venerdì 28 ottobre 2011

VirtualBox 4.1.4, virtualizzazione potente e leggera disponibile a tutti


VirtualBox è un potente prodotto per la virtualizzazione x86 AMD64/Intel64 sia per le imprese così come per l'uso domestico. VirtualBox non è soltanto estremamente ricco di funzionalità, un prodotto ad alte prestazioni per i clienti enterprise, è anche l'unica soluzione professionale che è liberamente disponibile come software Open Source sotto i termini della GNU General Public License (GPL) versione 2

A volte si vorrebbe testare giochi, programmi o navigare su siti che non si considerano affidabili, ma si evita di farlo perché si teme di compromettere la stabilità del proprio sistema Windows. Altre volte capita di voler provare un nuovo sistema operativo, ma ci si ferma perché non si sa come creare un dual boot o non si vuol partizionare l'hard disk. 

In questi casi si ha bisogno della virtualizzazione, ed è qui che arriva in aiuto Oracle VM VirtualBox 4.1.4, un programma che permette di eseguire all'interno del proprio sistema Windows (host) un altro OS virtuale (guest). VirtualBox è in grado di gestire le immagini di macchine virtuali create con i prodotti VMWare e di supportare l'accesso ad unità disco e partizioni "fisiche". Le tecniche e le caratteristiche che VirtualBox fornisce sono utili per diversi scenari:

  • L'esecuzione di più sistemi operativi simultaneamente. VirtualBox consente di eseguire più sistemi operativi contemporaneamente. In questo modo, è possibile eseguire software scritto per un sistema operativo su un altro (ad esempio, il software Windows su Linux o Mac) senza dover riavviare per usarlo. Dal momento che è possibile configurare quali tipi di hardware "virtuale" da presentare per ogni sistema operativo, è possibile installare un vecchio sistema operativo come DOS o OS / 2, anche se l'hardware del computer vero e proprio non è più supportato da tale sistema operativo.
  • Installazioni di software più facili. I produttori di software possono utilizzare macchine virtuali per intere configurazioni software. Per esempio, l'installazione di una soluzione completa di server di posta su una macchina reale può essere un compito noioso. Con VirtualBox, ad esempio una configurazione complessa (spesso chiamato "appliance") può essere imballata in una macchina virtuale. L'installazione ed esecuzione di un server di posta diventa facile come importare un appliance in VirtualBox.
  • Test e disaster recovery. Una volta installato, una macchina virtuale ed i suoi dischi rigidi virtuali possono essere considerati un "contenitore" che può essere arbitrariamente congelato, svegliato, copiato, salvato, e trasportato tra host. Oltre a questo, con l'utilizzo di un'altra caratteristica VirtualBox chiamato "snapshots", si può salvare un particolare stato di una macchina virtuale e ritornare a quello stato, se necessario. In questo modo, si può liberamente sperimentare un ambiente di elaborazione. Se qualcosa va storto (ad esempio dopo l'installazione del software con comportamento anomalo o infettato da un virus), si può facilmente tornare a uno snapshot precedente ed evitare la necessità di frequenti backup e ripristino. Possono essere creati aualsiasi numero di snapshot, che consentono di viaggiare indietro e avanti nel tempo nella macchina virtuale. È possibile eliminare le istantanee, mentre una macchina virtuale è in esecuzione per recuperare spazio su disco.
  • Consolidamento delle infrastrutture. La virtualizzazione può ridurre significativamente i costi hardware e di energia elettrica. La maggior parte del tempo, i computer oggi utilizzano solo una frazione del loro potenziale potere ed eseguono con un debole carico del sistema. Un sacco di risorse hardware come l'elettricità sono quindi sprecate. Così, invece di correre a molti computer fisici che sono solo parzialmente utilizzati, si possono imballare tante macchine virtuali su host potenti e bilanciare il carico tra di loro.

Con Oracle VM VirtualBox si potrà creare facilmente una macchina virtuale grazie a un wizard pratico e completamente in italiano.  Attualmente VirtualBox gira su Windows, Linux, Macintosh, Solaris e gli host e supporta un gran numero di sistemi operativi guest , compreso ma non limitato a Windows (NT 4.0, 2000, XP, Server 2003, Vista, Windows 7), DOS / Windows 3 . X, Linux (2.4 e 2.6), Solaris e OpenSolaris, OS / 2, e OpenBSD. VirtualBox è attivamente sviluppato con frequenti rilasci ed ha una lista sempre crescente di funzioni, sistemi operativi guest supportati e le piattaforme su cui può girare. 

Se dovessero sorgere problemi, VirtualBox ha un ricompilatore dinamico, come gli altri software di virtualizzazione. Il ricompilatore di VirtualBox si basa su QEMU. VirtualBox è uno sforzo della comunità sostenuta da una società dedicata: tutti sono incoraggiati a contribuire mentre Oracle garantisce che il prodotto incontri sempre i criteri di qualità professionale. Il download di Virtual Box 4.1.4 è possibile eseguirlo direttamente da qui https://www.virtualbox.org/wiki/Downloads. Si prega inoltre di dare un'occhiata alle FAQ di licenza, in particolare per quanto riguarda l'uso del nome VirtualBox.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...