica Amministrazione, potrà trasmettere comunicazioni destinate all'impresa (per maggiori dettagli vedere i riferimenti normativi).

In particolare, l’offerta di Aruba PEC – valida fino al 29/11/2011 - prevede l’attivazione di una casella PRO+SMS con le seguenti caratteristiche:
• Casella PEC da 5GB con traffico illimitato (2 GB Caselle + 3 GB Archivio)
• Report SMS
• Archivio di sicurezza
• Accesso dai più comuni client di posta (Outlook, Outlook Express, Thunderbird, Eudora)
• Accesso via web, attraverso canale sicuro https://webmail.pec.it
• Dimensione max messaggio (Compresi allegati) 50MB
• Ricezione e-mail non certificate (opzione configurabile tramite https://webmail.pec.it)
• Assistenza telefonica e tramite ticket
• Filtri e regole per messaggi in arrivo
• Invio contestuale del messaggio fino a 500 destinatari
• Dichiarazione Certificazione Casella
• Conformità alla normativa vigente (DPR 11 febbraio 2005 n.68, DM 2 novembre 2005)
• Validità legale dei messaggi inviati/ricevuti
• Ricevuta di avvenuta e mancata consegna
• Non ripudiabilità del messaggio inviato/ricevuto
• Garanzia dell'identità del mittente
• Antivirus & Antispam


Alla scadenza la casella potrà essere rinnovata scegliendo una delle tipologie disponibili (Standard, PRO o PRO+SMS), con prezzi a partire da 5€+IVA all’anno. Le caselle di Posta Elettronica Certificata sono attive fino al raggiungimento della data di scadenza. In prossimità della scadenza è necessario contattare il Gestore del servizio e provvedere al rinnovo del certificato. In caso di rinnovo, anche successivo alla scadenza, non è necessaria alcuna dichiarazione aggiuntiva al Registro Imprese. 

Il gruppo Aruba è leader italiano nei servizi di web hosting, e-mail e registrazione nomi a dominio e si posiziona tra le prima 5 società in Europa e nella top 10 mondiale. Fondata nel 1994, l’azienda ha sedi ed uffici in Italia, Francia, Repubblica Ceca e altri paesi europei. Nel 2007 è nata, all’interno del gruppo, Aruba Pec S.p.A., Gestore Certificato e Autorità di Certificazione accreditata presso il DigitPA e presente nell’elenco pubblico dei gestori di Posta Elettronica Certificata. Aruba Pec eroga servizi di posta elettronica certificata, marcatura temporale, firma digitale massiva automatica, conservazione sostitutiva ed altri servizi di supporto alla dematerializzazione dei documenti.




Via: SCM

TNT lancia la posta ibrida sul nuovo sito, al via tracciamento GPS


TNT Post Italia è stato il primo operatore privato ad entrare nel mercato postale nazionale. L’azienda ha lanciato da qualche giorno il nuovo portale www.tntpost.it dove sono stati lanciati servizi innovativi, tra cui “Formula Ibrida” primo esempio di creazione di posta in digitale e ricezione in carta. In pratica registrandosi sul sito è possibile creare la propria corrispondenza scrivendo lettere, raccomandate, cartoline, direttamente seduti davanti al computer e inviarle comodamente al destinatario. TNT provvederà a stampare il testo inserito su modelli conformi allo standard nazionale e li invierà al destinatario nella modalità prescelta. Uno dei vantaggi è che l’azienda ha introdotto la possibilità, direttamente dal sito, di tracciare la propria spedizione “ibrida” grazie al sistema track & race con tecnologia satellitare di cui la stessa TNT ha introdotto in diverse zone del mondo. Con Formula Certa, grazie alla tecnologia satellitare, viene tracciato il percorso di ogni singola busta rilevandone il luogo, la data e l'ora di consegna. Un tracking via Web che permette di sapere dove si trova la spedizione in un preciso momento.


Per fidelizzare i clienti che intendono gestire in questa maniera alternativa l’invio di posta, il portale prevede la creazione di una vera e propria rubrica di indirizzi che consente di fatto di lavorare in un ambiente virtuale basato sull’affidabilità della società postale. Per completare il proprio ufficio virtuale c’è la possibilità di effettuare l’upload di file dal proprio computer da gestire poi sul sito. Si va dai file in Excel per le liste ai PDF e Word da allegare alle raccomandate, fino alle immagini (JPEG, BMP, TIFF) con le quali personalizzare cartoline e lettere per compleanni, occasioni e festività. Anzi proprio durante il periodo natalizio TNT Post ha aperto la sezione “Cartoline di Natale” per creare un messaggio di auguri in digitale e recapitarlo stampato nelle zone coperte dal servizio consultabili dal sito. Gli utenti possono pagare i servizi fruiti su TNT Post attraverso il sistema MyPost che consente di aprire un conto ricaricabile, senza costi di attivazione, sia per imprese che privati. Il sistema preleva il denaro direttamente da carta di credito in collaborazione con la piattaforma CartaSi.

Fonte: La Stampa

sabato 26 novembre 2011

Kaspersky Lab estende la propria partnership con la Scuderia Ferrari


Kaspersky Lab, leader nelle soluzioni di sicurezza IT, annuncia l’estensione della propria partnership con la Scuderia Ferrari. Nel corso dell’ultima gara del Gran Premio di Formula Uno 2011, che si terrà a San Paolo, l’azienda illustrerà i dettagli del nuovo contratto per le prossime due stagioni. 

La partnership tra Kaspersky Lab e la Scuderia Ferrari, che ha portato notevoli benefici ad entrambi, è in continua evoluzione. In base al nuovo accordo, il logo Kaspersky Lab guadagnerà maggiore visibilità durante le gare della stagione 2012 e 2013. Il logo dell’azienda verrà posizionato sia sulla parte frontale che su entrambi i lati della monoposto, triplicando la propria visibilità. 

Il logo Kaspersky Lab verrà posizionato anche sulle tute dei piloti della Scuderia Ferrari e sulle uniformi del team. Tutto questo è in linea con la strategia globale di sviluppo del brand di Kaspersky Lab. “Siamo entusiasti dell’ulteriore sviluppo della nostra partnership con la Scuderia Ferrari. Le nostre aziende hanno molti valori in comune: puntiamo in alto e siamo alla continua ricerca dell’eccellenza”, ha dichiarato Eugene Kaspersky, Presidente e CEO di Kaspersky Lab. 

“Perseguiamo i nostri obiettivi attraverso tecnologie avanzate, expertise e innovazione, realizzando prodotti di altissima qualità e affidabilità. Kaspersky Lab combatte il cybercrime da oltre 14 anni, monitorando costantemente gli ultimi trend del settore. Per questo, il concetto di velocità ci è particolarmente familiare e siamo felici di vedere il nostro logo sulle monoposto Scuderia Ferrari Formula Uno”. 

Kaspersky Lab ha fatto il proprio ingresso nel mondo della Formula Uno nel maggio 2010 nel corso del Gran Premio di Spagna, presso l’autodromo di Barcellona. L’azienda è stata inizialmente sponsor del team AF Corse della serie Le Mans in qualità di sponsor tecnico della Scuderia. Sei mesi dopo, Kaspersky Lab è diventata sponsor ufficiale del team, posizionando il proprio logo sulle auto della Scuderia sia in Formula Uno che nella serie 458 Italia GT2, che gareggiava nel campionato Le Mans. 

La partnership ha visto la prima evoluzione nel marzo 2011, quando l’azienda ha siglato un accordo di licensing per la commercializzazione di prodotti co-branded Kaspersky Internet Security Special Ferrari Edition. Questa soluzione di sicurezza, dotata di interfaccia utente con look and feel Ferrari e del gioco di video simulazione Ferrari Virtual Academy, ha sposato perfettamente la migliore tecnologia anti malware Kaspersky Lab con l’immagine della Scuderia Ferrari.

Fonte: Kaspersky Lab
Immagine: Kaspersky

Nuovi servizi di sicurezza nella nuvola pan-europea di Interoute


Interoute, proprietaria della più grande piattaforma per servizi Cloud in Europa, ha risposto alla crescente minaccia dei reati informatici sviluppando ulteriormente i servizi di sicurezza all'interno della sua nuvola privata pan-europea. Servizi specifici in continuo aggiornamento per proteggere le aziende e i loro sistemi di messaggistica, bloccare i contenuti ambigui e i Distributed Denial of Service (DDoS), attacchi in cui si cerca di condizionare il funzionamento di un sistema informatico disabilitando le prestazioni dei siti e delle reti.

KWD Webranking 2011, Telecom Italia si conferma miglior sito Web



Giunta alla 15esima edizione, la ricerca annuale KWD Webranking Europe 500 (precedentemente noto come H&H Webranking) conferma due società italiane sul podio della classifica: Telecom Italia ed Eni. Telecom Italia, con 89 punti su 100 potenziali, raggiunge la vetta della classifica spodestando Eni, che, vincitrice delle precedenti tre edizioni, scende in seconda posizione con 87 punti. 

La tedesca BASF sale di una posizione e raggiunge il terzo gradino del podio con 83 punti. Entra in Top10 al quarto posto l’operatore energetico iberico Repsol YPF. Buone performance anche quelle segnate dalla svedese SCA e dalla norvegese Neste Oil, che salgono rispettivamente al quinto e sesto posto. Deutsche Post DHL, che nella scorsa edizione della ricerca si era guadagnata la seconda posizione, scivola quest’anno al settimo posto con 79 punti. Perde alcune posizioni anche la società energetica finlandese Fortum che scende in ottava posizione con 78,5 punti.

UniCredit Group si conferma primo gruppo finanziario in Europa, ma perde il sesto posto ottenuto nel 2010 chiudendo in nona posizione con 77,25 punti complessivi. Danske Bank, conquista dodici posizioni e chiude la rosa delle prime dieci classificate con 76,5 punti. L’operatore energetico russo Baschneft si aggiudica il titolo di società best improver, poiché, grazie al lancio del nuovo sito, riesce a migliorare il proprio punteggio di 17,75 punti rispetto al 2010. 

Snam Rete Gas, Generali e Terna sono tra le prime 20 classificate. Il punteggio medio del KWD Webranking per le aziende italiane è comunque sceso tornando a quello del 2009. "Per il quinto anno consecutivo una società italiana detiene la corona europea - spiega Sara Rusconi, responsabile della ricerca KWD Webranking - Questo dimostra che diverse società italiane credono nella comunicazione sul web e da anni si impegnano in questo campo". Rapporto completo: http://www.luxottica.com/export/sites/default/shared/files/company/2011_11_24_KWD_Webranking_2011_Europe_500_Executive_Summary.pdf

KWD Webranking 2011 Italy Top100


Immagine: PR Web

KeySecure di SafeNet, prima piattaforma basata su standard KMIP

SafeNet, uno tra i principali produttori di soluzioni per la protezione dei dati, annuncia la disponibilità immediata di KeySecure™, la prima soluzione di Enterprise Key Management (EKM) basata sullo standard KMIP ad essere lanciata sul mercato e caratterizzata da un’elevata sicurezza. KeySecure consente alle organizzazioni di proteggere, gestire e controllare a livello centrale dati, chiavi e policy attraverso una vasta gamma di sistemi enterprise eterogenei, utilizzando un dispositivo hardware pre-configurato e facile da istallare. KeySecure di SafeNet è la prima piattaforma EKM hardware-based presente sul mercato, basata su OASIS Key Management Interoperability Protocol (KMIP 1.0), un protocollo completo per la comunicazione tra i sistemi aziendali di gestione delle chiavi e sistemi di crittografia.

Attraverso le piattaforme basate su standard KMIP, le organizzazioni hanno la possibilità di semplificare la gestione delle chiavi, di garantire la conformità normativa e ridurre significativamente i costi operativi. KeySecure fornisce funzionalità di gestione robuste e di livello enterprise del ciclo di vita delle chiavi e consente una gestione centralizzata di milioni di chiavi di crittografia e di policy attraverso una piattaforma hardware, coprendo dati di tipo eterogeneo in tutta l’azienda, dal data center agli ambienti virtualizzati pubblici e privati. L’introduzione sul mercato di KeySecure di SafeNet, e la crescente adozione dello standard KMIP, giunge in un momento in cui il mercato si trova a un bivio tecnologico.

Le crescenti minacce esterne, l’espansione dei requisiti normativi e la migrazione a infrastrutture virtualizzate e basate su cloud stanno imponendo sempre più un approccio unificato per la gestione di ambienti multi vendor, ambienti condivisi e quelli gestiti da altre organizzazioni, come i fornitori di servizi cloud. Attraverso la crescente disponibilità di soluzioni di sicurezza basate su standard KMIP, le organizzazioni possono decidere una protezione, un controllo e una gestione centralizzata dei propri dati attraverso i sistemi, sia in data center fisici che in quelli che si muovono verso ambienti virtualizzati o basati su cloud.

Attraverso la partecipazione attiva al comitato tecnico OASIS KMIP, SafeNet sta lavorando con altri operatori del settore per guidare lo sviluppo e la documentazione degli standard per la gestione dell’interoperabilità. Come risultato di questa leadership e l’introduzione di soluzioni leader di mercato come KeySecure, SafeNet è diventata una forza trainante nell’adozione degli standard e nella trasformazione dell’approccio alla protezione dei dati, della conformità alle normative e delle metodologie di controllo. Per saperne di più sulla tecnologia di gestione delle chiavi a livello enterprise di SafeNet, visitate il link: http://www.safenet-inc.com/solutions/data-protection/enterprise-key-management/. Per maggiori informazioni su KeySecure, visitate http://www.safenet-inc.com/products/data-protection/enterprise-key-management/keysecure/.

Fonte: Text 100
Immagine: Businesswire

venerdì 25 novembre 2011

Corte di Giustizia Ue vieta filtri antipirateria sui contenuti Internet


Non si possono imporre filtri al web per impedire agli utenti di scaricare file pirata, perché questa pratica è contraria al diritto comunitario. La Corte di Giustizia Europea ha stabilito, con una sentenza emessa oggi a Lussemburgo, che i fornitori di accesso ad Internet (Internet Provider) non possono filtrare o bloccare le comunicazioni elettroniche fra gli utenti, neanche quando questo è loro richiesto dai gestori o detentori dei diritti d'autore per prevenire attività di pirateria elettronica, e in particolare il 'downloading' e la condivisione ('file sharing') non autorizzati di contenuti protetti da copyright intellettuale.

La causa è scaturita da una controversia, in Belgio, tra Scarlet Extended Sa, un fornitore di accesso a Internet, e Sabam, una società di gestione (una sorta di Siae belga) incaricata di autorizzare l'utilizzo da parte di terzi delle opere musicali protette da copyright a vantaggio di autori, compositori ed editori. Nel 2004 la Sabam aveva scoperto che alcuni utenti di Internet abbonati a Scarlet scaricavano da Internet, senza autorizzazione e senza pagarne i diritti, opere contenute nel suo catalogo, utilizzando reti 'peer-to-peer' per la condivisione dei contenuti scaricati, e si era rivolta al tribunale per far cessare questa pratica.

In un primo tempo, il giudice belga aveva ordinato a Scarlet di far cessare queste violazioni del diritto d'autore, rendendo impossibile ai suoi clienti qualsiasi forma di invio o di ricezione mediante un programma 'peer to peer' di file che contenessero un'opera musicale appartenente al repertorio della stessa Sabam. Ma oggi, rispondendo a una richiesta della Corte d'appello di Bruxelles, a cui si era successivamente rivolta Scarlet contestando l'ingiunzione, la Corte europea ha ricordato che le norme nazionali miranti a far rispettare il diritto d'autore devono essere compatibili con la direttiva Ue sul commercio elettronico.

E ha stabilito che, secondo la direttiva, non si possono obbligare i fornitori di accesso a Internet a predisporre una sorveglianza generalizzata sulle informazioni trasmesse dai clienti sulla propria rete. La sentenza, che si applica a tutto il territorio dell'Ue, dà ragione alle associazioni dei consumatori, ai difensori della libertà sulla rete e alle società che forniscono accesso a Internet, a partire dalle compagnie di telecomunicazioni, e rappresenta invece un duro colpo per le società di gestione dei diritti d'autore, per i produttori di film, musica e software e in generale per gli interessi economici dell'industria culturale. Link: http://curia.europa.eu/jcms/upload/docs/application/pdf/2011-11/cp110126en.pdf

Fonte: TM News

Polizia di Stato e Striscia la Notizia partnership per la lotta alle truffe


La Polizia di Stato e la redazione di Striscia la notizia mettono insieme le loro "indagini" per dare ai cittadini la possibilità di difendersi dalle truffe. Sul sito www.poliziadistato.it saranno pubblicate, a partire da lunedì 28 novembre, con cadenza settimanale, le descrizioni dei raggiri più diffusi, arricchite dai video realizzati dalla redazione di "Striscia la notizia". La Polizia di Stato spiegherà come avvengono questi reati e quali sono, in genere, le persone prese di mira. 

L'iniziativa vuole richiamare l'attenzione delle potenziali vittime, spesso anziane, ma soprattutto dei familiari e dei loro conoscenti. ''Tutti possiamo essere vittime di una truffa. Non solo gli anziani , ma ciascuno di noi può finire nella trappola dei truffatori'', ricorda la Polizia di Stato, annunciando l'iniziativa congiunta. ''I truffatori, infatti, sono la categoria di criminali più subdoli e intelligenti. 

Non usano la forza (come i rapinatori) nè si nascondono (come i ladri). Sono i più pericolosi perchè conoscono l'arte della seduzione (nel senso di saper 'conquistare' la fiducia delle persone) e sanno come eliminare la diffidenza delle loro vittime, farli sentire sicuri della bontà delle loro proposte, della richiesta di aiuto che fanno e poi depredarle''. Sono molte le tecniche che gli imbroglioni mettono in scena con grande abilità, tanto da rendere credibili le loro storie e spillare soldi ai malcapitati. 

È della scorsa settimana, ad esempio, l'ultima truffa scoperta dalla polizia ai danni di alcuni abitanti di una zona di Roma, convinti a firmare nuovi contratti per la fornitura di elettricità e gas. Il malvivente entrava nei condomini e, dopo aver rubato dalle cassette della posta le buste con le bollette, utilizzava i dati degli utenti per stipulare a loro insaputa nuovi contratti con la società per cui lavorava. Le indagini della polizia, iniziate grazie alle denunce di alcuni cittadini, si sono concluse con la denuncia di un 35enne romano, dipendente di una società di servizi, che aveva raggirato centinaia di persone.





Fonte: Polizia di Stato
Via: Blitz Quotidiano

Film gratis su Smart TV Lcd Samsung e CuboVision Telecom Italia


Syriana, Two Week Notice, Scooby Doo e I Pirati dei Caraibi. Ma anche 300, Ho Voglia di Te e Amore, Bugie e Calcetto. Sia in HD che in 3D. Sono alcuni dei 60 film che i possessori di una Smart TV possono vedere gratuitamente. L’offerta viene proposta da Samsung in collaborazione con Cubovision. Attivando il servizio di streaming, è possibile ricevere il voucher (digitale) per la visione delle pellicole. 

Samsung Smart TV. In occasione del lancio della promozione, Paolo Sandri, vicepresidente Audio Video HA Samsung Electronics Italia, spiega che "CuboVision TV ci permette oggi di offrire al mercato un servizio esclusivo e unico che garantisce un’esperienza altamente coinvolgente, ricca di contenuti e dinamica e conferma la nostra leadership nei segmenti premium dei TV 3D LED Smart TV". Smart Tv è un nuovo modo di concepire il TV, sempre più ricco di contenuti in continua espansione.

Accanto a questa possibilità, la casa sudcoreana dà la possibilità a chi acquista una TV LED in 3D da almeno 40 pollici, di fare suo, al prezzo simbolico di un euro, un 3D Pack contenente 3 occhiali per la visione di film in 3D e il DVD in Blu-Ray 3D di Oceani. Aggiunge Paolo d’Andrea, responsabile Innovative VAS di Telecom Italia: 

“Con la nostra presenza sulle innovative Smart TV di Samsung, CuboVision risponde alla sua missione di multipiattaforma TV, ricca di contenuti digitali fruibili in modalità multicanale, senza vincoli di tempo e di luogo. Grazie alla sua versatilità e alla sua vocazione per l’intrattenimento, CuboVision sposa ottimamente le avanzate caratteristiche dei televisori connessi Samsung, ribadendo il primato di Telecom Italia nel nostro paese e il suo rilievo internazionale sul fronte dell’innovazione”. Link: Smart Tv Samsung




Fonte: Samsung
Via: Elettronic Planet

Libero.It lancia offerta di cloud computing per il mercato europeo


Libero Srl, società nata a maggio 2011 dallo spin off di WIND, lancia Libero Cloud, un’offerta innovativa di cloud computing rivolta al mercato europeo basata sulla tecnologia di  "smart computing", sviluppata dalla start-up americana Joyent, che assicura eccellenti prestazioni e una delle piu’ moderne soluzioni di cloud computing presenti oggi sul mercato. Libero Cloud è la piattaforma ideale per ospitare applicazioni pubbliche e private che vanno dal semplice sito web, al sito di e-commerce, fino alla più complessa applicazione aziendale, con i vantaggi di scalabilità ed elasticità tipici delle soluzioni in cloud. 

La piattaforma consente di configurare un completo data center in grado di soddisfare le piu’ articolate esigenze applicative scegliendo macchine virtuali fino a 96 GB di RAM e 12 CPU, con sistemi operativi Joyent SmartOS, Linux o Windows, data base machines MySQL e traffic managers Zeus (IaaS). Inoltre, per lo sviluppo applicativo sono disponibili le macchine virtuali Node.js basate sul linguaggio "server-side" Java Script, particolarmente adatto allo sviluppo di mobile apps e di applicazioni real-time (PaaS). 

Libero Cloud è ospitato nei data center di ITnet dislocati a Milano, Roma e Genova ed è in grado di assicurare i più elevati standard di sicurezza ed affidabilità, incluse le soluzioni di disaster recovery. L’infrastruttura hardware utilizza server Dell della serie PowerEdge e i collegamenti a Internet sono assicurati dalla rete di WIND, che permette di raggiungere in modo ottimale anche i punti più periferici della rete Italiana (round trip < 30 ms).  

"Libero Cloud - afferma Antonio Converti, amministratore delegato di Libero Srl - vuole anche indirizzare i temi espressi nell’Agenda Digitale del sistema Italia, fornendo una piattaforma in grado di rendere piu’ competitivo il sistema delle PMI Italiane sul mercato globale”. ”La nostra collaborazione combina l’esperienza nei servizi di data center di Itnet e la leadership di Libero sul web con l’innovativa e consolidata tecnologia cloud di Joyent” afferma Philippe Weppe, Presidente EMEA di Joyent.

Fonte: ASCA
Via: Primaonline

Buon compleanno Virgilio: festeggia 15 anni e nuovo servizio mail


Virgilio.it compie 15 anni, il portale gestito da Matrix, società del gruppo Telecom Italia, il primo in tutta Italia per numero di utenti unici mensili. Il 27 novembre, in occasione di san Virgilio, festeggerà il suo 15esimo anno di vita presentando un nuovo servizio mail. Tre giga di spazio e la possibilità di inviare allegati fino a due giga di peso, condivisione delle immagini sui social network e anteprima degli allegati sono alcune delle novità del server di posta. Fra queste anche un nuovo layout che permette azioni immediate sui file, le immagini, la musica, video e testi. 

Mail Collector è il centro di comunicazione che permette di visualizzare tutte le proprie caselle di posta. Non solo, cambia la gestione dei file, presto condivisibili anche su Facebook. Dal 1996, Virgilio di strada ne ha fatta tanta. Nato come motore di ricerca e directory di siti Web, curato da una squadra di redattori si è da subito imposto come un punto di partenza per i primi internauti italiani. Due anni dopo Virgilio si evolve in portale di accesso a contenuti informativi più ampi e servizi come mail, messenger, chat e siti personali. 

In questi anni viene lanciato Peppino, il celebre volto con cui il portale era pubblicizzato con lo slogan: "Virgilio, il bello di Internet". Nel 2005 entra nel Gruppo Telecom Italia e l'anno seguente sviluppa strumenti che in seguito verranno definiti "2.0", puntando sui contenuti generati dagli utenti come video, notizie e blog. Nel 2009 Virgilio si fa "local" e crea ben 8.100 portali ognuno per ogni comune d'Italia, i contenuti da allora sono georeferenziati e sono fruibili su pc, cellulare, smartphone e tablet. 

A 15 anni di distanza il portale, è una piattaforma consolidata di blog e può contare oltre 100 mila blog esistenti e 360 mila siti personali; ha una community costituita da 6 milioni di utenti registrati; mentre ogni giorno sono 4mila gli account creati su Virgilio Mail; due milioni le "query" di ricerca al giorno. Il sito è aggiornato in tempo reale con notizie e contenuti di intrattenimento. E se nel 1998 Virgilio generava un traffico di rete pari a 6 megabit al secondo, oggi arriva a oltre 2 gigabit nelle ore di punta, in pratica è come se recapitasse agli utenti un corrispettivo di 375 mila libri di medie dimensioni. Link: Anniversario Virgilio.it


Fonte: TMNews
Immagine: Virgilio

Arriva in Italia Samsung Galaxy Nexus, in vendita dal 1° Dicembre


Dopo il lancio dello scorso 17 Novembre nel Regno Unito e in altri paesi europei, il terzo smartphone della famiglia Nexus di Google arriverà con l'inizio del prossimo mese. Il 1 Dicembre infatti il telefonino debutterà ufficialmente anche nel Bel Paese. Il prezzo di riferimento è di 599 euro per la versione con 16 GB di memoria interna e di 649 euro per quella con 32 GB. Smartphone Google Certified - Galaxy Nexus è il terzo telefonino in grado di offrire un'esperienza 'pure Google'. 

Significa che chi lo acquista sarà sempre sicuro (almeno nei primi anni) di ricevere gli aggiornamenti del sistema operativo Android prima degli altri e di essere trattato con i guanti di velluto. Lo smartphone inoltre è il primo al mondo a disporre del nuovo Android 4.0 Ice Cream Sandwich. Android 4.0 ICS andrà a sostituire gradualmente le versioni 2.x (precedentemente dedicate agli smartphones) e quelle 3.x Honeycomb (che erano invece ottimizzate esclusivamente per i tablet).

Leggero, sottile, con ampio schermo HD. Android 4.0 è sinonimo di velocità, personalizzazione e affidabilità. Se si stava aspettando con impazienza quella che era stata annunciata come la "next big thing", ecco che finalmente è arrivato il momento di mettere la mano al portafoglio. Ricordiamo che Samsung Galaxy Nexus è un modello presentato a inizio Ottobre

Fa parte della famiglia Nexus (dopo HTC Nexus One e Samsung Nexus S) e pertanto è e sarà sempre tra i primi a ricevere aggiornamenti al sistema operativo. A livello mondiale è il primo smartphone a disporre di Android 4.0 Honeycomb. Ha un imponente schermo a 4,65 pollici di diagonale e con risoluzione HD 720p. Consente di registrare video HD 1080p, ha una fotocamera a 5 Megapixel e mette a disposizione diverse opzioni di connettività. Segnaliamo anche la presenza di Google Maps 5 con mappe 3D e indicazioni vocali (è necessaria, per questa funzione, la connessione a internet). Link: Samsung Galaxy Nexus



Fonte: Internet Tablet
Via: Electronic Planet
Immagine: Samsung
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...