giovedì 24 marzo 2011

Street View assolto in Germania, la privacy non è uguale per tutti


Mentre Parigi condanna Google a pagare 100mila euro perché le Google Car violano la privacy dei francesi, Berlino approva le inquadrature a 360°, a patto che la società rispetti la volontà dei cittadini di "offuscare" le immagini che inquadrano auto, abitazioni, persone. 

La Corte Suprema di Berlino ha infatti sentenziato la legalità del servizio di Google Street View, quello che mostra le immagini delle città e dei luoghi associati alle carte topografiche di Google Maps, e che in Germania era stato oggetto di accuse e denunce soprattutto riguardo al tema della violazione della privacy. La Corte ha giudicato sulla denuncia di una cittadina tedesca che non voleva che le proprie immagini comparissero online su Street View, sancendo che ottenere foto dal livello stradale e metterle su internet non viola nessuna legge tedesca. 

Le foto di Street View sono spesso ottenute da altezze di alcuni metri, grazie ad apparecchiature che elevano le telecamere, ma questo non è sembrato rilevante alla Corte, che ha anche tenuto conto del fatto che le immagini delle persone vengono sfocate e che ai cittadini tedeschi è permesso di chiedere di avere le proprie immagini rimosse (secondo Google questa richiesta sarebbe stata fatta finora da 244 mila tedeschi in 20 città, meno del 3% degli abitanti delle zone coperte). 

Esperti legali europei hanno definito la sentenza di Berlino una "decisione storica", dicendo che questo diventerà parte della giurisprudenza tedesca in materia dei diritti di proprietà. "Sì, gli altri sono ora avvisati: non citare in giudizio Google semplicemente sostenendo che Google Street View viola la personalità [o] i diritti di proprietà", ha scritto Thomas Hören, professore di diritto dei media e della comunicazione presso l'Università di Münster, in una e- mail inviata alla Deutsche Welle

Ma, ha anche avvertito che questa decisione è stata molto stretta, con particolare attenzione alla questione dei diritti di proprietà, e non su più ampie questioni di protezione dei dati da parte di Google. "Il problema di Google Street View - per essere onesti - non è mai stato un problema di diritti della personalità o diritti di proprietà, ma il rischio enorme di compilazioni di dati personali nei casi in cui le persone usano Google Street View per la compilazione di profili personali (come la costruzione di compagnie di assicurazione, futuri dipendenti, eccetera)", ha aggiunto. 

"E questo rischio non è stato considerato dai giudici a Berlino". Allo stesso modo, Viktor Mayer-Schönberger, professore presso l'Oxford Internet Institute, hanno convenuto che questo caso è stato "limitato", aggiungendo in una e-mail, "L'attore non è mai una effettiva presunta invasione della privacy, ma solo una potenziale".

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...