domenica 9 maggio 2010

Dischi orari motorizzati per allungare il tempo della sosta

Avevano acquistato un disco orario motorizzato e lo esponevano nell'auto in sosta. Ma sono stati smascherati dalla Polizia municipale e segnalati all'autorità giudiziaria per truffa aggravata. Gli ingegnosi automobilisti sono una decina di veronesi, scoperti mentre sistemavano sul cruscotto il dispositivo. A rendere nota la bizzarra trovata è il sindaco, Flavio Tosi, insieme con il comandante della Polizia municipale Luigi Altamura. L'indagine della polizia municipale è partita nel mese di febbraio.
Gli automobilisti avevano parcheggiato la vettura in zona Cittadella, area nella quale, dopo la prima mezz'ora di sosta gratuita, scatta la necessità di pagare il "Verona Park". Per evitare di versare il dovuto all'Amt, la municipalizzata che gestisce le aree di sosta scaligere, i conducenti avevano pensato di barare sull'orario di arrivo, grazie all'uso di dischi orari elettrici. Si tratta di veronesi di età compresa tra i 20 ed i 45 anni, prevalentemente liberi professionisti e studenti.
 Il dispositivo è facilmente reperibile sui siti di e-commerce, per esempio è in vendita su ebay alla modica cifra di 3,75 euro, ma le persone denunciate dovranno rispondere per questa «bravata» di truffa, reato che prevede, in caso di condanna, la reclusione da uno a cinque anni e un'ammenda da 309 a 1.549 euro. «Si tratta di un fenomeno in espansione - ha spiegato il comandante Altamura - probabilmente legato alla facilità di reperibilità su internet dello strumento, legata ad una sottovalutazione delle conseguenze del suo utilizzo». «L'invito dell'amministrazione comunale - ha detto Tosi - è naturalmente quello di non utilizzare questi sistemi, che talvolta possono essere adottati con leggerezza, ma che in realtà rendono passibili di denuncia per truffa aggravata, con condanna penale particolarmente pesante».
Fonte: Il gazzettino

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...