domenica 27 febbraio 2011

Google search cambia l’algoritmo: premierà la qualità e l'originalità


Google ha annunciato di aver cambiato l’algoritmo alla base del motore di ricerca con l’obiettivo di valorizzare, nei risultati, i siti web di qualità e penalizzare quelli con contenuti futili o meno originali. L’annuncio è avvenuto tramite un post sul blog ufficiale dell’azienda. L’algoritmo, ovvero l’insieme di calcoli con cui vengono cercati e indicizzati i risultati delle ricerche, permetterà di filtrare le cosiddette “content farm”, ossia quei siti che generano un’elevata quantità di contenuti di scarso valore col solo scopo di scalare le posizioni principali del motore di ricerca. Oppure siti che nonostante la scarsa rilevanza delle informazioni abbiano adottato con successo stratagemmi per salire nei ranking degli esiti delle ricerche:
“Il nostro obiettivo è semplice: dare alla gente le risposte più pertinenti alle loro domande il più velocemente possibile. Ciò richiede una costante sintonizzazione dei nostri algoritmi, come nuovi contenuti, sia i buoni e i cattivi sempre in linea. Molti dei cambiamenti che facciamo sono così sottili che pochissime persone ne accorgiamo. Ma negli ultimi giorni così abbiamo lanciato un miglioramento algoritmico abbastanza grande per la nostra classifica, un cambiamento che ha un impatto notevolmente 11,8% delle nostre richieste, e abbiamo deciso di far sapere alla gente cosa sta succedendo. Questo aggiornamento è progettato per ridurre le classifiche di bassa qualità dei siti siti che sono a basso valore aggiunto per gli utenti, copiare i contenuti da altri siti o siti che non sono solo molto utili. Allo stesso tempo, fornirà una migliore classifica per l'alta qualità dei siti, siti con contenuti originali e di informazione come la ricerca, relazioni approfondite, analisi attenta e così via. Non possiamo fare un grande miglioramento senza incidere le classifiche per molti siti. Succederà che alcuni siti saliranno e altri andarnno giù. Google dipende d'alta qualità dei contenuti creati dai meravigliosi siti web di tutto il mondo, e noi abbiamo la responsabilità di favorire un sano ecosistema web. Pertanto, è importante per i siti di alta qualità essere premiati, e questo è esattamente ciò che il cambiamento fa. Vale la pena notare che questo aggiornamento non si basa sul feedback che abbiamo ricevuto dal Personal Blocklist Chrome extension, che abbiamo lanciato la scorsa settimana. Tuttavia, abbiamo confrontato i dati Blocklist raccolti con i siti individuati dal nostro algoritmo, e siamo stati molto lieti del fatto che le preferenze espresse dai nostri utenti utilizzando l'estensione sono ben rappresentate. Se si prendono in considerazione i domini bloccati dall'estensione Chrome, questo cambiamento algoritmico ha bloccato quindi l'84% degli indirizzi, che è una forte conferma indipendente dei vantaggi per l'utente. Quindi, siamo molto entusiasti di questo nuovo miglioramento classifica perché crediamo che sia un grande passo nella giusta direzione di aiutare le persone a trovare sempre maggiore qualità nei nostri risultati. Abbiamo affrontato questi problemi per più di un anno, e lavorando su questo cambiamento specifico per i mesi scorsi. E ci stiamo lavorando su molti più aggiornamenti che crediamo potrà migliorare sensibilmente la qualità delle pagine nei nostri risultati. Per cominciare, abbiamo deciso di lanciare questo cambiamento solo negli Stati Uniti, abbiamo in programma di farlo avviare in altra sede nel corso del tempo. Vi terremo informati come abbiamo questo e altri cambiamenti al di fuori e, come sempre per favore continuate a dare un feedback sulla qualità dei nostri risultati, perché aiuta realmente a migliorare Google Search.”
L’aggiornamento e’ pensato per ridurre il ranking, ovvero la visibilità nei risultati di ricerca, dei siti di bassa qualità, e premiare i siti di qualità. La modifica sarà introdotta inizialmente solo negli Stati Uniti e, successivamente, estesa a tutto il resto del mondo. Secondo quanto dichiarato da Google, interesserà l’11,8% delle query e garantirà un servizio ancora migliore agli utenti che troveranno più facilmente i risultati di maggior interesse. L'azienda ha coinvolto i suoi stessi utenti nella crociata: attraverso il browser Chrome ha permesso loro di bloccare siti spazzatura. Google ha fatto sapere che la riforma dell'agoritmo è stata in grado di neutralizzare l'84% dei siti bocciati nel corso dell'esperimento.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...