lunedì 27 settembre 2010

Trattato sui principi che governano le attività statali nell'esplorazione spaziale


The Outer Space Treaty è stato esaminato dalla sottocommissione legale nel 1966 e l'accordo è stato raggiunto nell'Assemblea Generale nello stesso anno, risoluzione 2222 (XXI). Il Trattato è stato in gran parte basato sulla Dichiarazione di principi giuridici che governano le attività degli Stati nell'esplorazione e nell'uso dello spazio esterno, che era stata adottata dall'Assemblea Generale nella sua risoluzione 1962 (XVIII) nel 1963, ma ha aggiunto un paio di nuove disposizioni.

Il trattato è stato aperto alla firma dei tre governi di deposito (la Federazione Russa, Regno Unito e gli Stati Uniti d'America) nel gennaio del 1967, ed entrato in vigore nell'ottobre del 1967 principi. The Outer Space Treaty fornisce il quadro di base spaziale internazionale in materia di diritto, tra cui la seguente:
  • l'esplorazione e l'uso dello spazio esterno deve essere effettuata a vantaggio e nell'interesse di tutti i paesi e sono della provincia di tutta l'umanità;
  • lo spazio esterno deve essere libero per l'esplorazione e l'utilizzo di tutti gli Stati;
  • lo spazio esterno non è oggetto di appropriazione nazionale rivendicazione di sovranità, per mezzo di uso o di occupazione, o con qualsiasi altro mezzo;
  • Gli Stati non luogo armi nucleari o altre armi di distruzione di massa in orbita o sui corpi celesti o stazione di loro nello spazio esterno in ogni altro modo;
  • la Luna e altri corpi celesti sono utilizzati esclusivamente per scopi pacifici;
  • Gli astronauti devono essere considerati come gli inviati del genere umano;
  • Gli Stati sono responsabili delle attività spaziali nazionali se effettuati da attività governative o non governative;
  • Gli Stati sono responsabili per i danni causati dai loro veicoli spaziali e
  • Gli Stati devono evitare contaminazione dannosa dei corpi e dello spazio celeste.
La proprietà di oggetti lanciati nello spazio esterno, e delle loro parti componenti, non è influenzato dal loro passaggio attraverso lo spazio esterno o dal loro ritorno alla terra. Tali oggetti o parti componenti trovati oltre i limiti dello Stato di immatricolazione devono essere restituiti allo Stato, che deve fornire i dati identificativi su richiesta prima del rientro. 

Ogni Stato che lancia o procura il lancio di un oggetto nello spazio esterno, e ciascuno Stato dal cui territorio o di un impianto di un oggetto è lanciato, è internazionalmente responsabile per i danni di uno Stato estero o alla sua persone fisiche o giuridiche per oggetto o sue parti componenti sulla terra, nello spazio aereo, o nello spazio. Per informazioni sugli Stati che sono parte della Outer Space Treaty, vedere il Treaty Status Index.

Fonte: Unoosa

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...