domenica 27 marzo 2011

Attacco ai "notai" del Web: a rischio e-mail, social network e Skype


E’ stato bloccato e “non è ripetibile” il cyber-attacco con il quale degli hacker hanno violato il sito della Comodo, una delle cinque Certification Authority al mondo che rilasciano le chiavi crittografiche che garantiscono l’attendibilità dei certificati digitali SSL. Lo ha detto all’ANSA il vicepresidente della Comodo per Europa, Medio Oriente e Africa, Massimo Penco. L’attacco risale al 15 marzo scorso, quando una delle authority che a livello locale esegue i controlli che permettono di assegnare un certificato (Registration Authority) ha ricevuto una e-mail dalla Comodo che avvertiva che si stava per mettere un certificato per Google.com. L’attacco, a quanto si apprende, sarebbe passato per l’Italia e sono stati rubati certificati 9 digitali per 6 domini: mail.google.com, google.com, login.yahoo.com (3 certificati), login.skype.com, addons.mozilla.org e login.live.com. “Un hacker era penetrato nel sistema della Comodo ed era riuscito a far emettere i certificati”, ha spiegato Penco. “Ci siamo accorti dell’intrusione e l’abbiamo bloccata nell’arco di 15 minuti, entro un’ora abbiamo revocato i certificati”. Le prime indagini hanno permesso di risalire a un indirizzo Ip dell’Iran, una provenienza che, secondo Penco, “al momento attuale risulta assolutamente plausibile”. Inoltre “in questo momento abbiamo alert in continuo”, ha aggiunto citando l’intrusione subita sempre a metà marzo alla Certification Authority americana Rsa, recenti minacce a siti web italiani e il ruolo che Internet ha giocato nelle rivolte nel Nord Africa. Sono almeno tre le possibili ipotesi, secondo l’esperto. La prima prevede che chi si impossessa di un certificato internet può utilizzarlo per impossessarsi di dati sensibili, come numeri di carte di credito: si apre, per esempio, un sito “credibile” nel quale si vendono prodotti online, segnalando gli estremi della carta di credito. Una seconda possibilità è che si agisca a scopo politico, ad esempio attaccando i browser che hanno permesso la circolazione delle e-mail durante la rivolta in Nord-Africa. Legata a questa è la terza ipotesi, secondo la quale il furto dei certificati potrebbe essere stato un tentativo di dirottare e-mail e conversazioni telefoniche su un computer sotto il controllo dell’hacker.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...