mercoledì 23 marzo 2011

Terremoto Giappone: Sony blocca la produzione in alcune fabbriche

http://uk.reuters.com/
Sony prevede di sospendere temporaneamente la produzione in cinque stabilimenti in Giappone a causa di problemi di approvvigionamento di materie prime e dei componenti dopo il terremoto del 11 marzo e il disastro dello tsunami, ha comunicato martedì. Il terremoto di magnitudo 9,0 e successivo tsunami che ha provocato danni estesi in tutta la costa orientale del Giappone e ha ucciso più di 23.000 persone. Aree che non erano direttamente danneggiate sono state colpite dalla chiusura di strade e collegamenti ferroviari, e le carenze di energia hanno portato al black-out programmato di una vasta area del Giappone orientale. Per le fabbriche di fuori della regione colpita del terremoto, la perturbazione ha significato una rottura nella consueta efficiente catena di fornitura del Giappone. Sony ha detto che fermerà la produzione almeno fino al 31 marzo nel suo stabilimento di Inazawa, che produce televisori LCD Bravia, e la Kohda plant, che produce videocamere Handycam e fotocamere digitali Cybershot. Anche la fabbrica Kosai sarà chiusa, che produce apparecchi professionali di radiodiffusione, la fabbrica Minokamo, che produce i telefoni cellulari e lenti per le fotocamere, e la fabbrica di Oita, che produce microfoni e cuffie. Sony ha detto che cercherà di garantire l'approvvigionamento delle materie prime e dei componenti di cui ha bisogno da altre fonti, ma ha avvertito che potrebbe spostare la produzione temporaneamente off-shore. La società ha già sospeso la produzione in nove fabbriche che sono state direttamente colpite dalla catastrofe o da carenze energetiche che ne derivano. La produzione completa ha ripreso in uno stabilimento, la produzione parziale in due impianti, e sei ancora in linea. I problemi di fornitura si faranno sentire al di là dell'industria elettronica.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...