lunedì 26 settembre 2011

Antitrust: Schmidt difende Google dall'accusa di abuso dominante


In un'udienza davanti alla commissione Giustizia del Senato, il presidente ed ex amministratore delegato Eric Schmidt ha difeso il comportamento del colosso di Mountain View dalle accuse di abuso di posizione dominante mosse da Yelp e Nextag, rivali dell'azienda nel settore del commercio online. 

Schmidt, ha anche cercato di prendere le distanze da Microsoft, che è stato il bersaglio di un'azione antitrust degli Stati Uniti alla fine del 1990. Durante un'ora e mezza di testimonianza, Schmidt ha sottolineato ripetutamente che gli algoritmi di ricerca di Google sono studiati per restituire i migliori risultati per gli utenti e non danno la preferenza ai propri prodotti o servizi.

"Con i motori di ricerca divenuti sempre più parte integrante del commercio online, Google è diventato ancora più dominante e potente, e sembra che il suo obiettivo aziendale potrebbe essere stato modificato", ha detto il presidente della commissione Giustizia Herb Kohl, "le recenti acquisizioni hanno trasformato l'azienda da semplice motore di ricerca a conglomerato internet". 

Secondo gli amministratori delegati di Yelp Jeremy Stoppelman e di Nextag Jeffrey Katz "Google non gioca secondo le regole". Stando alle accuse, nell'espandere le proprie attività il motore di ricerca avrebbe cominciato a favorire i siti del gruppo. Schmidt si è difeso sostenendo che l'obiettivo del motore di ricerca Google rimane quello di orientare gli utenti verso l'informazione più utile. 

Schmidt ha anche detto che l'uso di Google è una scelta per i consumatori e si può sempre andare altrove. "Se non ti piace la risposta che fornisce di ricerca di Google, è possibile passare ad un altro motore con un click, letteralmente," ha detto. Secondo la società di monitoraggio comScore, Google ha rappresentato il 64,8 % della quota di mercato di ricerca statunitense nel mese di agosto seguito da Yahoo! con il 16,3 % e Microsoft con il 14,7 %.

Via: Tmnews
Foto: AFP

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...