giovedì 4 agosto 2011

Google contro tutti: campagna ostile e organizzata contro Android


Google ha accusato Microsoft, Apple e Oracle e altre aziende di condurre una "campagna ostile e organizzata" contro il suo sistema operativo per dispositivi mobili, Android. Secondo David Drummond, Chief Legal Officier di Google, queste si starebbero muovendo per fare in modo che Android debba rispondere delle proprietà intellettuali violate (250.000 brevetti sarebbero coinvolti nello sviluppo di un normale smartphone). 

"Oltre 550.000 dispositivi Android sono attivati ​​tutti i giorni , attraverso una rete di 39 produttori e 231 vettori. Android e altre piattaforme sono in competizione con forza l'una contro l'altra, ma la campagna organizzata contro Android da Microsoft, Oracle, Apple è condotta attraverso brevetti falsi", ha dichiarato Drummond. A giugno, un gruppo comprendente anche Apple e Microsoft si sono assicurati oltre 6mila brevetti dalla canadese Nortel, superando i 900 milioni di dollari offerti da Google grazie a un offerta pari a 4,5 miliardi di dollari. 

"Lo scopo è quello di rendere più difficile per i produttori vendere i dispositivi Android. Invece di competere con la costruzione di nuove funzionalità o dispositivi, si lotta per vie legali. Questa strategia è anticoncorrenziale e sta innalzando il costo dei brevetti a dismisura", ha aggiunto Drummond. Brad Smith, Microsoft General Counsel, ha negato tale accusa, dicendo che la sua società ha chiesto a Google di partecipare alla gara. 

"Google sostiene che abbiamo acquistato i brevetti di Novell per preservarli da Google," ha detto Smith in un messaggio su Twitter. "Davvero? Abbiamo chiesto loro di fare offerte in collaborazione con noi. Hanno detto di no". Il Dipartimento di Giustizia Usa sta esaminando l’accordo Nortel per valutare se possa essere sleale e dannosa alla concorrenza nel settore degli smartphone. 

Se il Dipartimento di Giustizia non contesta la transazione, gli offerenti vincenti controlleranno più di 6.000 brevetti e applicazioni che coprono le tecnologie wireless. Steve Dowling, portavoce di di Apple a Cupertino, California , e Deborah Hellinger, portavoce di Oracle, a Redwood City, California, hanno rifiutato di commentare, così come Tricia Payer, portavoce di Microsoft, a Redmond, Washington.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...