lunedì 3 maggio 2010

Critiche a Flash di Adobe, Steve Jobs spiega cosa non va nel software


Steve Jobs interviene ancora sulla diatriba tra Apple e Adobe. Scontro su Flash di Adobe System: come e perchè Apple lo critica, Google lo sostiene e Microsoft temporeggia. Adobe Flash è tra i più diffusi software in Rete (nel 75% dei video online) ma nasconde insidie per la sicurezza e problemi di performance e stabilità: questa la posizione ufficiale di Microsoft dopo la "lettera" aperta di Apple che si è pubblicamente schierata contro il software. Nei giorni scorsi, l'amministratore delegato di Apple Steve Jobs ha duramente criticato il plugin Flash, usato per produrre video e giochi  su molti siti, tra i quali Facebook. Apple ha vietato Flash per i device iPhone e iPad.

Anche un dirigente di Microsoft ha spiegato che, malgrado l'ubiquità di Flash renda facile per i consumatori accedere a video sul web, lo standard è difettoso. "Flash ha alcuni problemi, soprattutto in termini di affidabilità, sicurezza e performance", ha detto Dean Hachamovitch, general manager per il browser Internet Explorer, aggiungendo che Microsoft sostiene lo stesso protocollo per i contenuti media sul Web promosso da Apple, un gruppo di standards conosciuto come HTML5. Ma Microsoft è più conciliante verso Adobe rispetto ad Apple e ha detto di lavorare a stretto contatto con gli ingegneri di Flash per aiutare a sistemare i bug trovati nel prodotto

Google si è mostrata sorda alle critiche a Flash e decisamente sopra le parti, dichiarandosi eventualmente pronta ad integrare il plugin nella propria piattaforma Android. Tanto più che a Google fa gola il grande successo di YouTube, i cui video sono quasi interamente basati su tale tecnologia. Così come la stragrande maggioranza dei banner pubblicitari online. "Apple ha una lunga relazione con Adobe. In effetti, abbiamo incontrato i fondatori di Adobe quando erano nel loro proverbiale garage. Apple è stato il loro primo grande cliente, adottando il loro linguaggio PostScript per la nostra nuova stampante Laserwriter. Apple ha investito in Adobe, diventando proprietaria per circa il 20% della società per molti anni", si legge nella lettera aperta

"Le due aziende hanno collaborato strettamente nel periodo pionieristico del desktop publishing  e ci sono stati molti bei momenti. Da quella epoca d’oro, le società sono cresciute separatamente. Apple ha attraversato l’ esperienza di essere stata vicino alla fine, e Adobe si è rivolta al mercato aziendale con Acrobat. Oggi le due società lavorano ancora insieme per servire i loro clienti comuni creativi -Gli utenti Mac acquistano circa la metà dei prodotti della Creative Suite di Adobe - ma al di là di questo ci sono pochi interessi comuni. Ho voluto annotare alcuni dei nostri pensieri sui prodotti Adobe Flash, in modo che i clienti e i critici possono comprendere meglio il perché non permettiamo Flash su iPhone, iPod e iPads". 

"Adobe ha caratterizzato la nostra decisione come fosse un business d'impresa - dicono che vogliamo proteggere il nostro App Store - ma in realtà si fonda su questioni tecnologiche. Adobe afferma che noi siamo un sistema chiuso, e che Flash è aperto, ma in realtà è vero il contrario. Mi spiego. In primo luogo, c'è "Open". I Prodotti Adobe Flash sono al 100% di proprietà. Sono disponibili solo da Adobe, e Adobe ha l'autorità esclusiva per il loro miglioramento futuro, prezzi, ecc. Siccome i prodotti Adobe Flash sono ampiamente disponibili, questo non significa che sono aperti, dato che sono controllati interamente da Adobe e disponibili solo da Adobe. In quasi ogni definizione, Flash è un sistema chiuso".

"Apple ha anche molti prodotti proprietari. Sebbene il sistema operativo per iPhone, iPod e iPad è proprietario, crediamo fortemente che tutte le norme relative al web dovrebbero essere aperte. Piuttosto che usare Flash, Apple ha adottato HTML5, CSS e JavaScript - tutti standard aperti. Tutti i dispositivi mobili Apple sono venduti con alte prestazioni, implementazioni di bassa potenza di questi standard aperti. HTML5, il nuovo standard web che è stata adottato da Apple, Google e molti altri, permette agli sviluppatori web di creare grafica avanzata, tipografia, animazioni e transizioni senza dipendere da plugin per browser di terze parti(come Flash)". 

"HTML5 è completamente aperto e controllato da un comitato di standardizzazione, di cui Apple è membro. Apple crea anche standard aperti per il web. Per esempio, Apple ha iniziato con il progetto una piccola sorgente aperto e creato WebKit, un completo motore di rendering open-source HTML5 che è il cuore del browser web Safari, usato in tutti i nostri prodotti. WebKit è stato ampiamente adottato. Google lo utilizza per il browser di Android, Palm lo utilizza, Nokia lo usa, e RIM (Blackberry), ha annunciato che lo utilizzeranno presto. Quasi tutti i browser web degli smartphone diversi da Microsoft, utilizzano WebKit. Rendendo la propria tecnologia WebKit aperta, Apple ha fissato lo standard per i browser web mobile".

"In secondo luogo, c'è il "Full Web". Adobe ha ripetutamente detto che i dispositivi mobile di Apple non possono accedere al web in maniera completa perché il 75% dei video sul web è in Flash. Quello che non hanno voluto dire è che quasi tutti questo video sono disponibili anche in un formato più moderno, H.264 e visualizzabili su iPhone, iPod e iPads. YouTube, con una stima del 40% dei video totali, brilla in un app in bundle su tutti i dispositivi mobili di Apple, e, con l'offerta iPad, diventa forse la migliore esperienza di visualizzazione di YouTube e di sempre (...) Un'altra affermazione di Adobe è che i dispositivi Apple non possono far girare i giochi in Flash. Questo è vero". 

"Fortunatamente però, ci sono oltre 50.000 giochi e titoli di intrattenimento su App Store, e molti di loro sono gratuiti. Ci sono più giochi e titoli di intrattenimento disponibili per iPhone, iPod e iPad che per qualsiasi altra piattaforma al mondo. In terzo luogo, c'è l'affidabilità, la sicurezza e le prestazioni. Symantec ha recentemente evidenziato che Flash ha un brutto record per la sicurezza nel 2009. Sappiamo anche di prima mano che Flash è il numero uno dei motivi per cui i Mac crashano. Stiamo lavorando con Adobe per risolvere questi problemi, ma hanno protratto i problemi per diversi anni. Noi non vogliamo ridurre l’affidabilità e la sicurezza dei nostri iPhone, iPod e iPads con l'aggiunta di Flash (...)".





Via: Reuters

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...