venerdì 31 dicembre 2010

Web tv: Agcom, nuovi obblighi e responsabilità editoriale come tv


YouTube, DailyMotion, Vimeo e tutti gli altri siti che ospitano video generati dagli utenti verranno da ora in avanti equiparati alle tv. Due delibere appena pubblicate e approvate il mese scorso dall'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) li equiparano a servizi radiotelevisivi, con tutte le conseguenze del caso. L'Italia è probabilmente il primo Paese occidentale a fare questo salto interpretativo, da cui derivano obblighi inediti per i siti internet. L’ambito di applicabilità della nuova disciplina è limitato a quei fornitori di servizi media audiovisivi che svolgano un attività non precipuamente economica ed in concorrenza con la radiodiffusione televisiva con “esclusione dei servizi i cui ricavi annui derivanti da pubblicità, televendite, sponsorizzazioni, contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati, provvidenze pubbliche e da offerte televisive a pagamento, non superino centomila euro”. Le nuove delibere escludono senza dubbio web tv e web radio minori dalle nuove norme. Non si applicano infatti a chi fattura meno di 100 mila euro da questa specifica attività (audiovisiva) o ha un palinsesto settimanale inferiore alle 24 ore di video. Per coloro che, invece, superano i cento mila euro di ricavi sarà necessario, per lo svolgimento dell’attività lineare (streaming), richiedere un’autorizzazione che potrà essere concessa attraverso il c.d. silenzio-assenzo. I siti diventano inoltre soggetti a nuove norme, che potranno dare loro filo da torcere. Sono prese di peso, infatti, da quelle dei media tradizionali e mal si adattano alla realtà di internet. Per esempio: l'obbligo di rettifica entro 48 ore dalla richiesta degli interessati, che si sentano diffamati da un video o il divieto di pubblicare contenuti inadatti ai bambini durante le fasce orarie protette. I due documenti in PDF sono disponibili qui e qui.

VerbalVictor, l'applicazione per iPad che da voce ai disabili


Con tutte le applicazioni che troviamo su Apple Store, finalmente qualcosa che non è banale: è stata infatti approvata una App che aiuta i soggetti diversamente abili a comunicare con il mondo esterno, in caso di problemi di comunicazione. Victor Pauca è un ragazzo di 5 anni che ha una rara malattia genetica che gli proibisce di parlare e di comunicare con gli altri. 

Per aiutarlo, suo padre ha creato un’applicazione per iPad che trasforma il touchscreen in un facile tool di comunicazione. L'App si chiama VerbalVictor e costerà 10 dollari sullo Store americano, disponibile a breve, ed è composta da pulsanti da personalizzare con foto e frasi registrate, per calibrare la comunicazione non verbale del disabile, al quale basterà pigiare su un pulsante per esprimere il relativo concetto. 

Ci sono decine di applicazioni progettate per aiutare le persone con diverse disabilità, come quelle per aiutare a comunicare, che riproducono il testo sullo schermo in una voce chiara per aiutare le persone non vedenti a navigare sui loro telefoni. L'idea è del tutto simile all'apparecchio che utilizza Steven Hawking per comunicare, ma è molto più accessibile degli 8.200 dollari da sborsare per l'installazione del professore. 

VerbalVictor consente ai genitori e tutori per scattare foto e registrare l'audio di accompagnamento, le voci sono poi trasformati in pulsanti, che l'utente preme quando si vuole comunicare - come una sorta di display molto avanzato e personalizzabile. 

Il dispositivo può essere utilizzato per le espressioni semplici, come l'immagine di un cane che dice "cane" quando viene premuto, o per registrare frasi comunemente usate e frasi complete. Per il Pauca, che ha fondato il Pitt Hopkins Syndrome International Network, per incontrare e condividere informazioni con altre famiglie, qualcosa di apparentemente banale come una applicazione smartphone ha aggiunto ricchezza inesprimibile alla loro vita familiare.

Nuovo Doodle di Google per augurare buon 2011 agli internauti


Come sempre Google ha deciso di dedicare il suo logotipo ad un evento molto importante. Oggi, 31 dicembre 2010, Google ha dedicato il suo nuovo Doodle alla Notte di San Silvestro e al nuovo anno 2011. L'anno che sta per lasciarci è salutato da Google con un nuovo logotipo che riporta al centro la data in numeri romani MMXI (2011) su uno sfondo di fuochi d'artificio. Una buona occasione dunque per ricordarci il latino. Mountain View non manca mai di farci qualche sorpresa con i suoi Doodle (ormai divenuti per molti una collezione), ricordando anniversari, centenari, personaggi della storia, della cultura, della letteratura, della musica e della scienza. E lo fà con dei disegni che a volte sono elaborati o animati. In questo caso, cliccando sul logo si apre direttamente la pagina di ricerca di San Silvestro http://www.google.it/#q=Notte+di+San+Silvestro&ct=newyear11-hp&oi=ddle&fp=cb3bac95fcb517ef,
con tutte le notizie relative e tutta una serie di consigli utili per non farsi trovare impreparati all'attesissimo Veglione. Vengono elencati inoltre anche una serie di appuntamenti e di idee originali per trascorrere in allegria la notte di San Silvestro, e anche una serie di consigli per chi vuole rendere davvero particolare il cenone che in tante famiglie italiane è già in preparazione. E' la magia della notte di San Silvestro che porta via con se l'anno vecchio per dare spazio al nuovo, che induce a riflessioni e bilanci, portando nuove speranze e nuovi punti di partenza. La redazione di Future Web augura a tutti uno splendido 2011.

giovedì 30 dicembre 2010

L'ultima Kodachrome si è sviluppata oggi, si chiude un'era della fotografia‎


Oggi, Giovedì 30 dicembre a mezzogiorno (le 19 in Italia) è stato processato l'ultimo rullino Kodachrome della storia. Nell'ultimo laboratorio fotografico al mondo rimasto a operare sulla classica pellicola che nemmeno la Kodak produce più dal 2009. 

L'ultimo rullino è stato processato al Dwayne's Photo, l'ultimo laboratorio fotografico al mondo che ancora aveva un'apparecchiatura K-14 adatta allo sviluppo della pellicola Kodachrome, situato a Parsons, in Kansas. Una volta erano venticinque i laboratori che svolgevano questo tipo di lavoro. Ne restavano ancora uno in Giappone e uno in Svizzera. E, alla fine, solo quello in Kansas.

Dal 1935 la Kodachrome ha fatto la storia della fotografia: «Kodachrome non è stata solo una pellicola, ma una vera icona di un'epoca: la prima pellicola a colori accessibile a tutti», ha detto Todd Gustavson, del museo della fotografia George Eastman House di Rocherster, la cui sede si trova nell'ex abitazione del fondatore della Kodak. 

Kodachrome negli anni Settanta-Ottanta divenne sinonimo di foto di qualità, tanto che Paul Simon nel 1973 intitolò una sua canzone con il nome della pellicola. «Mamma non portarmi via la mia Kodachrome», così cantava il cantautore nella sua celebre canzone dedicata alla prima pellicola a colori prodotta da Eastman Kodak.

Kodachrome è stata utilizzata dai più grandi fotografi, specie quelli naturalisti, per l'altissima qualità dei dettagli e dei colori che nessun processo digitale fotografico è finora riuscito a uguagliare. E' stata anche la prima pellicola a colori destinata al grande pubblico, quella che ha chiuso l'epoca delle stampe in bianco e nero per le foto personali e di famiglia. 

L'ultimo rullino a essere processato è stato quello di Dwayne Steinle, il proprietario e fondatore del laboratorio fotografico di Parsons: l'ultima foto è stata una immagine di gruppo di tutto lo staff davanti all'ingresso del suo negozio. Oggi è andato via un altro pezzo di storia.






Skype 3.0 per iOS si aggiorna con la videochiamata anti FaceTime


Il software per le chiamate in Voip, finora dedicato solo a iPhone e iPod touch, si aggiorna con una versione anche per iPad. Inoltre adesso permette anche di effettuare videochiamate tra smartphone, tablet e Pc sotto rete 3G o Wifi. Il noto programma diventa così ufficialmente un concorrente di FaceTime, il sistema di videochiamata ideato da Apple. L'aggiornamento gratuito è disponibile sull'App Store e consente di effettuare e ricevere telefonate anche con il supporto video. "Le videochiamate hanno rappresentato circa il 40 per cento di tutti i minuti di traffico Skype-to-Skype nei primi sei mesi del 2010", dice Neil Stevens, General Manager della divisione consumer dell'azienda. Questo dato è quindi interpretato come un "segno che i nostri utenti sono ansiosi di poter comunicare in questa modalità dai loro telefoni cellulari".


Dunque non più solo comunicazioni vocali, ma con il supporto video, purché si disponga di un collegamento a banda larga via rete cellulare o Wifi. L'unico eventuale costo che si dovrà sostenere per le reti 3G dipende, ovviamente, dal tipo di contratto che si stipula con l'operatore telefonico. La nuova versione dell'applicazione Skype per iPhone è compatibile con iPhone 4, iPhone 3G S, iPad e iPod touch di quarta generazione. In particolare, su iPhone 4 è possibile selezionare l'utilizzo della fotocamera frontale o posteriore, mentre i dispositivi non dotati di fotocamera potranno soltanto ricevere la comunicazione video. L'importante è avere un dispositivo con installato il sistema operativo iOS almeno in versione 4.0. Skype 3.0 per iOS è quindi più completo di FaceTime, e si porta in vantaggio rispetto alla soluzione di Apple.

La versione WordPress 3.0.4 risolve un grave bug di sicurezza


Dopo il recente aggiornamento, WordPress ha reso disponibile un importante update di sicurezza che porta la versione attuale del famoso software di blogging alla versione 3.0.4. L’aggiornamento è definito dagli stessi sviluppatori ‘critico’ e quindi è vivamente consigliato a tutti coloro che usano WordPress di aggiornare il più presto possibile. 

La versione 3.0.4 di WordPress, disponibile da subito attraverso la pagina di aggiornamento nella vostra bacheca o per il download qui, è un aggiornamento molto importante da applicare ai siti più presto possibile, perché risolve un bug di sicurezza di base nella biblioteca HTML di WordPress, chiamata KSES. KSES è un filtro HTML scritto in PHP che provvede a rimuovere tutti gli elementi HTML indesiderati, ed effettua anche numerosi controlli sui valori degli attributi HTML. 

La versione 3.0.4 corregge un grave bug sul file KSES che gestisce l’immissione di codice HTML all’interno dei post e dei commenti del blog. KSES può essere utilizzato per evitare attacchi di tipo Cross-Site Scripting (XSS). Matt Mullenweg, promotore e software blogging della fondazione WordPress, scrive sul suo blog che è consapevole del fatto che un aggiornamento durante le vacanze non è proprio piacevole, ma questo vale la pena di effettuarlo. 

Se siete un ricercatore di sicurezza, WordPress sarà grata se deste un'occhiata su questo changeset nonché una visione del loro aggiornamento. Per WordPress è importante l'opininone di ciascuno, perchè desidera sentire i pensieri di più utilizzatori possibili. Un ringraziamento và a Mauro Gentile e Jon Cave (duck_) che hanno scoperto e avvisato la Fondazione di questa vulnerabilità XSS.

Mozilla rende pubblici per errore 44 mila ID utente e relative password


Mozilla, lo sviluppatore di popolari applicazioni open source come Firefox e Thunderbird, ha annunciato che un database contenente i nomi utente e gli hash delle password appartenenti a utenti dell'addons.mozilla.org è stato reso pubblico per caso. Se avete creato un account su addons.mozilla.org e voi siete uno dei 44.000 utenti che potrebbero essere stati colpiti da questa rivelazione accidentale, dovreste aver ricevuto una email di notifica da parte del team di sicurezza di Mozilla.

Mozilla ha memorizzato le password prima del 9 Aprile 2009 come hash MD5 (Message Digest algorithm 5). Mentre l'algoritmo MD5 può essere utilizzato per memorizzare le password in modo sicuro, non è chiaro come l'MD5 sia stato utilizzato dall'infrastruttura di Mozilla.

Mozilla ha controllato i propri registri e ha stabilito che l'unica persona al di fuori di Mozilla che ha avuto accesso al contenuto è stata la persona che ha rivelato la pubblicazione accidentale attraverso il programma web che permette ai volontari di segnalare bug relativi alla sicurezza. I funzionari della sicurezza di Mozilla sono stati informati della esposizione il 17 dicembre. La Fondazione ha inviato una notifica dell'esposizione via e-mail a tutti i titolari di account il 27 dicembre scorso.

Mozilla ha cancellato i via precauzionale le password di tutti i 44.000 account che sono stati memorizzati in formato MD5 dal sito addons indipendentemente dal fatto che siano stati esposti o meno. Le password appena create non saranno vulnerabili da una simile rivelazione, infatti, dal 9 aprile 2009 Mozilla ha utilizzato la crittografia SHA-512 per memorizzare gli hash delle password di ogni utente, perchè considerata più sicura.


Via: Naked Security

Honda hack: rubati gli indirizzi di posta elettronica di milioni di clienti


La Honda American ha annunciato di aver contattato milioni di suoi clienti perch degli hacker hanno rubato un database contenente nomi, indirizzi e-mail e Vins (il numero identificativo del veicolo, o ID univoco 17 caratteri per il vostro veicolo a motore). Il rischio evidente è che i criminali informatici possano usare la lista per inviare email ai clienti Honda, progettati per ingannare loro a fare clic su allegati dannosi o link, o ingannarli al fine di sottrarre informazioni personali. 

Se gli hacker sono in grado di presentarsi come Honda, e rassicurano di essere originali, citando il tuo numero identificativo del veicolo, un cliente Honda è molto probabile che vada a cliccare su un link o apra un allegato. Per questo motivo, la Honda ha contattato tutti i 2,2 milioni di clienti che ritiene potrebbe esseri stati coinvolti dalla violazione di sicurezza. 

Secondo un rapporto del Columbus Dispatch, i dati sono stati rubati ad una società di terza parte che ha inviato le e-mail di "Benvenuto" ai clienti che hanno creato gli account con l'azienda. Gli elenchi separati di un ulteriore 2,7 milioni di clienti di lusso del marchio automobilistico Honda Acura, sono stati esposti all'attacco di hacker, anche se in questo caso solo gli indirizzi e-mail si dice siano stati rubati dagli hacker. 

Tuttavia, gli indirizzi e-mail potrebbero essere utilizzati per l'invio di campagne di spam e ai clienti risulta  improbabile riuscire a capire se si trovano bersaglio di campagne di email marketing indesiderate da spammer e phisher. Honda ha pubblicato ulteriori informazioni e una serie di FAQ per i clienti interessati sul proprio sito web. E' necessario che vengano prese le necessarie precauzioni di sicurezza anche dai partner e fornitori di terze parti,  perchè ne vale dell'immagine aziendale.


Fonte: Naked Security
Via: Dispatch

mercoledì 29 dicembre 2010

Ultimi passi perchè il caricatore unico per cellulari diventi realtà


Gli organismi europei di normalizzazione Cen-Cenelec ed Etsi hanno completato l'elaborazione delle norme armonizzate per la fabbricazione di telefoni cellulari "data-enabled", in grado cioe' di essere collegati a un computer, compatibili con un nuovo caricatore universale. "Sono molto felice del fatto che gli organismi europei di normalizzazione abbiano soddisfatto la nostra richiesta di elaborare in tempi brevi le norme tecniche necessarie per produrre un caricatore per telefoni cellulari universale basato sul lavoro dell'industria", ha dichiarato il vicepresidente della Commissione Ue e responsabile dell'industria Antonio Tajani. "Spetta ora a quest'ultima mantenere il proprio impegno di vendere telefoni cellulari compatibili con il nuovo caricatore", ha ammonito il vicepresidente dell'esecutivo Ue, sottolineando che "il caricatore universale semplifichera' la vita ai consumatori, produrra' meno rifiuti e andra' a vantaggio delle imprese, e' una situazione da cui tutti escono vincenti". I principali produttori di telefoni cellulari del mondo - Apple, Emblaze Mobile, Huawei Technologies, LGE, Motorola Mobility, Nec, Nokia, Qualcomm, Research in Motion (Rim), Samsung, Sony Ericsson, Tct Mobile (Alcatel), Texas Instruments e Atmel - si sono infatti impegnati a garantire, sulla base del connettore micro-usb, la compatibilita' dei caricatori per telefoni cellulari data-enabled, che secondo le previsioni sara' la tipologia che entro due anni dominera' il mercato.

Natale: 4 milioni di italiani riciclano i regali non graditi su eBay


Sono oltre 4 milioni gli italiani pronti a rivendere on line i regali natalizi non graditi. Lo rivela un'indagine commissionata a Tns International, primo sito di commercio elettronico al mondo, da eBay, precisando che e' una tendenza in crescita. Se nel 2006, dopo tre giorni dallo scambio dei doni, le inserzioni su eBay erano meno di 2 mila, nel 2007 sono passate a 4 mila, a 6 mila nel 2008 e a 8 mila nel 2009. 

L’indagine ha inoltre rivelato che il Natale 2009 ha lasciato dietro di sé un 44% di regali indesiderati o doppi, costati complessivamente circa 794 milioni di euro.Per il 14% arrivano dai parenti acquisiti, soprattutto per le donne (16%), l’11% invece dagli amici e dai componenti delle famiglie allargate. 

Se azzeccare i regali e far contenti i destinatari è un’arte, anche saperli riciclare senza combinare disastri e “smistarli” nel modo giusto è un mestiere complicato, e internet in questo caso può essere un valido alleato. Poter rivendere facilmente online un regalo non gradito rappresenta l’occasione per dare valore ad un oggetto che comunque non si utilizzerebbe. 

Secondo una stima basata sui trend d’acquisto settimanali effettuata internamente da eBay, sarà il 19 Gennaio il giorno in cui si prevede il maggior numero di inserzioni di regali riciclati, in particolatr nelle categorie Computer, Abbigliamento e Accessori, Auto: ricambi e accessori, e Libri”. 

Oltre ai saldi nei negozi tradizionali, il post-Natale è infatti un ottimo momento per fare grandi affari anche su eBay, con tante occasioni e prezzi scontati. Quest'anno l'operazione di riciclo ha gia' coinvolto 8.400 regali, soprattutto capi d'abbigliamento e prodotti hi-tech.

CityVille, il nuovo gioco di Zynga su Facebook sorpassa FarmVille


CityVille è il nuovo fenomeno dei social games targato Zynga. Annunciato a novembre e lanciato ufficialmente il 2 dicembre, in meno di un mese di vita ha battuto tutti i record, conquistando oltre 67 milioni di utenti attivi e diventando in assoluto l'applicazione più popolare di Facebook. Secondo Appdata Cityville, il social game ha sfondato il tetto dei 60 milioni di utenti allla vigilia di Natale, sorpassando Farmville che si è fermato poco al di sotto dei 57 milioni di giocatori mensili. Un traguardo arrivato dopo una corsa mozzafiato che ha conosciuto una forte accelerazione durante le festività natalizie. Dalla scorsa primavera, infatti, complice una modifica nel sistema di notifiche di Facebook, considerato il motivo principale del successo virale di Farmville ma che molti frequentatori del social network consideravano molesto e invasivo almeno quanto lo spam, il gioco di punta di Zynga aveva visto ridursi progressivamente il numero di utenti. La software house è riuscita a compensare la fuga da Farmville conquistando nuovi giocatori proprio grazie Cityville, una versione gratuita e molto semplificata di Sim City, in cui si è impegnati a trasformare un piccolo centro abitato in una grande città, e che, come tutti i social games, può contare sul traino dell'interazione con i propri contatti Facebook. Un meccanismo che Zynga, nata nel 2007, è stata in grado di sfruttare con profitto, confermandosi anche per il 2010 leader di questo particolare settore dell'intrattenimento online, la cui principale fonte d'introito consiste nella vendita di oggetti virtuali da utilizzare all'interno delle comunità di gioco.

Atti notarili, al via la fase sperimentale della trasmissione telematica


E' stato dato il via all'attivazione, sperimentale e facoltativa, della trasmissione telematica di atti notarili al conservatore dei registri immobiliari. Il direttore dell'agenzia del Territorio, Gabriella Alemanno, e il direttore generale della Giustizia civile del dipartimento per gli Affari di giustizia del ministero competente, Maria Teresa Saragnano, hanno firmato il provvedimento interdirigenziale di attivazione della trasmissione telematica che riguarda la copia autenticata di un atto notarile predisposta per intero con strumenti informatici e con l'uso della firma digitale. Per ogni nota trasmessa, si spiega in una nota, l'agenzia del Territorio restituisce, sempre in via telematica, un certificato di eseguita formalita' provvisto anch'esso di firma digitale. La sperimentazione avra' inizio oggi presso gli uffici di Bologna, Firenze, Lecce e Palermo, in attesa di estendere l'invio telematico su tutto il territorio nazionale, con successivo provvedimento dell'agenzia del Territorio e del ministero della Giustizia. Nel caso di irregolare funzionamento del servizio telematico, l'agenzia spiega che assicurera' comunque l'eseguibilita' degli adempimenti, tramite presentazione di copia conforme e cartacea dell'atto notarile, nonche' la restituzione del certificato di eseguita formalita'. Con questo nuovo provvedimento, si sottolinea, l'agenzia del Territorio ''compie un ulteriore passo in avanti nella semplificazione dei procedimenti amministrativi e nell'agevolazione delle attivita' professionali attraverso l'uso dei mezzi informatici, realizzando nel contempo una proficua sinergia con altre importanti strutture della pubblica amministrazione''.

Trip Advisor si integra con Facebook e lancia l'applicazione per iPad


Il sito di viaggi TripAdvisor ha annunciato l’integrazione della propria piattaforma con Facebook. Grazie all’intesa con il social network, la Community di viaggiatori potrà personalizzare le pagine dei propri siti in base al profilo di ciascun visitatore, mostrando ad esempio le recensioni degli amici più fidati, le destinazioni più popolari fra i propri contatti in rete e la social map interattiva per i consigli di viaggio. L’integrazione è un ulteriore aiuto per la pianificazione dei viaggi e può rappresentare per i viaggiatori anche un’occasione di socializzazione. Navigando su TripAdvisor.it, mentre sono loggati su Facebook, i viaggiatori vedranno per prime le attività che i loro amici hanno condiviso, aiutandoli a prendere delle decisioni più consapevoli mentre stanno organizzando il loro viaggio.


Lanciata da pochi giorni, è anche disponibile la nuova applicazione, scaricabile dagli Apple App Store, che permette di cercare, grazie al proprio iPad, gli hotel più popolari, i ristoranti, le attrazioni, i voli più economici. Pensata con una connotazione fortemente locale, l’applicazione è disponibile in 19 lingue e in 26 nazioni in tutto il mondo. E' dotata di un’innovativa funzione per il Web browsing attraverso mappe territoriali, che permette ai viaggiatori di vedere le recensioni e di individuare velocemente il percorso dei loro itinerari di viaggio. Grazie all'accesso ai forum, inoltre, gli utenti possono fare delle domande ad altri viaggiatori come loro e ricevere preziosi consigli e le fotografie a tutto schermo.

Confrontare i prezzi per imbiancare, pulire e ristrutturare casa con Borsartigiano.it


Il confronto delle tariffe su internet sta diventando sempre di più il percorso intrapreso dai consumatori per arrivare all’acquisto di un determinato prodotto. Da questo presupposto è nato Borsartigiano.it, un nuovo sito che si concentra però sui servizi anziché sui prodotti, in particolare su quelli offerti dagli Artigiani che operano nel settore edile. Iscrivendosi gratuitamente è infatti possibile ricevere direttamente online una serie di proposte da confrontare per tutte le manutenzioni ordinarie e straordinarie di cui necessita la propria casa o il proprio ufficio. Il funzionamento, così come l’interfaccia di Borsartigiano è molto intuitiva. Basta infatti descrivere il tipo di servizio di ricercato, ad esempio la ristrutturazione del bagno di casa piuttosto che la pulizia dell’ufficio e in poco tempo gli Artigiani iscritti al portale lanciano la loro offerta. Il cliente ha così la possibilità di confrontare più offerte di prezzo per lo stesso servizio. Una volta assegnato l’appalto viene richiesto di lasciare un feedback positivo a favore della ditta vincitrice, questo per consentire ai prossimi utenti di scegliere anche in base al passaparola sul web. Gli artigiani bravi saranno sicuramente premiati da questo sistema. Per adesso Borsartigiano è gratuito sia ovviamente per i clienti e sia per le imprese che vogliono offrire i loro servizi. Potete trovare il sito al seguente indirizzo http://www.borsartigiano.it/. Per saperne di più c’è anche una semplice guida http://www.borsartigiano.it/faq.php.

martedì 28 dicembre 2010

ComScore: Facebook sorpassa Yahoo! per numero di visitatori


La società di ricerche di mercato ComScore ha pubblicato alcune statistiche riguardanti il traffico web del mese di novembre, secondo le quali Facebook è il terzo sito più visitato al mondo. Il social network di Mark Zuckerberg ha superato anche Yahoo! per numero di visitatori unici. I visitatori unici sono coloro che hanno effettuato il primo accesso (gli altri non vengono conteggiati). 

Dato che un visitatore unico viene individuato tramite cookie, non si tratta di un sistema di calcolo ideale: cancellando i cookie uno stesso visitatore potrebbe essere contato più volte nello stesso arco di tempo. Facebook ha ottenuto 648 milioni di visitatori unici a novembre 2010 contro i 630 del motore di Sunnyvale. Soltanto Microsoft (869 milioni di visitatori unici) e Google (970 milioni) sono davanti a Facebook in questa particolare classifica. 

Si noti, infatti, che queste stime sulle visite di comScore sono diverse da quelle ufficiali riguardanti il numero di utenti di Facebook che sono 500 milioni in tutto il mondo. I primi due posti della classifica sono occupati da Google e Microsoft, rispettivamente con 970 milioni e 869 milioni di contatti. 

Facebook ha recentemente superato Yahoo diventando il secondo sito più grande di video negli Stati Uniti, ed è anche la s seconda più grande fonte di traffico (dopo Google) ed altri siti di video sul web. Non c'è da stupirsi che Carol Bartz CEO di Yahoo! vede Facebook come il suo principale concorrente, non Google. Negli Stati Uniti, però, Facebook è ancora al quarto posto in termini di totale di visitatori mensili (con 152 milioni di euro), e Yahoo! è il numero uno (con 181 milioni di euro), quindi non tutto è perduto.


Via: TechCrunch

Whirlpool recluta i manager del futuro su Facebook


Whirlpool, azienda leader mondiale negli elettrodomestici, sceglie Facebook per il recruitment 2011 dei laureati destinati a posizioni manageriali. La pagina sul social network 'I Love Whirlpool' si affianca agli altri canali piu' tradizionali nella ricerca dei candidati, ma indica una chiara strategia da parte di Whirlpool; la multinazionale statunitense, da sempre in prima linea nell'innovazione, si apre agli strumenti del presente per incontrare i propri manager del futuro.

Sempre più tecnologiche le famiglie italiane, ma meno degli europei


Da quanto emerge dall'indagine Istat Cittadini e nuove tecnologie, cresce la quota di famiglie italiane che, rispetto al 2009, possiede il personal computer (dal 54,3% al 57,6%), l'accesso ad Internet (dal 47,3% al 52,4%) e che dispone di una connessione a banda larga (dal 34,5% al 43,4%). Le famiglie con almeno un minorenne sono le piu' tecnologiche: l'81,8% possiede il personal computer, il 74,7% l'accesso ad Internet e il 63% possiede una connessione a banda larga. All'estremo opposto si collocano le famiglie di soli anziani di 65 anni e piu' che continuano ad essere escluse dal possesso di beni tecnologici. Tra il 2009 e il 2010, rimane stabile il divario tecnologico tra il Nord e il Sud del Paese, mentre si riducono le differenze sociali per quasi tutti i beni tecnologici considerati. Ad esempio, la quota di famiglie con capofamiglia dirigente, imprenditore o libero professionista che possiedono l'accesso ad Internet passa dal 78,6% all'84,2% (+7,1%) mentre tra quelle con capofamiglia operaio passa dal 49,4% al 59,4% (+20,2%). Tra i motivi per cui le famiglie non possiedono accesso ad Internet al primo posto si colloca la mancanza di capacita' (40,8%). Il 23,2% delle famiglie considera Internet inutile e non interessante, il 13,2% non ha accesso ad Internet da casa perche' accede da un altro luogo, il 10,2% perche' considera costosi gli strumenti necessari per connettersi e l'8,2% perche' ritiene alto il costo del collegamento. L'Italia continua a rimanere indietro rispetto a molti dei paesi dell'Ue. Il nostro Paese, infatti, si colloca al 20° posto sia rispetto al possesso di Internet sia alla qualita' della connessione mediante banda larga.

Resi noti i dettagli sui siti compromessi dal gruppo Ninja hacker


Un gruppo di hacker che si fanno chiamare Ninja hanno compromesso diversi siti web, tra cui il mercato metropolitano carders.cc, il tracker exploit-db.com, la comunità free-hack.com, il progetto ettercap, la distribuzione Linux BackTrack e un clone milw0rm gestito da una squadra conosciuta come Inj3ct0r. I siti compromessi ed i dettagli sono stati resi noti nella seconda edizione della "Owned and Exposed" hacking ezine (rivista on line). Il primo numero è stato rilasciato in maggio e ha riguardato il primo sito compromesso di carders.cc." Abbiamo preso carders.cc (ancora) perché sono incapaci di imparare dai propri errori e continuano a diffondere spazzatura in giro per la metropolitana", l'hacker Ninja scrive. Il forum carders.cc è un particolare mercato per carte di credito rubate e informazioni personali. Le persone si occupano anche di apparecchiature utilizzate per creare biglietti contraffatti. Il sito presenta attualmente un messaggio che informa i membri del forum che sarà portato nuovamente in linea dopo le vacanze. Gli amministratori fanno notare che nessun server è sicuro al 100%.


Il gruppo Inj3ct0r è stato preso di mira in quanto sono considerati solo un mucchio di script kiddie (hacker in grado di scrivere il proprio codice di attacco), che ha clonato il defunto database milw0rm. L'obiettivo, free-hack.com, è una comunità di hacking tedesca dove le persone discutono i metodi e gli strumenti di scambio di attacchi speciali. Un messaggio visualizzato sul libero hack.com, è incerto. Ancora da decidere se ripristinarlo o meno. Tracker exploit-db.com e la distribuzione Linux BackTrack, due altri obiettivi di Ninja, vengono mantenuti da un gruppo di professionisti della sicurezza chiamato Offensive Security, che per ironia della sorte offrono formazione sulla sicurezza e certificazioni. Infine, l'hacker Ninja suggeriscono che ettercap, un popolare strumento di test di penetrazione, è stato vittima di backdoor negli ultimi cinque anni. Essi affermano inoltre che il sito web SourceForge, un grande repository di progetti open source, è stato compromesso. "Qualche buon consiglio per tutte le altre persone che utilizzano Sourceforge. Muovetevi, ci sono abbastanza buone alternative ", concludono gli hacker.


Alscience, il sito web per unire gli scienziati nella lotta contro la Sla


L'Agenzia di ricerca per la Sla (Arisla), lancia il sito web dedicato all'aggiornamento e allo scambio di informazioni tra gli studiosi di ogni latitudine, impegnati nella lotta alla sclerosi laterale amiotrofica (Sla), malattia incurabile che colpisce mille italiani all'anno. Un forum online raggiungibile all'indirizzo http://www.alscience.it/ per accorciare le distanze fra gli scienziati di tutto il mondo. 

Attraverso la nuova piattaforma virtuale, i vari team di ricerca possono condividere in tempo reale risultati e progetti, cosi' da ottimizzare gli sforzi di ognuno, evitare doppioni e accelerare la messa a frutto di ogni scoperta. Tra i fiori all'occhiello del portale, segnala una nota, la sezione aperta 'Your feedback': "Un vero e proprio media scientifico che si costruira' giorno dopo giorno grazie al contributo dei singoli ricercatori di tutte le nazionalita'. 

In quest'area, infatti, saranno raccolti e resi accessibili a tutti articoli sulla Sla che, ad esempio, non hanno trovato spazio nelle riviste scientifiche a larga diffusione, ma che possono essere spunti e strumenti preziosi per chi ogni giorno e' impegnato nella ricerca sulla malattia; abstract, poster e presentazioni integrali tenute nel corso di convegni o seminari su temi affini". 

Inoltre "sara' possibile trovare le job opportunities e le offerte formative in Italia e all'estero, un'iniziativa utile soprattutto per i piu' giovani, e le sedi piu' interessanti dove fare ricerca sia nei Paesi dove gia' esistono filoni di studio dedicati che nei Paesi emergenti. Infine, sul sito si trova il quadro complessivo della letteratura scientifica pubblicata - che sara' in costante aggiornamento e a disposizione non solo degli addetti ai lavori, ma anche dei giornalisti e del pubblico interessato - e la bacheca degli appuntamenti dedicati alla ricerca sulla Sla".

lunedì 27 dicembre 2010

Thrustmaster presenta T500 RS, il volante ufficiale per GT5


A poca distanza dalla release mondiale di Gran Turismo 5, è stato presentato il volante ufficiale relativo alla produzione firmata Polyphony Digital. Si tratta del Thrustmaster T500 RS, periferica realizzata appositamente per il titolo firmato da Mr Yamauchi, che quindi sostituisce il precedente realizzato da Logitech.  Lo stesso game director ha pubblicato attraverso il proprio profilo Twitter l'annuncio dell'arrivo del volante. Il T500 RS è un vero e proprio simulatore di guida, che unisce potenza a precisione. Le doppie licenze ufficiali di T500 RS, GT5 e PlayStation, sono il risultato di questa politica esclusiva, così come spiega Kazunori Yamauchi, amministratore delegato di Polyphony Digital e Senior Vice President di Sony Computer Entertainment.


“L’obiettivo che ho posto al team Thrustmaster è stato quello di progettare per me il volante più preciso mai presentato, senza alcuna latenza in grado di riprodurre accuratamente le sensazioni di GT5 e permettere agli utenti di rivivere pienamente le emozioni provate dai piloti nei veri circuiti di gara”, dichiara Yamauchi. Tra le sue peculiarità il peso pari a 4,6 kg per il volante e 7,3 kg per la pedaliera. Il volante, dotato della  tecnologia HEART (Hall Effect AccuRate Technology), offre una rotazione pari a 1080° regolabili grazie a un blocco motorizzato. Il Force Feedback viene generato da un motore industriale da 65W in grado di sviluppare 150mNm a 3000 RPM. Infine il prezzo, che lo pone sul mercato in fascia alta, dovrebbe essere di 499,99 euro (IVA inclusa) per il mercato europeo, in vendita a partire dal prossimo 25 gennaio.

Oracle, disponibile per tutti la virtual machine VM VirtualBox 4.0


Oracle ha annunciato la disponibilità di Oracle VM VirtualBox 4.0., migliorando così ulteriormente la popolare piattaforma software open source. VirtualBox è un potente prodotto di virtualizzazione per imprese, nonchè uso domestico per x86 AMD64/Intel64. 

Parte del portafoglio completo di soluzioni Oracle per la virtualizzazione, Oracle VM VirtualBox consente ai computer desktop o laptop di far girare sistemi operativi multipli contemporaneamente, permettendo così agli utenti di ottenere la massima flessibilità d’uso dei loro PC. 

Non solo VirtualBox è estremamente ricco di funzionalità, prestazioni elevate per i clienti enterprise, è anche l'unica soluzione professionale che è liberamente disponibile come software sotto i termini della GNU General Public License (GPL), attualmente VirtualBox gira su Windows, Linux, Macintosh e OpenSolaris ospita e supporta un gran numero di sistemi operativi guest incluso Windows

(NT 4.0, 2000, XP, Server 2003, Vista, Windows 7), DOS / Windows 3. X, Linux (2.4 e 2.6), Solaris e OpenSolaris e OpenBSD. Tra le nuove caratteristiche troviamo  una nuova interfaccia utente con finestra di anteprima del client ed il ridimensionamento della finestra della macchina. 

Un nuovo hardware virtuale con Chipset Intel ICH9 con tre bus PCI, PCI Express e messaggio interrupt. Intel HD Audio, per un miglior supporto dei moderni sistemi operativi. Miglioramenti per il supporto OVF e Open Virtualization Format Archive (OVA. Aggiunto il supporto per più schermi virtuali in guest Linux e Solaris utilizzando server X e per il ridimensionamento delle immagini VDI e VHD. Sono stati sistemati inoltre numerosi bug.

Skype si fa perdonare con 30 minuti gratis di chiamate per tutti



Il CEO di Skype, Tony Bates, dopo il lungo downtime che ha coinvolto la compagnia per più di una intera giornata, annuncia che la compagnia è pronta a chiedere scusa ai suoi utenti per lo scarso servizio offerto regalando ad ognuno 30 min di chiamate gratis verso un qualsiasi numero fisso nel mondo. Il CEO di Skype promette un voucher Skype Credit "omaggio" per farsi perdonare. La scelta è dettata dalla necessità di riguadagnare il perdono dei propri utenti nei giorni successivi al massiccio black-out che ha fermato il servizio a livello internazionale portando l’utenza all’impossibilità di comunicare con i propri cari proprio nei giorni degli auguri natalizi. Non è ancora chiaro che cosa abbia determinato il blackout di Skype, molti hanno parlato dalle prime ore di un attacco informatico sui server della compagnia.



Secondo il comunicato ufficiale, Skype avrebbe avuto problemi di connessione, a causa di problemi nella gestione della propria rete basata su alcuni punti principali di instradamento del traffico chiamati supernodi. Il CEO di Skype lascia aperta l'ipotesi per cui la causa originaria possa essere derivante da un attacco remoto. Skype promette ora un chiarimento così da poter chiudere quanto prima, ed una volta per tutte, una delle parentesi più complesse dell’intera storia della scoietà. Nel frattempo 30 minuti di chiamate gratuite valgono una richiesta di perdono. Tony Bates difatti dice sul blog: "Niente può ripagare le esperienze che non si sono fatte, ma abbiamo intenzione di inviare ai nostri utenti 'pay as you go' and 'pre-pay users' un voucher Skype Credit via email. Il voucher può essere usato per usufruire di circa 30 minuti di chiamate gratis verso i fissi in tutto il mondo"

Microsoft si prepara a sbarcare sui tablet con tecnologia ARM


Microsoft Corp., il più grande produttore al mondo di software, annuncerà una versione del suo sistema operativo del computer Windows che girerà  per la prima volta su tecnologia ARM Holdings Plc, hanno detto due persone molto vicine ai piani di Microsoft. Il nuovo prodotto farà il suo debutto al Consumer Electronics Show (CES) di gennaio, hanno detto i due, i quali hanno chiesto di non essere identificati a causa dei riservati piani di Microsoft. Il software potrebbe essere adattato per dispositivi alimentati a batteria, come i tablet PC e palmari. Il sistema operativo di Microsoft darebbe un altro modo di attaccare il mercato dei tablet PC e telefoni, dove ha perso terreno rispetto ad Apple Inc. e Google Inc. ARM - realizzata da Qualcomm Inc, Texas Instruments Inc. e Samsung Electronics Co. - è utilizzata nella maggior parte degli smartphone, come per la vendita degli Apple iPad. Una versione completa di Windows per i chip ARM è il modo migliore per Microsoft per incidere sugli iPad, ha detto Robert Breza, un analista di RBC Capital Markets con sede a Minneapolis. Mentre Windows è in posizione dominante nel mercato dei personal-computer, non ha ancora avuto successo nella tavoletta. Il nuovo software inoltre sarà in grado di lavorare sui processori Intel e Advanced Micro Devices Inc. Mentre le altre versioni di software Microsoft saranno volte ai telefoni e ai dispositivi mobili di lavoro sui chip ARM. Bill Cox , un portavoce di Redmond, Washington-based di Microsoft, ha rifiutato di commentare. Charlene Marini, un portavoce di ARM con sede in California, ha detto che la società non commenta voci o speculazioni. Tom Beermann di Intel, con sede a Santa Clara in California, anche rifiutato di commentare.

Falsa applicazione spam su Facebook da bloccare


Oggi, gli utenti di Internet trascorrono più tempo su Facebook di quanto non ne dedichino alle email. Gli spammer lo sanno e hanno adottato alcuni metodi per agire di conseguenza. La crescita dello spam su Facebook è causata infatti sia dai falsi profili sia dalle applicazioni spam, che presentano spesso la foto di una donna giovane e attraente. Ed in queste ore si sta diffondendo su Facebook una falsa applicazione che promette di mostrare il presunto suicidio di una ragazza dopo che questa avrebbe visto un post condiviso dal padre. L'applicazione che si diffonde attraverso le bacheche degli utenti invita a cliccare sulla foto della ragazza


Questa ragazza si è uccisa dopo il suo papà ha postato questo!

Clicca sull'immagine per vedere quello che suo papà ha postato!

Dopo aver cliccato si verrà rimandati sulla pagina vera e propria dell'applicazione che potrà:
  • Accedere alle vostre informazioni di base che includono nome, immagine del profilo, sesso, reti, ID utente, lista degli amici e qualsiasi altra informazione per la quale la privacy è impostata su "Tutti".
  • Pubblicare elementi sulla vostra bacheca quali messaggi di stato, note, foto e video
  • Accedere ai vostri dati in qualsiasi momento anche quando non state utilizzando l'applicazione


Avrete 30 sec. di tempo per cliccare (dimostrando che non siete dei bot) e poter vedere così il presunto contenuto eclatante. In realtà se cliccate sarete rimandati a siti esterni dove non visualizzerete alcuna immagine imperdibile, bensì vi verranno proposti abbonamenti a suonerie ed emoticons da installare sul proprio browser. A questo punto, se desiderate provvedere al blocco immediato dell'applicazione, cliccate su questo link. A questo proposito rammentiamo che la gran parte di smiley che richiedono l'installazione sul browser Web, non sono altro che adware utilizzati per indagare sulle vostre abitudini, nonchè sulla cronologia di navigazione, per poi mandarvi pubblicità mirata (nel miglior dei casi).

domenica 26 dicembre 2010

Wikileaks, l'autobiografia di Julian Assange in un libro per finanziarsi


Julian Assange ha firmato contratti da oltre un milione di sterline per la sua autobiografia. Lo ha reso noto in un'intervista concessa al Sunday Times. Il fondatore di Wikileaks ha spiegato che la somma gli servirà per nella difesa dalla accuse di aggressione sessuale nei confronti di due donne, accusa per la quale la Svezia ha chiesto la sua estradizione dalla Gran Bretagna dove è stato arrestato e poi rilasciato su cauzione. «Non voglio scrivere questo libro, ma devo farlo», ha spiegato. «Ho già speso 200 mila sterline in legali e devo difendermi e proteggere Wikileaks».

Facebook: bloccato un servizio di short url per motivi si di sicurezza


Alcuni indirizzi web abbreviati di Bit.ly sono rimbalzati indietro attraverso messaggi di errore di Facebook. La società ha confermato di aver bloccato i collegamenti j.mp degli aggiornamenti di stato e messaggi di pagine (non profili) per motivi di sicurezza, sperando si tratti di una misura temporanea. Bit.ly consente di trasformare un indirizzo internet lungo e complicato in un indirizzo corto e facile da digitare. Dobbiamo far notare che J.mp è un servizio valido di Bit.ly. Una possibile spiegazione è che ci siano stati una quantità inconsueta di URL j.mp canaglia con link a siti Web dannosi o siti di spam, innescando un meccanismo automatico di blocco di Facebook.


Un portavoce di Facebook ha detto:
"Come parte del nostro sforzo per mantenere Facebook e le persone che utilizzano il nostro servizio sicuro, viene effettuato un attento monitoraggio per lo spam condiviso sul sito dai contenuti dannosi. Al momento abbiamo bloccato j.mp, oltre il 70% dei collegamenti j.mp delineano spam o altri problemi di sicurezza. Stiamo lavorando con bit.ly per risolvere il problema."
Bit.ly utilizza dati provenienti da un certo numero di fonti indipendenti (tra cui Sophos, Websense, VeriSign, PhishTank e la Navigazione sicura di Google), oltre ai classificatori speciali interni a Facebook  che stabiliscono se i siti di destinazione di short URL propagano spam, virus o altro malware. È ancora possibile postare gli short URL bit.ly su Facebook. Ad Agosto Facebook aveva bloccato temporaneamente gli URL abbreviati con il dominio utilizzato da Ow.ly, probabilmente in risposta al worm Ymbot.a distribuito in uno short url che girava su Facebook. Tutti i link Ow.ly su Facebook, legittimi e malicious, avevano portato al blocco temporaneo del sito, visualizzando su Facebook una pagina di errore.

Twitter e Facebook, un business da 50 miliardi di dollari


Negli ultimi cinque mesi il valore implicito di Facebook è aumentato del 50% mentre quello di Twitter è più che raddoppiato. Il valore dell'azienda di Palo Alto ha raggiunto quota 41,2 miliardi di dollari, mentre a luglio era 26,4 miliardi, mentre Twitter, ha toccato i 3,7 miliardi di dollari. Gli investitori del mercato secondario, riguardante i titoli di aziende non quotate in borsa, stanno infatti scommettendo sulle società private della Silicon Valley, che crescono rapidamente. 

"Queste sono alcune delle aziende con la crescita più rapida nella storia", ha commentato Hans Swildens, fondatore di Industry Ventures. "Gli investitori stanno scommettendo che i social media saranno il futuro", evidenzia Laurence Allen, membro di Nyppex. Mentre i mercati azionari restano deboli, dunque, i titoli del mercato secondario per le aziende private continuano il proprio boom. 

Nonostante le due aziende non rendano pubblici i propri libri contabili, secondo persone vicine a Facebook il sito di Mark Zuckerberg quest'anno dovrebbe raggiungere un giro d'affari di 2 miliardi di dollari. "Tentativi esterni di stabilire il giro d'affari o il valore dell'azienda sono solamente speculativi", ha tagliato corto il portavoce di Facebook Jonny Thaw. 

"Se ci saranno parecchie Ipo", spiega tuttavia Swildens, "il boom potrebbe rallentare. Ma questo settore potrebbe continuare ad aumentare del 40% all'anno per i prossimi anni". Secondo gli analisti l'ipo di Facebook (che non arriverà prima del 2012) potrebbe essere la più grande del settore dai tempi di Google, che nel 2004 arrivò a Wall Street con un valore di 1,67 miliardi di dollari.

Via: L'Unità

sabato 25 dicembre 2010

L'Unita' di Crisi della Farnesina arriva su Facebook e Twitter



L'Unita' di Crisi della Farnesina sbarca su Facebook e Twitter per offrire un servizio piu' tempestivo ai turisti italiani all'estero. La novita' e' stata presentata in una conferenza stampa al ministero degli Esteri - presenti Franco Frattini, e il responsabile dell'Unita' di Crisi, Fabrizio Romano - in cui sono stati anche ricordati i molteplici strumenti a disposizione degli italiani che vogliano evitare sgradite sorprese quando viaggiano nel mondo. La pagina dell'Unita' di Crisi su Twitter aggiornera' in tempo reale i connazionali iscritti e quella su Facebook individuerà i connazionali all'estero in situazioni di pericolo. Frattini, a questo proposito ha innanzitutto raccomandato di evitare il turismo 'fai da te' nei Paesi a rischio. Inoltre ha ricordato i servizi gia' esistenti: il sito www.viaggiaresicuri.it e quello www.dovesiamonelmondo.it  (che consente, se registrati, di essere avvisato in caso di emergenze e situazioni a rischio nel Paese digitato). La Farnesina ha anche presentato un'applicazione per Smartphone e Tablet sviluppata in collaborazione con Samsung che consentira' di avere aggiornamenti in tempo reale su rischi, pericoli, problemi di sicurezza e calamita' naturali, oltre a dare schede informative su quasi duecento Stati nel mondo (formalita' d'ingresso, regole per la permanenza, sedi diplomatiche, rappresentanze per l'Italia, informazioni sanitarie e persino viabilita'). L'applicazione e' disponibile fin da ora, oltre che Samsung Apps, anche su Android Market; e da gennaio su tutte le altre piattaforme.

Il famoso video player open source VLC presto sull'Android Market


Il team che sta dietro il famoso open source video player VLC è impegnato a lavorare su una applicazione per Android, che potrebbe essere rilasciata nei primi mesi del 2011. VLC Lead Developer di Jean-Baptiste Kempf  ha riferito che sarà "una questione di settimane" fino al rilascio della prima applicazione VLC per i dispositivi mobili basati su Android. VLC è molto popolare tra Windows, Mac e Linux come soluzione minimalista in grado di riprodurre quasi tutti i file di formato pensabili. 

Il progetto open source ha avuto la prima nascita nello spazio mobile con il rilascio di una versione di iOS per gli iPad Apple a settembre. Il team di VLC ha lavorato su una versione di Android per mesi, ma il progresso è stato inizialmente ostacolato dal fatto che le librerie multimediali di sucita di Android sono in Java. Tuttavia, Google ha rilasciato una versione aggiornata del suo Android NDK all'inizio di questo mese, il che rende più facile utilizzare il codice nativo per le applicazioni Android. 

Kempf ha detto che la squadra da allora ha sviluppato due moduli di base per l'uscita audio e video basata sul nuovo NDK. "Abbiamo bisogno di lavorare, ma ci stiamo avvicinando", ha detto. La maggior parte delle librerie di VLC sono state già portate su Android. Eppure, Kempf  ha avvertito che i problemi con i dispositivi specifici potrebbero ritardare il rilascio. 

Il dispositivo di frammentazione di Android è stato un problema per gli sviluppatori in particolare nello spazio multimediale, ed è uno dei motivi per i quali non vi sono ancora applicazioni Netflix disponibili per i dispositivi Android. I progressi di App VLC Android possono essere seguiti sulla pagina del progetto di Git. VLC per Android permette di sfogliare le proprie collezioni multimediali. La versione Beta 0.9.5 di VLC media Player fo Android™ è disponibile per il download sul Google Play Store [Aggiornato]. 



Fonte: Future Web Net

Rilasciato Java SE 6 update 23, migliori prestazioni e più stabilità


Già annunciato sul blog di Oracle dedicato a Java SE, arriva il Java SE 6 update 23. Questa versione include miglioramenti delle prestazioni e correzioni di bug, supporto migliorato per le lingue. Diversi bug nel allineamento non predefinito e l'orientamento di testo per le voci di menu in Swing sono stati corretiti, questo è particolarmente importante per le lingue. Aggiunto il supporto per Linux SuSE Enterprise Server 10 e 11 in cinese (semplificato), Cinese (tradizionale), giapponese e coreano. Un altro problema è la corretta posizione della icona e il testo. Queste correzioni sono stati testati attraverso la loro inclusione nella release 7 di sviluppo JDK, ma questa è la prima volta che sono state rese disponibili tramite JDK 6.
Java SE 6 update 23 non contiene ulteriori correzioni per vulnerabilità di sicurezza rispetto la sua versione precedente, Java SE 6 update 22. Aggiornato il motore19 JVM HotSpot con miglioramenti delle prestazioni generali e l'affidabilità. Gli utenti che dispongono di Java SE 6 update 22 dispongono già delle ultime correzioni di sicurezza e non è necessario eseguire l'aggiornamento per eventuali correzioni. Per l'elenco delle correzioni dei bug, consultare la pagina relativa a Java SE 6 update 23. L'aggiornamento dovrebbe avvenire in maniera automatica, nel caso vorreste aggiornare manualmente Java all versione più recente, potete collegarvi a questa pagina, dunque selezionate il file dall'elenco riportato scegliendolo in base al sistema operativo disponibile.

Cina: oscurata la Bbc che riferisce le critiche di Benedetto XVI


La Cina ha oscurato oggi la rete tv Bbc che stava riferendo il discorso del Papa, nel quale Benedetto XVI ha severamente criticato le 'discriminazioni e le persecuzioni' contro i cristiani cinesi. Migliaia di persone si sono radunate in piazza San Pietro dove il Papa ha rivolto il messaggio "Urbi et orbi", seguito dagli auguri natalizi in 65 lingue. Il discorso del Papa ha abbracciato un po' tutte le situazioni di criticità del pianeta. Ai politici italiani ha dedicato questo suggerimento: "Ogni loro scelta e decisione sia sempre per il bene comune". Allargando lo sguardo sul mondo, il Papa ha rivolto parole di incoraggiamento ai cristiani della Cina, a causa delle limitazioni alla libertà di culto che sperimentano. Benedetto XVI ha fatto una breve pausa, come per raccogliere il massimo dell'attenzione quando ha auspicato che "si rafforzino "lo spirito, la fede, la pazienza e il coraggio nei fedeli della Cina continentale. Che non si perdano d'animo di fronte alle limitazioni" alla loro libertà di culto. Augurio che il Papa ha esteso "a tutte le comunità cristiane che ancora oggi soffrono la persecuzione e la discriminazione". E "i leader politici e religiosi" si impegnino "per il pieno rispetto della libertà religiosa di tutti". Per tutta risposta, Pechino ha oscurato la Bbc: la tv britannica stava riferendo del discorso del Papa e delle sue implicite accuse alle "discriminazioni e persecuzioni" contro i cristiani cinesi.

Natale: Gran Bretagna, le persone passeranno le feste su Internet


Per la prima volta in Gran Bretagna più persone passeranno Natale facendo shopping online che andando in Chiesa, non importa se cattolici o protestanti. Lo rivela Imrg (Interactive Media in Retail Group), l'organizzazione che rappresenta i commercianti su Internet. Questo 25 dicembre 4,8 milioni di britannici si attaccheranno al computer per fare acquisti, il 9% in più rispetto all'anno scorso. 

Questo sorpasso del consumismo online rispetto al raccoglimento spirituale è legato anche al tipo di regali di Natale che i britannici quest'anno troveranno sotto l'albero: tra i doni più popolari ci sono i tablet, dall'iPad della Apple al Galaxy di Samsung, con conseguente accesso ai rispettivi 'negozì online per acquistare le «applications». I saldi, per i sudditi di Sua Maesta', sono cominciati ieri. 

Molte catene, come ad esempio i colossi Marks e Spencer e John Lewis, hanno infatti deciso di abbattere i prezzi dei loro cataloghi anche del 75% a patto che lo shopping venga fatto su internet. Cosi', grazie al web, gli acquisti potranno protrarsi anche nel giorno di Natale: oggi, secondo Imrg pare che quasi cinque milioni di persone spenderanno su internet un record di 153 milioni di sterline (180 miliardi di euro). 

Il sorpasso è stato definito «deprimente» da vari gruppi cristiani. «Internet è una cosa meravigliosa - ha commentato Mike Judge, del Christian Institute -. Detto questo, le statistiche riflettono tristemente la società: il vero significato del Natale non si trova online». Tale crollo della spiritualità si deve forse anche al tipo di regali oggi più in voga, ovvero i tablet Apple e Samsung. Dopo l’immancabile pranzo a base di tacchino ripieno, la tentazione di navigare senza muoversi dal divano è troppo forte.

Via: La Stampa
Foto: Vostro soldi

Cowjacking, la degenerazione del marketing pubblicitario su Facebook


Il "Cowjacking", termine coniato per la prima volta dal blog di sicurezza Protezioneaccount.blogspot.com, è una delle 'pratiche' più antipatiche e comuni allo stesso tempo su Facebook. Si tratta di pagine Web che utilizzano il protocollo Open Graph di Facebook, introdotto lo scorso Aprile 2010, per integrare le pagine Web nel grafo sociale. In pratica consiste nel creare pagine "esca", il cui aspetto riproduce nella maggior parte dei casi il sito di Facebook, con titoli sensazionali ispirate ad avvenimenti attuali ma con notizie inventate, pensate per attirare utenti e spingerli a cliccare sul pulsante "Mi Piace", per vedere poi il contenuto della notizia e solitamente non si trova nulla o comunque false montature. Il cowjacking a volte è abbinato al likejacking e prevede post da condividere sulla propria bacheca di Facebook in modo da diffondere (spammare) tra gli utenti l'hoax (bufala). Un esempio sono le pagine del falso video hard di Belen, quella delle foto del cadavere di Sarah Scazzi e mille altre ancora. Anche la povera Yara Gambirasio non è stata risparmiata dalla fastidiosa pratica di spam. Ecco parte del codice:


Sebbene non comporti alcun rischio d'infezione o malware nel pc degli utenti, è senza dubbio di cattivo gusto e a dir poco macabra. Si chiede di cliccare su 'mi piace' e di condividere poi il link sulla propria bacheca, ma alla fine non c'è nulla da vedere: anche in questo caso, come anche in molti altri, la pagina si limita a sfruttare la curiosità morbosa dell'utente. Un utente distratto può cascare in questa macabra trovata e aderire a pagine fake, che hanno il solo scopo di raccogliere utenti e aumentare le visite su un sito. Il click non porta installare virus o programmi malware (fino adesso, dato che si potrebbe nascondere anche un iFrame malevolo), ma resta un atteggiamento scorretto e di cattivo gusto. Ciò che sorprende è, piuttosto, il fatto che molti internauti, nonostante questa pratica si ripeta ciclicamente su qualsiasi argomento, continuino comunque ad "abboccare", solo per la curiosità di verificare se le presunte foto o video ci siano o meno. Dunque, ogni volta che vedete una pagina che sponsorizza contenuti sensazionali (di solito "Incredibili"), evitate di cliccarci.

Samsung presenta la nuova telecamera dome SCD-2080R

Samsung presenta SCD-2080R, l’ultimo modello di dome con focale variabile, illuminatori LED IR integrati e che fornisce una soluzione elegante ed economicamente competitiva per una ricca serie di ambiti applicativi come uffici, negozi, stazioni di servizio e hotel. La nuova SCD-2080R implementa la funzione day/night con filtro per infrarossi rimovibile; grazie ai 12 LED IR integrati è in grado di catturare immagini nitide di oggetti distanti fino a 20 metri anche quando questi si trovano in zone di totale oscurità. Grazie all'utilizzo del chipset Samsung Techwin W-V DSP, la nuova telecamera dome Samsung SCD-2080R è in grado di acquisire immagini a colori di alta qualità con una risoluzione massima di 600 linee TV durante le ore diurne e immagini monocromatiche di 700 linee TV durante le ore notturne. Tra le altre funzioni principali vi sono otto zone per il rilevamento del movimento, dodici zone mascherabili per la privacy e la tecnologia Highlight Compensation, che identifica e neutralizza le aree più chiare nell'immagine. La compatibilità con il controllo coassiale consente di accedere direttamente dalla sala di controllo a un menù on screen multilingue tramite un DVR (Digital Video Recorder), come gli ultimi modelli Samsung della serie SRD. La tecnologia Samsung Super Noise Reduction di terza generazione (SSNRIII), che riduce i disturbi sull’immagine in presenza di scarsa illuminazione con risparmi fino al 70% di spazio di registrazione e di rete. Per maggiori informazioni www.samsungsecurity.com

AMD, schede madri per netbook disponibili dal primo trimestre 2011


AMD annuncia che nel 2011 saranno disponibili schede madri, basate sulla piattaforma mobile a basso consumo, nome in codice Brazos e la piattaforma AMD Embedded G-Series per sistemi embedded nome in codice eBrazos, entrambe basate sulla prima APU Fusion di AMD (Accelerated Processing Units). AMD Fusion APU promette di migliorare in maniera significativa l’esperienza di web browsing in termini di velocità di risposta e qualità della grafica e delle animazioni.

Di rendere estremamente fluida la riproduzione di video HD e di contenuti 3D anche su dispositivi mobili, di ottimizzare le prestazioni delle applicazioni di produttività GPU-accelerated come Microsoft PowerPoint, e di fornire migliori capacità nella gestione dei contenuti. Le piattaforme mobile a basso consumo saranno caratterizzate dall’APU E-Series 18-Watt di AMD, nome in codice Zacate o dall’APU C-Series 9-Watt di AMD, nome in codice Ontario

Diverse schede madri basate sull’APU E-Series di AMD verranno rilasciate per i canali retail e per i costruttori di sistemi da importanti ODM (Original Design Manufacturers) tra cui Asus, Gigabyte, Msi e Sapphire. Altre schede madri basate sulla piattaforma Embedded G-Series per sistemi embedded saranno invece disponibili nel primo trimestre del 2011. Con Brazos, Zacate e Ontario, AMD entra nel mercato dei subnotebook dopo anni di ritardo sul concorrente Intel, che almeno per quanto riguarda l'architettura x86 non ha attualmente concorrenti in grado di impensierirne la leadership di mercato.

Via: Adnkronos
Immagine: Livredor

Xerox leadership europea nel settore dei Managed Print Services

La società di ricerche di mercato Quocirca ha riconfermato la leadership di Xerox nel mercato europeo dei Managed Print Services (MPS) nell'edizione 2010 del report "MPS Comes of Age - European Vendor Analysis". Per il secondo anno consecutivo Quocirca ha dunque assegnato a Xerox la leadership di mercato, riconoscendone la presenza globale, un'offerta che va oltre il centro stampa e i lavoratori virtuali, e le competenze nel business process outsourcing e nell'outsourcing IT. Lo studio, che propone un'analisi completa del mercato europeo dei dispositivi MPS, mette in luce la capacità di Xerox di garantire da sempre risultati concreti a imprese di qualsiasi dimensione; capacità che trova conferma nei continui rinnovi dei contratti da parte dei clienti. “Questa conferma della leadership di Xerox dimostra come le grandi aziende stiano sempre di più puntando all'innovazione e al miglioramento dei processi aziendali, oltre che ai tagli dei costi”, ha evidenziato Louella Fernandes, Principal Analyst di Quocirca. “Gli importanti risultati registrati da Xerox sono di certo attribuibili all'ampliamento dei tradizionali servizi di stampa gestiti; l'offerta infatti va oltre il contesto dell'ufficio abbracciando anche la stampa di produzione interna e aggiungendo offerte complementari nell'ambito del business process outsourcing e dell'outsourcing IT”. La società ha sedi produttive in Irlanda, Gran Bretagna e Paesi Bassi e centri di ricerca e sviluppo (Xerox Research Centre Europe) a Grenoble in Francia. Per ulteriori informazioni visitate il sito www.xerox.it.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...